la quarta dimensione scritti

Il presente blog costituisce un almanacco nato per raccogliere i testi completi (ed annesse fotografie e video) dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (solo se disponibili).

"Dopo gli anni ovattati dell'infanzia e quelli spensierati dello studio ci si immerge nella catena lavorativa che, al di là di qualunque gratificazione, assorbe e lascia poco tempo ... e poi finalmente arriva la tua quarta dimensione ... e ritrovi quella serenità smarrita."

Il presente blog costituisce un almanacco che raccoglie i testi completi dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (se disponibili).

Translate

giovedì 31 agosto 2017

"Odyssey": Ai Weiwei a Palermo (Slide show)


Oltre mille metri quadrati di “floorpaper” con un motivo iconografico composto da un intreccio di immagini tratte dai social media e dal materiale raccolto dall’Artista nel corso dei suoi viaggi nei diversi campi profughi del mondo, ed organizzato formalmente secondo stilemi che si ispirano agli elementi grafici e compositivi delle antiche civiltà greche ed egizie. Le illustrazioni stilizzate in bianco e nero presentano immagini giustapposte, come nella pittura vascolare greca, e i contenuti rimandano all’immaginario mediatico del XXI secolo, rappresentato da scene di militarizzazione, migrazione, fuga e distruzione. Odyssey nasce da un progetto di ricerca sui rifugiati e sui campi profughi nel mondo, avviato nel 2015 dal grande artista cinese che vive e lavora tra Berlino e Pechino ed è stato promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo e da Amnesty International Italia nell’ambito di “Diritti in Cantiere”, una ricca serie di iniziative culturali ed educative che ha preceduto i lavori della sua XXXII Assemblea generale. L’organizzazione è di ruber.contemporanea, in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Palermo | dICODA Dipartimento di Comunicazione e didattica dell’Arte. Un progetto di ricerca che ha radici profonde, come spiega lo stesso artista: «Ho pensato alla mia esperienza come rifugiato. Quando sono nato, mio padre, Ai Qing, è stato denunciato come nemico del partito e del popolo. Siamo stati mandati in un campo di lavoro in una regione remota lontano da casa […] È un’esperienza terribile essere considerato straniero nel tuo paese, nemico della tua gente e delle cose che più mio padre amava» (Laundromat, Jeffrey Deitch Gallery, New York, 2016). Il suo interesse per lo studio di questo tema nasce già nel 2011, quando Ai Weiwei viene arrestato, ma può concretizzarsi solo nel 2015 quando gli viene restituito il passaporto e la possibilità di viaggiare fuori dalla Cina per visitare i campi profughi di diversi paesi, tra cui Grecia, Turchia, Libano, Giordania, Israele, Gaza, Kenya, Afghanistan, Iraq, Pakistan, Bangladesh, Messico. Nel 2016 gira un documentario sulla situazione mondiale dei rifugiati. Ai Weiwei, da sempre impegnato tra attivismo politico e ricerca artistica, è forse l’artista cinese oggi più famoso nel mondo e nel 2015 è stato nominato Ambasciatore della Coscienza di Amnesty International. Ha realizzato per Palermo un’istallazione di straordinaria forza che condensa in una grafica allo stesso tempo terribile per la forza dei contenuti e accattivante per la pulizia della forma, le immagini raccolte in questi anni di ricerca. (fonte: https://www.amnesty.it/grande-successo-allinaugurazione-odissey/) Fotografie e montaggio: Essec - Salvatore Clemente (http://www.toticlemente.it) 

lunedì 14 agosto 2017

Fotografia: "Associazioni e Circoli"




Soli si muore. Come in tutte le attività umane, l'adesione a circoli o associazioni ha per ciascuno utilità e scopi diversi. In ogni caso, l'adesione a formule aggregative costituisce sempre nuove occasioni e opportunità di crescita.

I confronti sociali, specie se manifestati in campi che interessano, attraverso l'attività degli altri aiutano ad allargare panorami e facilitano consapevolezze della propria indole.

Un'adesione partecipata ad una aggregazione che coltiva un comune interesse fornisce tanti momenti di verifica e confronto, offre occasioni per realizzare eventi formativi collettivi e per incrementare le conoscenze artistico-culturali nei campi che più interessano.

L'adesione attiva a formule che accomunano determina peraltro contaminazioni fra i soci iscritti. Infatti, c'è sempre chi prende e chi da, a prescindere dal personale livello socio-culturale di appartenenza.

Nella fotografia, poi, parlano in assoluto le immagini prodotte.

