Il presente blog costituisce un almanacco nato per raccogliere i testi completi (ed annesse fotografie e video) dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (solo se disponibili).

"Dopo gli anni ovattati dell'infanzia e quelli spensierati dello studio ci si immerge nella catena lavorativa che, al di là di qualunque gratificazione, assorbe e lascia poco tempo ... e poi finalmente arriva la tua quarta dimensione ... e ritrovi quella serenità smarrita."

Il presente blog costituisce un almanacco che raccoglie i testi completi dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (se disponibili).

Translate

venerdì 30 giugno 2017

Torino 2017 "Dettagli e particolari" (Slide show)


“Festino 2012” in mostra al Megastore Mondadori dal 7 al 16 luglio 2017




Certo è che ogni evento, per essere vissuto pienamente deve, in qualche modo, essere stato partecipato.

Il festino 2012 per me ed un gruppo di amici amanti della fotografia è stata una esperienza unica e per tanti motivi.

L’annuale appuntamento popolare del 2012 succedeva alla rielezione a Sindaco del Comune di Palermo di Leoluca Orlando e quel festino ha rappresentato per molti il desiderio rinascita e di partecipazione. L’edizione del 388^ Festino ha coinvolto, infatti e in particolare, varie realtà artistiche e, più in generale, culturali cittadine che necessitavano di manifestare il loro desiderio di riscatto.

Come sempre, la partecipazione dei palermitani tutti avrebbe fatto da collante nella sintesi conclusiva della sera del 14 luglio.

In quanto parte di una articolata squadra coordinata da Rosellina Garbo, noi, con le nostre reflex, abbiamo cercato di documentare il Festino dal suo interno. Il tutto in un palcoscenico di prove principalmente incentrato in diversi spazi e capannoni dei Cantieri Culturali della Zisa, fiore all’occhiello simbolo della storica “Primavera Palermitana”.

Fin dall’inizio ci si è impegnati a documentare tutti gli aspetti collegati all’evento, dai vari Comitati, singoli artisti, agli aspetti cantieristici legati all’approntamento dell’originalissimo carro, affastellato di ricchi addobbi floreali e dipinto con i colori dell’arcobaleno, alla creazione della statua della santa ideata e realizzata dal maestro Rizzuti.

Sono state sei giornate intense, con noi fotografi appassionati a correre da un luogo all’altro di Palermo con compiti diversi, per cercare di raccogliere testimonianze significative.

Da Santa Chiara al Conservatorio Vincenzo Bellini, dalle prove del “Fest Mob” ai Cantieri a quelle del corpo di ballo a Villa Pantelleria, il tutto senza perdere mai di vista lo stato di avanzamento dei complessi lavori al Cantiere Municipale per il Carro e all’approntamento della avvenente sagoma scultorea di Santa Rosalia.

La sostanziale passione che accomuna sempre nel volontariato ci ha facilitato nei vari compiti, così che ogni scatto fotografico potesse essere realizzato senza barriere e con assoluta naturalezza.

La serata del 14 l’ho vissuta, penso come altri, in forme scadenzate di apnea; con immersioni nei contesti delle scene da riprendere/fissare ed un riemergere per riordinare le idee, sempre in cerca di soluzioni migliori: così, una boccata d’aria e via.

Alla fine, come sempre, è rimasta tanta stanchezza ma piena di bei ricordi e di una ricca raccolta d’immagini.

Dopo cinque anni accade poi che si ripresentano momenti che ripescano nella memoria; nello specifico è un caso che Leoluca Orlando si ripresenti per l’elezione a Sindaco di Palermo e guarda caso, pure, con avversario principale lo stesso Ferrandelli di allora ed ancora, come candidato dei Cinque Stelle quell’avvocato Forello che nel 2012 trainava il Carro trionfale della Santuzza lungo da discesa del Cassaro.

La mostra “Festino 2012” che raccoglie mie fotografie e dell’amico Salvo Cristaudo, con le immagini proposte, vuole raccontare visivamente frammenti di un’esperienza intensamente vissuta, con l’ambizione di far rivivere le nostre stesse emozioni anche in coloro che si vedranno ritratti nelle nostre foto.

Essec (http://www.giornalecittadinopress.it/festino-2012-clemente-e-cristaudo-in-mostra-al-megastore-mondadori/)

N.B. - Diversamente da quanto programmato, la mostra terminerà il 16 luglio in concomitanza della  chiusura del Megastore Mondadori di Palermo di Via Ruggero Settimo.

Certo è che ogni evento, per essere vissuto pienamente deve, in qualche modo, essere stato partecipato. Il festino 2012 per me e un gruppo di amici amanti della fotografia è stata una esperienza unica e per tanti motivi. L’annuale appuntamento popolare del 2012 succedeva alla rielezione a Sindaco del Comune di Palermo di Leoluca Orlando e quel festino ha rappresentato per molti il desiderio rinascita e di partecipazione. L’edizione 388 del Festino ha coinvolto, in particolare, varie realtà artistiche e, più in generale, culturali cittadine che necessitavano di manifestare il loro desiderio di riscatto. Come sempre, la partecipazione dei palermitani tutti avrebbe fatto da collante nella sintesi conclusiva della sera del 14 luglio. In quanto parte di una articolata squadra, coordinata da Rosellina Garbo, io (Toti Clemente, ndr) e Salvo Cristaudo, con le nostre reflex, abbiamo cercato di documentare il Festino dal suo interno. Il tutto in un palcoscenico di prove principalmente incentrato in diversi spazi e capannoni dei Cantieri Culturali della Zisa, fiore all’occhiello simbolo della storica “Primavera Palermitana”. Fin dall’inizio ci siamo impegnati a documentare tutti gli aspetti collegati all’evento, dai vari Comitati, ai singoli artisti, agli aspetti cantieristici legati all’approntamento dell’originalissimo carro, affastellato di ricchi addobbi floreali e dipinto con i colori dell’arcobaleno, alla creazione della statua della santa ideata e realizzata dal maestro Rizzuti. Sono state sei giornate intense, con noi fotografi appassionati a correre da un luogo all’altro di Palermo con compiti diversi, per cercare di raccogliere testimonianze significative. Da Santa Chiara al Conservatorio Vincenzo Bellini, dalle prove del “Fest Mob” ai Cantieri a quelle del corpo di ballo a Villa Pantelleria, il tutto senza perdere mai di vista lo stato di avanzamento dei complessi lavori al Cantiere Municipale per il Carro e all’approntamento della avvenente sagoma scultorea di Santa Rosalia. La sostanziale passione che accomuna sempre nel volontariato ci ha facilitato nei vari compiti, così che ogni scatto fotografico potesse essere realizzato senza barriere e con assoluta naturalezza. La serata del 14 l’ho vissuta, penso come altri, in forme scadenzate di apnea; con immersioni nei contesti delle scene da riprendere/fissare e un riemergere per riordinare le idee, sempre in cerca di soluzioni migliori: così, una boccata d’aria e via. Alla fine, come sempre, è rimasta tanta stanchezza ma un’esperienza piena di bei ricordi e di una ricca raccolta d’immagini. Dopo cinque anni accade poi che si ripresentano momenti che ripescano nella memoria; nello specifico è un caso che Leoluca Orlando si ripresenti per l’elezione a Sindaco di Palermo e guarda caso, pure, con avversario principale lo stesso Ferrandelli di allora ed ancora, come candidato dei Cinque Stelle quell’avvocato Forello che nel 2012 trainava il Carro trionfale della Santuzza lungo da discesa del Cassaro. La mostra “Festino 2012” che raccoglie mie fotografie e dell’amico Salvo Cristaudo, con le immagini proposte, vuole raccontare visivamente frammenti di un’esperienza intensamente vissuta, con l’ambizione di far rivivere le nostre stesse emozioni anche in coloro che si vedranno ritratti nelle nostre foto. La mostra fotografica “Festino 2012”, di Toti Clemente e Salvo Cristaudo, sarà esposta al Megastore Mondadori, di via Ruggero Settimo 16 a Palermo, dal 7 al 28 luglio 2017. Vernissage venerdì 7 luglio alle 17,30 durante il quale saranno presenti Clemente e Cristaudo. A seguire una tavola rotonda coordinata da Andrea Di Napoli che vedrà come relatori Nino Giaramidaro e Raffaele Savarese. La mostra sarà visitabile gratuitamente durante gli orari di apertura del Megastore Mondadori.