Dissertazioni dei fotoamatori possono appagare curiosità recondite e più disparate; domande su tecniche e risposte degli autori che spiegano la genesi di ogni loro foto, consentono di accedere ad argomenti nuovi ed aiutano ciascuno ad allargare potenzialità e bagaglio di conoscenze.

Ciascun individuo è diverso dall’altro e quindi ci sarà sempre chi prenderà spunto su tutto per sviluppare, in forme personali, intuizioni accennate che saprà sapientemente cogliere.

Chi e' interessato a crescere, con umiltà terrà sempre d'occhio i più bravi, non tanto per lusingarli ma per cercare di capirne le tecniche segrete e le scale di priorità che ciascuno di loro mette in pratica nell'attività creativa.

Più che cercare di nascondersi alle spalle di chi fotografa, nel vano tentativo di riuscirne a copiare la visuale ed il taglio compositivo, sarà utile ad ognuno riflettere sulla progettualità acquisita dai migliori e sulle molteplici scelte che loro percorrono per rispondere a qualunque tematica concordata. In ogni forma artistica non valgono a nulla le opere copiate, bensì le eventuali evoluzioni di scuola di pensiero che ciascuno può contribuire a far ulteriormente crescere.

Del resto, ritrovarsi a commentare immagini pressoché uguali ingenera imbarazzo anche in chi ha visto ed intuito o immaginato per primo una fotografia che è e rimane unica e irripetibile.

Le contaminazioni fra amici fotoamatori, oltre ad aiutare a diversificare i propri campi di azione/sperimentazione, ingenera quel simpatico gioco che in qualche modo personalizza la tipologia dell’immagine realizzata: e ciascuno dice o confessa foto fatta alla “xxx” indicando con “xxx” il nome dell’amico fotografo che ha avviato nel gruppo quel modo di scatto.

Al di la degli sviluppi individuali di ogni tecnica, le forme di ripresa di ciascuno seguiranno sempre e comunque l’indole di base propria e non avrebbe senso cercare di realizzare copie d’immagini già note; Eventuali  varianti avranno uno scopo unico, quello di sviluppare un modo di vedere, di rappresentare secondo proprie sensibilità anche realtà assolute.

Essec 2017


sabato 12 agosto 2017

LETTERA A UN MARZIANO SUL TEMPO E SULLE BANCHE VENETE (di D. Corsini e G.Coppola)




Caro Marziano, direbbe Pif, il nostro è uno strano paese perché parlano in tanti e noi spesso nelle nostre sgangherate vicende non capiamo da che parte stiamo, in sostanza se e quanto ci perdiamo o addirittura se ci guadagniamo. Come può accadere?
Basta dilatare il tempo di riferimento di un’operazione e tutto magicamente si aggiusta. Vediamo di capirci meglio.
Coloro che avevano pensato che, una volta approvato, con la fiducia, il decreto di intervento pubblico sulle due banche venete, il clima arroventato sulla vicenda si sarebbe un po’ stemperato, hanno dovuto rapidamente ricredersi.
Da quel momento in poi, e in vista dell’avvio della commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario italiano, la stampa ha spostato l’attenzione sulle implicazioni istituzionali dei due dissesti, a cominciare dalle responsabilità delle autorità di controllo.
Il clima politico si è fatto ancora più acceso con le affermazioni di chi all’epoca era al governo, e che ora, senza mezzi termini, ha confessato, in un libro che va per la maggiore nella eccezionale calura di questa estate, di aver malamente riposto la propria fiducia in quelle autorità. Un capo del governo che dice di essersi sbagliato a fidarsi del governatore! In altri paesi si tratterebbe di uno scontro istituzionale del massimo livello, con dimissioni rese ed accettate.
Da noi è più facile che lo scarica barile si risolva in una tempesta di mezza estate, a meno che la vicenda non trovi il modo di aggrovigliarsi ancora nei prossimi mesi, intorno alla riconferma o meno dei vertici di quelle autorità. Quello che non vorremmo è che nel frattempo si aprissero altre crisi bancarie, come è invece probabile che avvenga.
In attesa di conoscere gli sviluppi, ciò che colpisce è la “nota di lettura al decreto” (divenuta in questi giorni di pubblico dominio), stilata dal servizio tecnico del Senato, in funzione della conversione in legge del provvedimento sulle banche venete.
Nel documento vengono riportate, con analitiche argomentazioni, perplessità non secondarie sul merito e sui costi dell’intervento.
Tanto per citare le osservazioni più macroscopiche, lo studio mette in discussione l’ipotesi eccessivamente ottimistica di recupero dei crediti malati da parte dello stato nella misura del 47%. sulla base della esperienza maturata nel caso della Sga del Banco di Napoli e delle statistiche sul recupero degli Npl in Italia.
Su questa ipotesi di recupero, si badi bene, è basata tutta la costruzione dell’intervento. Se la media è 47, dice lo studio del Senato, le oscillazioni intorno ad essa vanno dal 15 per cento in più e al 15 per cento in meno, cioè un campo di variazione che va dal 62 e al 32, con tassi di recupero che, negli ultimi due anni, si avvicinano più a quelli inferiori che a quelli superiori.
Ci sono poi, nello stesso documento del Senato, interrogativi sulle garanzie, sugli effetti fiscali del provvedimento (riduzione del gettito) e sugli elementi informativi in base ai quali è stata stimata la congruità delle risorse impegnate.
Appare strano che di queste perplessità non si trovi traccia nella relazione di accompagnamento al decreto e nelle note tecniche delle autorità, che si sono prodigate ex post a spiegarne opportunità e convenienze.
Tornando alle previsione dei recuperi, non si può non osservare che l’arco di un decennio per realizzare l’obiettivo equivale, in finanza, a un tempo biblico.
Inoltre assumere i risultati della Sga del Banco di Napoli come benchmark virtuosi, (posto che si possa parlare di virtù quando si tratta di crediti erogati e gestiti per anni con colpevoli tolleranze e costate all’Erario oltre 12mila miliardi di lire dell’epoca), non ci può far dimenticare che i recuperi sono avvenuti per lo più nel decennio 1997/2007, quando i valori delle garanzie reali dei prestiti malati trasferiti sono cresciuti in maniera rilevante al seguito dei prezzi del mercato immobiliare e il passaggio all’euro del 2002 ha prodotto ulteriore inflazione, rendendo più facili i rimborsi in moneta svalutata.
Dobbiamo forse augurarci un’altra bolla immobiliare o un’altra inflazione nascosta per avere la ragionevole certezza che i debitori delle due venete ci assicurino la restituzione dei loro debiti nella misura prevista nel programma di intervento pubblico?
Pochi infine hanno provato a fare il conto della distruzione complessiva di ricchezza provocata dalle due banche.
Tra azzeramenti di capitale (11 mld), aumenti di capitale per coprire le perdite 2014/15 (5 mld), oneri per cassa dell’intervento di Intesa (5,3 mld), impegni per altri 12 verso Intesa, nonché altri oneri da stimare in una cifra non lontana ad un paio di mld, si arriva al bell’importo di 35 mld. Il tutto a fronte di 40 mld di raccolta. In termini di pil si tratta del due per cento.
Siamo davvero sicuri che una liquidazione atomistica avrebbe creato un danno maggiore?
È davvero difficile spiegarti tutti questi comportamenti, caro marziano, che, ignaro di tutto, vuoi sapere come è andata.
La domanda più difficile sarebbe quella della lievitazione del conto finale di banche che erano bollite ormai da cinque anni e che hanno continuato a bollire a fuoco lento, fino a quando non se ne è potuto più. Ma prima le abbiamo portate in Europa come banche sistemiche e sicure, poi le abbiamo riportate in Italia, dicendo che non erano più sistemiche, quindi abbiamo tentato di ricapitalizzarle in via precauzionale, sotto la supervisione europea, poi abbiamo detto che andavano liquidate all’italiana. Cioè con i soldi degli azionisti, degli obbligazionisti, dei contribuenti e delle altre banche.
E l’Europa si è ritirata in buon ordine. E quindi, soddisfatti di aver dimostrato che non c’era aiuto di stato, quando lo stato ci mette una marea di soldi, abbiamo cucinato il piatto per il parlamento italiano: o mangi la minestra o salti la finestra.
Da ultimo abbiamo anche scoperto che alcune tra le massime istituzioni intervenute nel processo decisionale pubblico nutrivano dubbi sull’intero impianto.
Sei sicuro caro marziano che non ti siano già andati in corto i tuoi pur evoluti circuiti?
Sui tempi di recupero dei crediti non performing rimasti allo stato italiano, ci è tornato in mente Leonardo Sciascia, quando diceva che la banca con i suoi mutui a trent'anni e più fa della metafisica, andando oltre la vita dell’uomo.
Non vorremmo che intenda fare metafisica anche il MEF con i suoi tempi di recupero dei crediti non performing da era geologica.
Converrete che non possiamo nemmeno appellarci al pratico consiglio anglosassone del wait and see. Perché, nel frattempo, saremo tutti morti.