Leggi su: http://www.giornalecittadinopress.it/festino-2012-clemente-e-cristaudo-in-mostra-al-megastore-mondadori/
Certo è che ogni evento, per essere vissuto pienamente deve, in qualche modo, essere stato partecipato. Il festino 2012 per me e un gruppo di amici amanti della fotografia è stata una esperienza unica e per tanti motivi. L’annuale appuntamento popolare del 2012 succedeva alla rielezione a Sindaco del Comune di Palermo di Leoluca Orlando e quel festino ha rappresentato per molti il desiderio rinascita e di partecipazione. L’edizione 388 del Festino ha coinvolto, in particolare, varie realtà artistiche e, più in generale, culturali cittadine che necessitavano di manifestare il loro desiderio di riscatto. Come sempre, la partecipazione dei palermitani tutti avrebbe fatto da collante nella sintesi conclusiva della sera del 14 luglio. In quanto parte di una articolata squadra, coordinata da Rosellina Garbo, io (Toti Clemente, ndr) e Salvo Cristaudo, con le nostre reflex, abbiamo cercato di documentare il Festino dal suo interno. Il tutto in un palcoscenico di prove principalmente incentrato in diversi spazi e capannoni dei Cantieri Culturali della Zisa, fiore all’occhiello simbolo della storica “Primavera Palermitana”. Fin dall’inizio ci siamo impegnati a documentare tutti gli aspetti collegati all’evento, dai vari Comitati, ai singoli artisti, agli aspetti cantieristici legati all’approntamento dell’originalissimo carro, affastellato di ricchi addobbi floreali e dipinto con i colori dell’arcobaleno, alla creazione della statua della santa ideata e realizzata dal maestro Rizzuti. Sono state sei giornate intense, con noi fotografi appassionati a correre da un luogo all’altro di Palermo con compiti diversi, per cercare di raccogliere testimonianze significative. Da Santa Chiara al Conservatorio Vincenzo Bellini, dalle prove del “Fest Mob” ai Cantieri a quelle del corpo di ballo a Villa Pantelleria, il tutto senza perdere mai di vista lo stato di avanzamento dei complessi lavori al Cantiere Municipale per il Carro e all’approntamento della avvenente sagoma scultorea di Santa Rosalia. La sostanziale passione che accomuna sempre nel volontariato ci ha facilitato nei vari compiti, così che ogni scatto fotografico potesse essere realizzato senza barriere e con assoluta naturalezza. La serata del 14 l’ho vissuta, penso come altri, in forme scadenzate di apnea; con immersioni nei contesti delle scene da riprendere/fissare e un riemergere per riordinare le idee, sempre in cerca di soluzioni migliori: così, una boccata d’aria e via. Alla fine, come sempre, è rimasta tanta stanchezza ma un’esperienza piena di bei ricordi e di una ricca raccolta d’immagini. Dopo cinque anni accade poi che si ripresentano momenti che ripescano nella memoria; nello specifico è un caso che Leoluca Orlando si ripresenti per l’elezione a Sindaco di Palermo e guarda caso, pure, con avversario principale lo stesso Ferrandelli di allora ed ancora, come candidato dei Cinque Stelle quell’avvocato Forello che nel 2012 trainava il Carro trionfale della Santuzza lungo da discesa del Cassaro. La mostra “Festino 2012” che raccoglie mie fotografie e dell’amico Salvo Cristaudo, con le immagini proposte, vuole raccontare visivamente frammenti di un’esperienza intensamente vissuta, con l’ambizione di far rivivere le nostre stesse emozioni anche in coloro che si vedranno ritratti nelle nostre foto. La mostra fotografica “Festino 2012”, di Toti Clemente e Salvo Cristaudo, sarà esposta al Megastore Mondadori, di via Ruggero Settimo 16 a Palermo, dal 7 al 28 luglio 2017. Vernissage venerdì 7 luglio alle 17,30 durante il quale saranno presenti Clemente e Cristaudo. A seguire una tavola rotonda coordinata da Andrea Di Napoli che vedrà come relatori Nino Giaramidaro e Raffaele Savarese. La mostra sarà visitabile gratuitamente durante gli orari di apertura del Megastore Mondadori.