Daniele Corsini - Gerardo Coppola (1/3)





In una democrazia non può esistere il reato di opinione

 
Ero partito per le vacanze (in Corsica, “il luogo più vicino più lontano dall’Occidente” come lo definisco) inseguito fin sulle scalette del ferry dalle furibonde polemiche accese dalla ‘legge Fiano’ che vuole introdurre il reato di ‘apologia di fascismo’. Noi italiani siamo specializzati nelle polemiche inutili, quanto feroci, ma ci appassionano particolarmente quelle catacombali. Ritorno dopo un mese e di quelle polemiche, per il momento, non c’è più traccia perché la ‘legge Fiano’ non è ancora al vaglio del Parlamento. Ne trovo però una eco in un episodio, apparentemente marginale, accaduto in un piccolo paese del milanese, Corsico. L’assessore alle Politiche sociali Pietro Di Mino è stato costretto a dimettersi per aver fatto sul suo profilo Facebook, quindi in sede privata, gli auguri di compleanno a Benito Mussolini nell’anniversario della nascita.
Per altro non è la prima volta che qualcuno viene condannato per apologia di fascismo anche senza che sia prevista una fattispecie specifica che contempli questo reato. Nel 2015 sedici ragazzi furono condannati a un mese di reclusione per aver fatto il saluto romano, ricorrendo alla legge Scelba del 1952 che vieta la ricostituzione, in qualsiasi forma, del partito fascista. E numerosissimi sono i casi, anche se qui siamo fuori dalla sede penale, in cui delle persone sono state discriminate o ferocemente attaccate per aver pronunciato parole o fatto gesti che si richiamavano in qualche modo al fascismo.
Matteo Renzi si incazza e mi indica al pubblico ludibrio con nome e cognome (brutto vizio che, per la verità, appartiene anche ai grillini) se scrivo che gli italiani sono diventati una massa di ignoranti. È che con gli italiani bisogna sempre ricominciare tutto da capo. Dal punto e dalla virgola. Cioè chiarire cose che dovrebbero essere elementari. In un’autentica democrazia non possono esistere reati di opinione. Anche le idee che ci paiono più aberranti devono avere diritto di cittadinanza. È il prezzo che la democrazia paga a se stessa. Se non vuole trasformarsi in una sorta di teocrazia laica. Il solo discrimine è che nessuna idea, cattiva o buona che sia, può essere fatta valere con la violenza.
I Codici Penale e di Procedura Penale di Alfredo Rocco, giurista del regime fascista, erano tecnicamente ineccepibili, prima che la sciagurata riforma del mio maestro Gian Domenico Pisapia, quell’innesto malriuscito fra sistema accusatorio e inquisitorio, non ne facesse scempio. Bastava depurarli dei reati liberticidi propri di una dittatura. Invece non solo li abbiamo conservati (tutti i reati di vilipendio alle Istituzioni, alla bandiera, eccetera) ma ne abbiamo aggiunto degli altri. Abbiamo accennato alla legge Scelba del 1952 che proibisce e punisce la ricostituzione, in qualsiasi forma, del partito fascista. All’epoca era comprensibile. Uscivamo da un sanguinoso conflitto civile e da una vergognosa sconfitta (anche se poi, nel nostro immaginario autoconsolatorio, l’abbiamo trasformata in una quasi-vittoria) a cui proprio il fascismo ci aveva portato. C’erano troppi nervi scoperti. Oggi a 72 anni di distanza da quegli eventi, la legge Scelba ha perso il suo senso.
Più recentemente se ne sono aggiunte altre, come la legge Mancino del 1993 che punisce con pene severe “chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico”. L’odio è un sentimento, e in quanto tale incomprimibile. Come l’amore. Come la gelosia. Come l’ira. È la prima volta, che mi risulti, che si cerca di mettere le manette anche ai sentimenti. Io ho il diritto di odiare chi mi pare e piace. Ma è ovvio che se gli torco anche solo un capello devo andare diritto e di filato in gattabuia. Naturalmente è poco intelligente odiare intere categorie di persone (“Ogni uomo è unico e irripetibile” è una delle poche cose sensate dette da Papa Wojtila nel suo disastroso venticinquennio di pontificato) ma bisogna accettare anche la cretineria umana, altrimenti dovremmo fare piazza pulita (con apposite leggi) di qualche miliardo di persone, a cominciare da noi stessi.
Quel che non si riesce proprio a far capire è che un principio, se vuole rimanere tale, non può ammettere deroghe (è il dilemma di Creonte nell’Antigone di Sofocle). Se lo si scalfisce, anche con le migliori intenzioni, anche solo marginalmente, si sa da dove si comincia ma non dove si va a finire. Anzi, lo si sa benissimo. Si finisce con l’espellere dalla società tutto ciò che è contrario alla ‘communis opinio’. Cioè proprio nel fascismo. Reale e culturale.



venerdì 11 agosto 2017

Ritrattistica e la foto del ..... "cazzeggio"




Fotografare è anche un modo personale di raccontare secondo proprie visioni.