Leggi su: http://www.giornalecittadinopress.it/festino-2012-clemente-e-cristaudo-in-mostra-al-megastore-mondadori/
Certo è che ogni evento, per essere vissuto pienamente deve, in qualche modo, essere stato partecipato. Il festino 2012 per me e un gruppo di amici amanti della fotografia è stata una esperienza unica e per tanti motivi. L’annuale appuntamento popolare del 2012 succedeva alla rielezione a Sindaco del Comune di Palermo di Leoluca Orlando e quel festino ha rappresentato per molti il desiderio rinascita e di partecipazione. L’edizione 388 del Festino ha coinvolto, in particolare, varie realtà artistiche e, più in generale, culturali cittadine che necessitavano di manifestare il loro desiderio di riscatto. Come sempre, la partecipazione dei palermitani tutti avrebbe fatto da collante nella sintesi conclusiva della sera del 14 luglio. In quanto parte di una articolata squadra, coordinata da Rosellina Garbo, io (Toti Clemente, ndr) e Salvo Cristaudo, con le nostre reflex, abbiamo cercato di documentare il Festino dal suo interno. Il tutto in un palcoscenico di prove principalmente incentrato in diversi spazi e capannoni dei Cantieri Culturali della Zisa, fiore all’occhiello simbolo della storica “Primavera Palermitana”. Fin dall’inizio ci siamo impegnati a documentare tutti gli aspetti collegati all’evento, dai vari Comitati, ai singoli artisti, agli aspetti cantieristici legati all’approntamento dell’originalissimo carro, affastellato di ricchi addobbi floreali e dipinto con i colori dell’arcobaleno, alla creazione della statua della santa ideata e realizzata dal maestro Rizzuti. Sono state sei giornate intense, con noi fotografi appassionati a correre da un luogo all’altro di Palermo con compiti diversi, per cercare di raccogliere testimonianze significative. Da Santa Chiara al Conservatorio Vincenzo Bellini, dalle prove del “Fest Mob” ai Cantieri a quelle del corpo di ballo a Villa Pantelleria, il tutto senza perdere mai di vista lo stato di avanzamento dei complessi lavori al Cantiere Municipale per il Carro e all’approntamento della avvenente sagoma scultorea di Santa Rosalia. La sostanziale passione che accomuna sempre nel volontariato ci ha facilitato nei vari compiti, così che ogni scatto fotografico potesse essere realizzato senza barriere e con assoluta naturalezza. La serata del 14 l’ho vissuta, penso come altri, in forme scadenzate di apnea; con immersioni nei contesti delle scene da riprendere/fissare e un riemergere per riordinare le idee, sempre in cerca di soluzioni migliori: così, una boccata d’aria e via. Alla fine, come sempre, è rimasta tanta stanchezza ma un’esperienza piena di bei ricordi e di una ricca raccolta d’immagini. Dopo cinque anni accade poi che si ripresentano momenti che ripescano nella memoria; nello specifico è un caso che Leoluca Orlando si ripresenti per l’elezione a Sindaco di Palermo e guarda caso, pure, con avversario principale lo stesso Ferrandelli di allora ed ancora, come candidato dei Cinque Stelle quell’avvocato Forello che nel 2012 trainava il Carro trionfale della Santuzza lungo da discesa del Cassaro. La mostra “Festino 2012” che raccoglie mie fotografie e dell’amico Salvo Cristaudo, con le immagini proposte, vuole raccontare visivamente frammenti di un’esperienza intensamente vissuta, con l’ambizione di far rivivere le nostre stesse emozioni anche in coloro che si vedranno ritratti nelle nostre foto. La mostra fotografica “Festino 2012”, di Toti Clemente e Salvo Cristaudo, sarà esposta al Megastore Mondadori, di via Ruggero Settimo 16 a Palermo, dal 7 al 28 luglio 2017. Vernissage venerdì 7 luglio alle 17,30 durante il quale saranno presenti Clemente e Cristaudo. A seguire una tavola rotonda coordinata da Andrea Di Napoli che vedrà come relatori Nino Giaramidaro e Raffaele Savarese. La mostra sarà visitabile gratuitamente durante gli orari di apertura del Megastore Mondadori.

Leggi su: http://www.giornalecittadinopress.it/festino-2012-clemente-e-cristaudo-in-mostra-al-megastore-mondadori/

giovedì 29 giugno 2017

Il Pm Woodcock, nemico pubblico dell'Italia ladra

 
Ora possiamo tirare un respiro di sollievo, rilassarci, abbiamo trovato finalmente il responsabile di tutte le malefatte italiane: è il Pubblico ministero John Henry Woodcock. Questo magistrato, attualmente di stanza a Napoli, da cui è partita l’inchiesta sulla Consip, è sotto inchiesta della Prima commissione del Csm, presieduta dal ‘laico’ Giuseppe Fanfani Pd, e per “incompatibilità ambientale” potrebbe essere trasferito ad altra sede, preferibilmente il più lontano possibile dalle Procure che contano ma anche da quelle che non contano perché la sua storia dice che è capace di far danni ovunque. 

Prima di occuparci del ‘caso Woodcock’ due parole sul Csm. I nostri Padri costituenti, che uscivano dal periodo fascista, vollero una Magistratura autonoma e totalmente indipendente dal potere politico, ma perché non fosse completamente avulsa dalla società stabilirono che l’organo di controllo sull’operato dei singoli magistrati, il Csm appunto, fosse composto per due terzi da giudici togati, cioè magistrati di carriera, e per un terzo da dei ‘laici’ scelti dal Parlamento fra “professori ordinari di università in materie giuridiche e avvocati dopo quindici anni di esercizio”. I nostri ingenui Costituenti non potevano immaginare che la democrazia sarebbe stata sostituita, nel giro di pochi anni, dalla partitocrazia. E così i partiti hanno immesso nel Csm i loro uomini, travestiti da “professori di università e da avvocati”, in modo da poter controllare ed eventualmente innocuizzare magistrati troppo ficcanaso e poco graditi. Mi ricordo il precedente del pretore di Piacenza, Angelo Milana, che verso la fine degli Ottanta, qualche anno prima che iniziasse Mani Pulite, osò fare un’inchiesta analoga a quelle che sarebbero state poi condotte da Di Pietro e dagli altri magistrati della Procura di Milano: arrestò per corruzione due sindaci che erano stati alla guida della città, uno socialista, l’altro comunista, e un importante imprenditore, Romagnoli. Apriti cielo. Si scatenò il finimondo, contro Milana si sollevò tutto ‘l’arco costituzionale’ e non, anche il vescovo di Piacenza scagliò i suoi evangelici fulmini contro l’incauto pretore che fu deferito al Csm che, compiacente o indirettamente colluso, ne propose il trasferimento nella non esattamente vicina Trieste. Angelo Milana era un vecchio magistrato e disse: “Se le cose stanno così, se volete che la corruzione continui a dilagare indisturbata e impunita, sapete qual è la novità? Io me ne vado in pensione”. 

John Henry Woodcock è stato, fin dall’inizio, da quando era Pm a Potenza, la ‘bestia nera’ di tutti i poteri forti e meno forti. Ha inquisito politici di ogni colore, imprenditori, banchieri, prosseneti, ‘piquattristi’. Non a caso di origine inglese (lo è il padre), non ha mai rilasciato, che io ricordi, interviste o dichiarazioni pubbliche. Inattaccabile da questo punto di vista, i ‘berluscones’, che lo hanno sempre detestato, non sapendo che pesci pigliare non riuscirono a trovare di meglio che far pubblicare dal giornale di famiglia, Il Giornale, una fotografia del magistrato in sella a una moto, segno evidente e inequivocabile che era un personaggio borderline e inaffidabile. Cosa che ricorda la vicenda di un altro giudice, Raimondo Mesiano, che aveva condannato la gang berlusconiana a risarcire De Benedetti per lo scippo della Mondadori, e che un programma Mediaset pedinò fino a immortalarlo su una panchina mentre fumava una sigaretta e al fondo dei pantaloni gli si vedevano dei calzini di color celeste, segno anche qui inequivocabile di un qualche disturbo mentale. 

Naturalmente a Woodcock è stata mossa l’accusa che molte delle sue inchieste sono finite 'nel nulla'. In via preliminare bisogna ricordare a quella massa di ignoranti e deficienti che sono diventati, in ogni settore, gli italiani, che la magistratura requirente e quella giudicante svolgono due funzioni diverse. Il Pm agisce nella fase delicata e inevitabilmente incerta delle indagini preliminari e poi porta le sue ipotesi di reato, con relativi indizi, davanti a un giudice ‘terzo’ che ne valuta, con criteri diversi, che sono quelli propri della magistratura giudicante, l’attendibilità e la validità. Può accadere benissimo che il Pm nella sostanza abbia colto nel segno, che colui che ha ritenuto colpevole sia realmente tale, ma che il Gip o Gup che dir si voglia non giudichi gli elementi raccolti sufficienti per rinviare a giudizio l’indagato. Per anni abbiamo sentito, e ancora continuiamo a sentire, questo refrain: se il Gip o Gup accetta le ipotesi di reato del Pm, allora vuol dire che si è ‘appiattito’ sulla Procura, se non le accoglie è il Pubblico ministero a essere un mascalzone.

Ritorniamo a Woodcock. Se si va poi a ben guardare si vede che le sue inchieste “finite nel nulla” lo sono perché i reati di cui si occupava sono stati nel frattempo depenalizzati o innocuizzati con leggi ‘ad personam’ o ‘ad personas’, o sono caduti in prescrizione, o le sue indagini sono state trasferite. 

Il problema dell’Italia non è John Henry Woodcock. Sta nel fatto che nell’ex Bel Paese chiunque, in qualsiasi settore, si metta di traverso agli affari di ‘lorsignori’ deve essere, in un modo o nell’altro, eliminato. 

Così mentre Woodcock è sotto inchiesta del Csm, il ‘delinquente naturale’ Silvio Berlusconi condannato in via definitiva per un reato fiscale, scontato con una pena ridicola, e ricondannato, sia pur in primo grado, per aver corrotto con tre milioni di euro il senatore De Gregorio (processo poi finito in prescrizione in appello, ma da cui molto difficilmente avrebbe potuto tirarlo fuori anche il più abile degli avvocati, come fece Franco Coppi che riuscì a convincere la Corte che il funzionario della Questura di Milano, Pietro Ostuni, che ricevette sei telefonate da Parigi dal Cavaliere, allora Presidente del Consiglio, perché affidasse la minorenne Ruby a Nicole Minetti che a sua volta la affidò a una prostituta ufficiale, contro il parere del Pm minorile Annamaria Fiorillo che era l’unico soggetto legittimato a decidere sulla questione, non era stato intimidito ma si era intimidito da solo) e dopo aver ridicolizzato l’immagine dell’Italia, con le sue corna, con le sue gaffe a ripetizione, con la sua inguaribile trivialità, potrebbe ridiventare, con i soliti inciuci, ma legalmente, Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana. E le recenti elezioni amministrative vanno in questo senso. 

E ce lo saremo meritato. Perché siamo diventati, oltre che dei furfanti, un popolo di vigliacchi, di asini al basto, di pecore belanti da tosare, incapaci di reagire e di ribellarsi. 

L’altra sera sono stato all’Hangar Pirelli di Milano a sentire un concerto di Goran Bregovic, il musicista che ha composto molte delle colonne sonore dei film di Kusturica. E’ un serbo-croato, tosto come lo è tutta la gente dei Balcani. In passato ha composto anche una canzone che è una sorta di inno al kalashnikov. Adesso, invecchiando, si è un po’ acquietato. Ma la sua musica, soprattutto quando entrano le trombe, è sempre trascinante. Tanto che molti dei giovani che erano nella vastissima sala hanno lasciato le sedie per mettersi a ballare. Verso la fine, prima di iniziare una canzone, si è rivolto al pubblico e ci ha chiesto di accompagnarlo. “Noi, prima di entrare in combattimento urliamo un motto –e ce ne ha dette le parole in slavo- Mi pare che da voi si dica ‘All’attacco!’. Bene, quando sentite queste mie parole gridate anche voi ‘All’attacco!’”. Lo abbiamo fatto. Ma il nostro “All’attacco!” era così misero, così flebile, così smorto che bastava, di per sé, a far e a farci capire che non siamo più adatti al combattimento. Possiamo solo ballare.



martedì 27 giugno 2017

Il gufo di se stesso




Perché il PdR, dopo le comunali del 2016, il referendum costituzionale e il governo, ha perso pure le comunali del 2017? La risposta è nel tweet di Renzi: il Pd ha vinto in 67 città, contro le 59 del centrodestra e le 8 dei 5Stelle, e le elezioni politiche saranno un’altra storia, cioè vincerà lui perché lo dice lui. 

Analisi lucida come quelle di Hitler nel bunker, circondato da Eva Braun e da pochi servi rimasti, che davano retta ai suoi delirii sull’“arma segreta” e sull’imminente vittoria in una guerra già persa. O quelle di Alì il Chimico, il ministro di Saddam Hussein che diramava bollettini vittoriosi mentre il dittatore era in fuga e le truppe angloamericane nel palazzo presidenziale. Ieri, appena uscito il tweet, i pochi che ancora vogliono bene a Matteo avrebbero dovuto chiamare l’ambulanza per farlo visitare d’urgenza da uno bravo (possibilmente non Recalcàzzola). Ma non l’han fatto né lo faranno: il Giglio Magico non contempla esseri pensanti, solo pecore belanti e leccanti. Altrimenti un partito che colleziona più fiaschi di una cantina sociale si sarebbe già riunito per analizzare le cause e invertire la rotta (ammesso e non concesso che ne abbia una), possibilmente prima di estinguersi definitivamente come i dinosauri. Invece, a ogni rovescio, si sente dire che la prossima volta andrà meglio e non è l’ora di discutere. Pensando di fare cosa gradita, riassumiamo ciò che ci pare di aver capito. 

1. Già Re Mida della politica che trasformava in oro tutto ciò che toccava, Renzi è oggi un imbolsito Re Merda. Il gufo di se stesso. Nel giro di tre anni è riuscito nell’impresa che B. impiegò più di 20 anni a centrare: stare sulle palle a tutti gli italiani, di destra, di centro e soprattutto di sinistra, salvo a quelli che gli devono il posto (qualche centinaio di parlamentari, cacicchi locali e giornalisti, della Rai e non solo). Questione di arroganza, antipatia e soprattutto disastri di governo che è inutile riepilogare. Così, al referendum e ai ballottaggi, è “tutti contro Renzi”. 

2. Non bastando lui, Renzi ha mandato in giro – soprattutto in tv e sul web, essendo le piazze luoghi plebei e populisti, roba da volgari grillini e leghisti – una classe dirigente inguardabile: facce patibolari, ma senza la grandezza criminale di B.&C.; o mediocri replicanti e marionette del Capo, che ne ripetono a pappagallo il verbuccio e fanno le faccine se parlano gli altri. 

3. A furia di copiare il programma di B., e persino della Lega, molti elettori di sinistra sono rimasti a casa (come un tempo quelli di destra), mentre quelli di destra, umiliati per 20 anni dalla sinistra, si son detti: “Vuoi vedere che avevamo ragione noi?”. E si sono precipitati a votare financo i sindaci (come un tempo quelli di sinistra). Intanto l’elettorato flottante e non ideologico, fra l’originale B. e la brutta copia R., è tornato a preferire il primo. Non per convinzione: per sfinimento.
 
4. Alle cause strutturali della crisi, si sono aggiunti alcuni autogol freschi freschi, astutamente messi a segno da Renzi & C. fra primo turno e ballottaggi. Tipo la gestione del caso Consip, con la cacciata del testimone Marroni per salvare le poltrone degli indagati e il culetto del babbo. L’idea che a pagare sia l’unico non inquisito, nel partito che un tempo faceva della questione morale una bandiera, fa ancora un certo ribrezzo. 

5. Geniale la trovata di consacrare il fiasco della Rai renziana nominando nuovo capo supremo tal Mario Orfeo al posto del pericoloso gufo Campo Dall’Orto (scelto sempre da Renzi). Il quale Orfeo, come prima mossa, ha l’ideona di fregarsene della legge (votata dal Pd di Renzi) sul tetto alle star. E non solo conferma il mega-stipendio a Fabio Fazio, ma gliel’aumenta un altro po’ (da 1,8 a 2,8 milioni l’anno). Delirio nelle periferie metropolitane e alle catene di montaggio. 

6. Casomai qualcuno non si fosse ancora incazzato abbastanza, ecco il decreto banche: una spesuccia di 17 miliardi pubblici per salvare due istituti veneti, regalando la parte sana a Banca Intesa (al prezzo di 1 euro) e quella marcia allo Stato, con un salasso che si sarebbe evitato intervenendo uno o due anni fa. I 17 miliardi per il reddito di cittadinanza a chi non ha nulla non ci sono mai: per le banche, si trovano sempre. 

7. Siccome un sondaggio Ipr Marketing-il Fatto rivela che una sinistra unita guidata da Stefano Rodotà raggiungerebbe il 16% dei voti, quando muore Rodotà lo piangono milioni di italiani, ma Renzi no: neppure un tweet (e meno male: c’era pure il caso che lo chiamasse “solone, professorone e gufo” un’altra volta). 

8. Il boss Giuseppe Graviano, intercettato in carcere, si sfoga contro B. che ai tempi delle stragi gli chiese “cortesie” e poi si è scordato di pagare il conto. Ma Renzi & C. non dicono una parola, sennò quello s’incazza e niente governo Renzusconi. In compenso si scatenano contro la Raggi, per accuse molto più lievi di quelle di Sala, difeso a spada tratta contro la “giustizia a orologeria”. Così, tra i due litiganti, la destra gode. 

9. A un passo dal varo di una legge elettorale decente sul modello tedesco, finalmente condivisa con le opposizioni, prima Pd&B. la imbottiscono di nominati (niente voto disgiunto), poi Renzi la fa saltare per un emendamento sul Trentino-Alto Adige. 

10. Nell’eventualità che gli incerti non siano ancora fuggiti tutti, il Pd riesuma dopo due anni di letargo la legge sullo Ius soli, la più generosa d’Europa. Principio giusto, applicazione discutibile, spiegazioni balbettate e tempismo demenziale, in pieno panico da attentati. Salvini non poteva sperare di meglio. Anzi, se ora gliel’approvano così com’è, dal 1° settembre riempie le piazze di gazebo per raccogliere firme sul referendum abrogativo e ha le elezioni politiche in tasca. Gratis.

Marco Travaglio (Il Fatto Quotidiano - 27 luglio 2017)


Archivio blog

Questo BLOG non è una testata giornalistica: viene aggiornato con cadenza casuale e pertanto non è un prodotto editoriale (ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001) bensì un semplice archivio condiviso di idee e libere opinioni. Tutto ciò ai sensi dell'art.21 comma 1 della Costituzione Italiana che recita come: TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Post più popolari

Lettori fissi

"essecpa" - I MIEI VIDEO SU YOU TUBE

Loading...

Cagando todos somos iguales

Cagando todos somos iguales
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)
La fotografia è in genere un documento, la testimonianza di un ricordo che raffigura spesso persone e luoghi, ma talvolta può anche costituire lo spunto per fantasticare un viaggio ovvero per inventare un racconto e leggere con la fantasia l’apparenza visiva. (cliccando sopra la foto è possibile visionare il volume)

Etichette

"Sbankor" (2) 10 storie del Cavaliere (10) Abbate Lirio (2) Accolla Dario (1) Accorinti Renato (1) Adinolfi Massimo (1) Aforismi (18) Al Capone (1) Alberton Mariachiara (1) Alfano Angelino (2) alias C215 (1) Alice ed Ellen Kessler (1) Allende Isabel (1) Allievi Stefano (1) Almerighi Mario (1) Amato Fabio (2) Amato Giuliano (2) Ambrosi Elisabetta (1) Amurri Sandra (1) Andreoli Vittorino (4) Andreotti Giulio (4) Andrews Geoff (1) Aneddoti (9) Angela (1) Angelo Rivoluzionario (1) Annunziata Lucia (2) Anselmi Tina (2) Anzalone Morena (1) Articoli (1373) Assante Ernesto (2) Attias Luca (1) Augias Corrado (2) Autieri Daniele (1) Avveduto Virginia (1) Baglioni Angelo (1) Bagnasco Angelo (1) Ballarò (1) Balocco Fabio (1) Banca d'Italia (22) Banche & Finanza (28) Baraggino Franz (1) Barbacetto Gianni (3) Barbareschi Luca (1) Barbera Davide (1) Barca Fabrizio (1) Basile Gaetano (1) Bassi Franco (1) Battaglia Letizia (2) Battiato Franco (3) Battisti Lucio (1) BCE (1) Beha Oliviero (3) Bei Francesco (1) Belardelli Giovanni (1) Belardelli Giulia (3) Bellantoni Pietro (1) Beltramini Enrico (1) Bene Carmelo (1) Benedetti Carla (1) Benetazzo Eugenio (1) Benigni Roberto (1) Benincasa Giuseppe (1) Benni Stefano (35) Bergoglio Jorge Mario (1) Bergonzoni Alessandro (10) Berlinguer Bianca (1) Berlinguer Enrico (4) Berlusconi Silvio (17) Bernabei Ettore (1) Bersani Pierluigi (3) Bertinotti Fausto (1) Bertolucci Lionello (1) Biagi Enzo (26) Bianchi Enzo (1) Bianchini Eleonora (3) Bianchini Gabriella (1) Bianconi Giovanni (1) Bignardi Daria (1) Bilderberg (1) Billeci Antonio (1) Billi Debora (1) Bini Flavio (1) Biondani Paolo (1) Biscotto Carlo Antonio (1) Bisio Caludio (1) Biussy Nick (1) Blair Cherie (1) Bobbio Norberto (3) Bocca Giorgio (7) Bocca Riccardo (1) Bocconi Sergio (1) Boldrini Laura (1) Bolzoni Attilio (2) Bongiorno Giulia (1) Bongiorno Mike (1) Bonini Carlo (1) Bonino Emma (1) Borromeo Beatrice (3) Borsellino Paolo (2) Borsellino Rita (1) Borsellino Salvatore (2) Bossi Umberto (2) Bowie David (1) Bozonnet Jean-Jacques (1) Bracconi Marco (4) Brambrilla Michele (1) Branduardi Angelo (1) Breda Marzio (1) Brera Guido Maria (1) Bucaro Giuseppe (1) Buffett Warren (1) Bukowski Charles (1) Busi Maria Luisa (1) Buttafuoco Pietrangelo (1) Buzzati Dino (1) Cacciari Massimo (3) Cacioppo Giovanni (1) Calabresi Mario (3) Calabrò Maria Antonietta (1) Calderoli Roberto (1) Callari Francesco (1) Calzona Piero (1) Camilleri Andrea (25) Cammarata Diego (1) Campanile Achille (13) Campi Alessandro (1) Campofiorito Matteo (1) Cancellieri Anna Maria (3) Cannatà Angelo (1) Cannavò Salvatore (3) Cantone Raffaele (1) Canzoni (17) Caponnetto Antonino (1) Caporale Antonello (4) Caprarica Antonio (4) Carbone Chiara (1) Carchedi Bruno (1) Carminati Massimo (1) Carofiglio Gianrico (1) Casaleggio Gianroberto (1) Caselli Gian Carlo (3) Caselli Stefano (2) Cassese Sabino (1) Cat Stevens (1) Catalano Carmela (2) Catilina Lucio Sergio (1) Cavallaro Felice (2) Ceccarelli Filippo (2) Cedrone Giovanni (1) Celentano Adriano (3) Celestini Ascanio (12) Celi Lia (1) Centro Paolo Borsellino (1) Cerami Gabriella (1) Cerno Tommaso (1) Cetto La Qualunque (1) Chessa Pasquale (1) Chi controlla il controllore? (1) Ciancimino Massimo (3) Ciancimino Vito (2) Ciccarello Elena (1) Cimato Claudia (1) Cimò Valeria (1) Ciotti Luigi (1) Cipiciani Carlo (1) Cirino Mariano (1) Civati Giuseppe (1) Claudel Paul (1) Cocuzza Luigi (1) Colletti Giampaolo (1) Colombo Furio (4) Colombo Gherardo (6) Conti Paolo (1) Copasir (1) Coppola Gerardo (4) copyright (1) Cordero Franco (1) Cornaglia Carlo (2) Corsini Daniele (22) Costamagna Luisella (9) Covatta Giobbe (1) Craxi Bettino (2) Crispi Maurizio (1) Crocetta Rosario (1) Crozza Maurizio (2) Custodero Alberto (1) Cuzzocrea Annalisa (1) d (1) D'alema Massimo (2) D'Alessandro Nicolò (2) D'Amato Daniele (1) D'Ambrosio Simone (2) D'Avanzo Giuseppe (11) D'Eramo Marco (1) D'Esposito Fabrizio (2) D'Orta Marcello (19) da altri blog (1270) Dalla Chiesa Carlo Alberto (1) Dalla Chiesa Nando (1) Dalla Lucio (1) Damilano Marco (6) Davigo Piercamillo (6) De Andrè Fabrizio (2) De Angelis Attilio (1) De Bac Marcherita (1) De Bortoli Ferruccio (1) De Crescenzi Davide (8) De Crescenzo Luciano (21) De Curtis Antonio (2) De Francesco Gian Maria (1) De Gasperi Alcide (1) De Gregori Francesco (2) De Gregorio Concita (3) De Luca Erri (2) De Luca Maria Novella (1) De Magistris Luigi (5) De Marchi Toni (1) De Riccardis Sandro (1) De Sciciolo Cristiano (1) Deaglio Enrico (3) Dedalus (1) Del Bene Francesco (1) Del Corno Mauro (1) Dell'Utri Marcello (4) Della Valle Diego (1) Deneault Alain (1) Di Battista Alessandro (1) Di Cori Modigliani Sergio (1) Di Feo Gianluca (1) Di Giorgio Floriana (1) Di Matteo Antonino (3) Di Napoli Andrea (9) Di Nicola Primo (2) Di Pietro Antonio (28) Di Stefano Jolanda Elettra (2) Di Stefano Paolo (1) Diamanti Ilvo (27) Didonna Donato (1) Discorsi (1) Documenti (97) Donadi Massimo (2) Donati Antonella (1) Dondero Mario (1) Dones Merid Elvira (1) Dusi Elena (1) Eco Umberto (2) Eduardo De Filippo (1) Einstein Albert (1) Elio e Le Storie Tese (1) Email (24) Emanuello Daniele (1) Enigmistica (1) Erika Tomasicchio (1) Ernesto Bazan (1) Esopo (7) Esposito Antonio (1) essec (77) Eugenia Romanelli (1) Evangelista Valerio (1) Evita Cidni (3) Fabozzi Andrea (1) Facchini Martini Giulia (1) Facci Filippo (1) Facebook (26) Falcone Giovanni (3) Faletti Giorgio (1) Famiglie Arcobaleno (5) Famularo Massimo (1) Fantauzzi Paolo (1) Faraone Davide (1) Farinella Paolo (7) Fatucchi Marzio (1) Fava Giuseppe (1) Favale Mauro (1) Favole (11) Fazio Antonio (1) Federica Radice Fossati Confalonieri (1) Fedro (6) Feltri Stefano (4) Feltri Vittorio (1) Ferrandelli Fabrizio (2) Ferrara Gianluca (1) Ferrara Roberta (1) Ferrarella Luigi (1) Ferro Ornella (2) FIAT (1) Ficocelli Sara (2) Fierro Enrico (2) Filastrocche (1) Finanza (1) Fini Gianfranco (5) Fini Massimo (254) Fittipaldi Emiliano (2) Flaiano Ennio (1) Flores d'Arcais Paolo (7) Floris Giovanni (2) Fo Dario (3) Foà Arnoldo (1) Fontanarosa Aldo (1) Forleo Maria Clementina (1) Formigli Enrico (1) Fornaro Placido Antonino (1) Fotografia (19) Franceschini Dario (2) Franceschini Enrico (3) Franceschini Renata (1) Franco Luigi (1) Frangini Sara (1) Fraschilla Antonio (1) Friedman Alan (1) Fruttero Carlo (1) Fruttero e Lucentini (1) Furnari Angelo (1) Fusaro Diego (2) Gaarder Jostein (2) Gabanelli Milena (5) Gaber Giorgio (9) Gaita Luisiana (1) Galantino Nunzio (1) Galeazzi Lorenzo (1) Galimberti Umberto (10) Galli della Loggia Ernesto (1) Gallo Andrea (2) Gallo Domenico (1) Garbo Rosellina (1) Garibaldi Giuseppe (1) Gasparri Maurizio (1) Gaudenzi Daniela (3) Gawronski PierGiorgio (2) Gebbia Totò (1) Gelmini Mariastella (2) georgiamada (1) Gerino Claudio (1) Ghedini Niccolò (2) Giamporcaro Concetta (1) Gianguzzi Rosalinda (1) Giannelli (1) Giannini Massimo (31) Giannone Eugenio (1) Giannuli Aldo (3) Giaramidaro Nino (1) Gilioli Alessandro (4) Gino e Michele (2) Ginori Anais (1) Giordano Lucio (1) Giordano Paolo (1) Giuè Rosario (1) Giulietti Beppe (1) Gomez Peter (22) Google (1) Gotor Miguel (1) Gramellini Massimo (9) Granata Fabio (3) Grancagnolo Alessio (1) Grassadonia Marilena (2) Gratteri Nicola (1) Greco Francesco (3) Grillo Beppe (45) Grossi Alberto (1) Gruber Lilli (1) Gualerzi Valerio (1) Guémy Christian (1) Guerri Giordano Bruno (2) Gusatto Lara (1) Guzzanti Corrado (10) Guzzanti Paolo (4) Guzzanti Sabina (1) Hallen Woody (1) Harari Guido (1) Hikmet Nazim (1) Hitler Adolf (1) Horvat Frank (1) Hutter Paolo (1) Iacchetti Enzo (1) Iacona Riccardo (1) Iannaccone Sandro (1) Idem Josefa (1) IDV - Italia dei Valori (23) Il Ghigno (2) Il significato delle parole (5) Imprudente C. (1) Ingroia Antonio (4) Innocenti Simone (1) Invisi Guglielmo (1) Iossa Mariolina (1) Iotti Nilde (1) ITC Francesco Crispi (2) Iurillo Vincenzo (1) Jarrett Keith (1) Jop Toni (1) Joppolo Francesca (1) Kashgar (1) Kipling Rudyard (1) L'Angolino (6) L'apprendista libraio (1) L'Ideota (1) La Delfa Giuseppina (1) La Licata Francesco (2) La Rosa Dario (1) LAD (Laboratorio Arti Digitali) - Palermo (1) Lana Alessio (1) Lannutti Elio (1) Lannutti Wlio (1) Lanzetta Maria Carmela (1) Lanzi Gabriele (1) Laurenzi Laura (1) Lavezzi Francesco (1) Le Formiche Elettriche (19) Lella's Space (1) Lenin (1) Lerner Gad (1) Letta Enrico (3) Letta Gianni (1) Levi Montalcini Rita (1) Lezioni (3) Li Castri Roberto (1) Licandro Orazio (1) Lido Fondachello (1) Lillo Marco (13) Limiti Stefania (1) Littizzetto Luciana (8) Liucci Raffaele (1) Liuzzi Emiliano (3) Lo Bianco Giuseppe (2) Lodato Saverio (8) Lolli Claudio (1) Lombardo Raffaele (1) Longo Alessandra (1) Lorenzo dè Medici (1) Loy Guglielmo (1) Lucarelli Carlo (1) Lucci Enrico (1) Lungaretti Celso (1) Luporini Sandro (6) Lussana Carolina (1) Luttazi Daniele (3) M5S (1) Mackinson Thomas (3) Magris Claudio (1) Maltese Curzio (22) Manca Daniele (1) Manfredi Alessia (1) Manna Francesco (1) Mannheimer Renato (1) Mannoia Fiorella (2) Manzi Alberto (1) Maraini Dacia (2) Maratona di Palermo (5) Marcelli Fabio (1) Marchetti Ugo (1) Marchionne Sergio (3) Marcoaldi Franco (1) Marconi Mario (1) Marcorè Neri (1) Marino Ignazio (2) Marra Wanda (3) Marro Enrico (1) Martelli Claudio (4) Martini Carlo Maria (2) Marzano Michela (2) Mascali Antonella (2) Masi Mauro (1) Massarenti Armando (4) Mastella Clemente (1) Mastropaolo Alfio (1) Maurizi Stefania (1) Mauro Ezio (16) Mautino Beatrice (1) Max Serradifalco (1) Mazza Donatella (1) Mazzarella Roberto (1) Mazzella Luigi (1) Mazzola Barbara (2) Mazzucato Mariana (1) McCurry Steve (1) Meletti Giorgio (3) Meli Elena (1) Mello Federico (4) Melloni Mario (3) Meloni Giorgia (1) Menichini Stefano (1) Mentana Enrico (2) Merella Pasquale (1) Merico Chiara (1) Merkel Angela (1) Merlo Francesco (5) Messina Ignazio (1) Messina Sebastiano (3) Mesurati Marco (1) Milella Liana (2) Milla Cristiana (1) Mincuzzi Angelo (1) Mineo Corradino (2) Minnella Liana (1) Minnella Melo (1) Mogavero Domenico (2) Monastra Antonella (1) Montanelli Indro (7) Montefiori Stefano (2) Monti Mario (7) Moore Michael (1) Mora Miguel (2) Morelli Giulia (1) Moro Aldo (6) Mosca Giuditta (1) Munafò Mauro (1) Musolino Lucio (1) Mussolini Benito (4) Myanmar (1) Napoleoni Loretta (1) Napoli Angela (1) Napolitano Giorgio (10) Narratori e Umoristi (238) Nicoli Sara (6) Nietzsche Friedrich (2) Norwood Robin (1) Notarianni Aurora (1) Nuzzi Gianluigi (4) Obama Barak (4) Oian Daniele (1) Oliva Alfredo (1) Onorevoli e .... (282) Oppes Alessandro (1) Orlando Leoluca (4) Ottolina Paolo (1) P.T. (2) Pace Federico (2) Padellaro Antonio (29) Padre Georg Sporschill (1) Pagliai Giovanni (1) Pagnoncelli Nando (1) Palazzotto Gery (1) Palombi Marco (2) Panebianco Angelo (1) Pannella Marco (1) Pansa Giampaolo (3) Papa Roncalli (2) Parise Goffredo (1) Parlagreco Salvatore (4) Pasolini Caterina (1) Pasolini Pierpaolo (1) Passaparola (84) Peccarisi Cesare (1) Pellegrini Edoardo (1) Pellegrino Gianluigi (1) Pellizzetti Pierfranco (7) Penelope Nunzia (1) Pericle (1) Pertini Sandro (1) Petizioni (1) Petraloro Vito (1) Petrella Louis (1) Petrolini Ettore (4) Piana degli Albanesi (1) Piccolo Francesco (5) Piketty Thomas (2) Pini Massimo (4) Pini Valeria (2) Pink Floyd (2) Pino Sunseri (1) Pinotti Ferruccio (1) Pipitone Giuseppe (1) Pisanu Giuseppe (1) Pitta Francesca (1) Pivano Fernanda (1) Poesia (37) Politi Marco (2) Polito Antonio (1) Pomi Simone (4) Pomicino Paolo Cirino (1) Pompei (1) Popolo Viola (1) Porro Nicola (1) Porrovecchio Rino (2) Portanova Mario (1) Prezzolini Giuseppe (1) Prodi Romano (2) Puppato Laura (1) Purgatori Andrea (1) Quagliarello Gaetano (1) Querzè Rita (1) Raiperunanotte (1) Rajastan (1) Rame Franca (1) Rampini Federico (13) Randazzo Alessia (1) Ranieri Daniela (1) Ranucci Sigfrido (1) Ravello (1) Recalcati Massimo (2) Recensioni (25) Referendum (2) Reguitti Elisabetta (2) Reina Davide (1) Renzi Matteo (12) Report (2) Reportage siciliano (1) Reski Petra (2) Retico Alessandra (1) Revelli Marco (1) Riboud Marc (1) Ricci Maurizio (1) Ricciardi Raffaele (1) Rijtano Rosita (1) Riondino David (4) Riva Gloria (1) Rizza Sandra (2) Rizzo Sergio (9) Roberti Franco (2) Roccuzzo Antonio (1) Rodari Gianni (3) Rodotà Maria Laura (1) Rodotà Stefano (6) Roiter Fulvio (1) Romagnoli Gabriele (1) Rosalio (1) Rosselli Elena (1) Rossi Enrico (1) Rossi Guido (1) Rossi Paolo (1) Rosso Umberto (1) Ruccia Gisella (1) Rusconi Gianni (1) Rutigliano Gianvito (2) Ruvolo Mariastella (1) Sacconi Maurizio (2) Saggistica (131) Said Shukri (1) sallusti Alessandro (1) Salvati Michele (1) Sander August (1) Sannino Conchita (1) Sansa Ferruccio (2) Sansonetti Stefano (1) Santamaria Marcello (1) Santarpia Valentina (1) Santoro Michele (6) Sargentini Monica Ricci (1) Sartori Giovanni (9) Sasso Cinzia (1) Sava Lia (1) Savagnone Giuseppe (1) Saviano Roberto (12) Scalfari Eugenio (33) Scalzi Andrea (1) Scanzi Andrea (8) Scarafia Sara (1) Scarpinato Roberto (9) Scianna Ferdinando (4) Sciascia Carlo Roberto (1) Scorza Guido (2) Scuola (2) Scurati Antonio (1) Serra Michele (14) Serra Michele R. (1) Serradifalco Massimiliano (1) Severgnini Beppe (12) Sicilcassa (2) Sideri Massimo (2) Siena (2) Signorelli Amalia (1) Siino Tony (1) Silena Lambertini (1) Simonelli Giorgio (2) Slide show (38) Smargiassi Michele (2) Socrate (1) Soffici Caterina (1) Sofri Adriano (1) Sollima Giovanni (1) Sommatino Francesca (2) Spicola Mila (3) Spinelli Barbara (6) Spinicci Paolo (1) Sport (1) Springsteen Bruce (2) Staino Sergio (1) Stasi Davide (1) Stella Gian Antonio (10) Stepchild adoption (1) Stille Alexander (2) Stone Oliver (1) Storie comuni (5) Superbonus (1) Sylos Labini Francesco (1) Szymborska Wislawa (1) Tafanus (1) Taormina Carlo (1) Tarquini Andrea (2) Tartaglia Roberto (1) Taverna Paola (1) Tecce Carlo (4) Telese Luca (7) Temi (4) Terzani Tiziano (4) Tinti Bruno (16) Tito Claudio (2) Tocci Walter (1) Tomasi di Lampedusa Giuseppe (1) Tomasoni Diego (2) Tonacci Fabio (1) Toniolo Maria Gigliola (1) Toniutti Tiziano (2) Torresani Giancarlo (1) Torsello Emilio Fabio (2) Tortora Francesco (3) Totò (2) Travaglio Marco (226) Tremonti Giulio (2) Trilussa (15) Troja Tony (1) Trump Donald (1) Truzzi Silvia (8) Tundo Andrea (1) Turco Susanna (1) Turrini Davide (1) Twain Mark (1) U2 (1) UIF - Unione Italiana Fotoamatori (4) Usi ed Abusi (8) Valkenet Paulina (1) Vandenberghe Dirk (1) Vannucci Alberto (1) Varie (38) Vauro Senesi (2) Vecchi Davide (9) Vecchio Concetto (3) Veltroni Walter (3) Vendola Niki (3) Venturini Marco (1) Verderami Francesco (1) Verdini Denis (3) Vergassola Dario (4) Viale Guido (1) Video (99) Villaggio Paolo (6) Violante Luciano (2) Viroli Maurizio (3) Visetti Giampaolo (1) Viviano Francesco (2) Volàno Giulio (1) Vulpi Daniele (1) Walters Simon (1) Wikipedia (20) Wilde Oscar (3) WWF (1) www.toticlemente.it (3) You Tube (75) Yourcenar Margherite (1) Zaccagnini Adriano (1) Zaccagnini Benigno (1) Zagrebelsky Gustavo (9) Zambardino Vittorio (1) Zanardo Lorella (1) Zanca Paola (1) Zucconi Vittorio (3) Zucman Gabriel (1) Zunino Corrado (1)

COOKIES e PRIVACY Attenzione!

Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. E’ possibile trovare maggiori informazioni all’indirizzo della Privacy Policy di Automattic: http://automattic.com/privacy/ Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser.

Meteo

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Calcolo Devalutazione Monetaria