Tralasciando la casualità che consente di cogliere attimi fortunati, la ritrattistica in particolare non sempre permette immagini che corrispondono pienamente ai personaggi, specie nei casi in cui i soggetti ritratti sono essenzialmente sconosciuti a chi li fotografa. In queste occasioni la fotografia che amo definire "del cazzeggio" aiuta.

Non sempre bisogna attendersi risultati positivi nelle performance fotografiche. Ciò vale sia per la parte attiva dei personaggi ritratti che per il fotografo che si avventura in un campo in cui chi si vede immortalato talvolta accampa pretese.

Come detto, la “tecnica del cazzeggio” assicura un diletto in chi ritrae, senza eccessivi impegni sui risultati.

Occorre semplicemente dotarsi di un tele, introdursi in un contesto ricco di soggetti ed attendere paziente.

L'ideale è che punti di attrazione o conversazioni partecipative incrociate coinvolgano gli astanti, in modo da facilitare l’occultamento della figura da paparazzo che imperversa e si impersona.

Se si ha la giusta carica ed attenzione, con pazienza si creeranno i presupposti per pose interessanti, per fotografare lo “stato mentale apparente” dei soggetti, per come tu li immagini ed interpreti in quell'istante.

Si instaura di fatto un gioco, una caccia alle espressioni caratterizzanti per chi conosci, ad occasionali mimiche che creano i personaggi altri raccontati con le foto.

Fonte di ulteriore ispirazione può anche essere quella di associare nell'immediato un titolo all'attimo appena immortalato, per poi suscitare comunque un sorriso agli attori della scena.

Non ci sono regole in questa dilettevole “caccia alla posta". Occorre mantenersi vigili nel proprio capanno e visionare il panorama che ci attornia, mimetizzati come se fossimo in una piccola riserva.

Ultimata l'operazione occorre valutare i risultati per selezionare gli scatti anche in funzione dei soggetti ritratti.

Depurando le immagini da ridondanze o inutili cattiverie, il risultato diventerà il racconto di quel momento ed i personaggi ritratti, con le loro espressioni, racconteranno a loro volta come lo hanno apparentemente vissuto.

A prescindere dall'età più o meno matura, siamo ancora in molti coloro che continuiamo ad avere resistenze nell'accettarci attraverso gli occhi altrui, ma tale è.

La fotografia, del resto, escludendo forzature ed occasioni eccentriche, restituisce all'osservatore essenzialmente realtà.

Di certo chi vive con serenità ed ironia il proprio status non solleverà mai dei problemi, anzi spesso scoppierà in una grassa risata se saremo riusciti a cogliere una sua amabile debolezza.

Per gli altri ...... ci dispiace per loro.

Essec 2017


Archivio blog

Questo BLOG non è una testata giornalistica: viene aggiornato con cadenza casuale e pertanto non è un prodotto editoriale (ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001) bensì un semplice archivio condiviso di idee e libere opinioni. Tutto ciò ai sensi dell'art.21 comma 1 della Costituzione Italiana che recita come: TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Post più popolari

Lettori fissi

"essecpa" - I MIEI VIDEO SU YOU TUBE

Loading...

Cagando todos somos iguales

Cagando todos somos iguales
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)
La fotografia è in genere un documento, la testimonianza di un ricordo che raffigura spesso persone e luoghi, ma talvolta può anche costituire lo spunto per fantasticare un viaggio ovvero per inventare un racconto e leggere con la fantasia l’apparenza visiva. (cliccando sopra la foto è possibile visionare il volume)

Etichette

"Sbankor" (2) 10 storie del Cavaliere (10) Abbate Lirio (2) Accolla Dario (1) Accorinti Renato (1) Adinolfi Massimo (1) Aforismi (18) Ai Weiwei (1) Al Capone (1) Alberton Mariachiara (1) Alfano Angelino (2) alias C215 (1) Alice ed Ellen Kessler (1) Allende Isabel (1) Allievi Stefano (1) Almerighi Mario (1) Amato Fabio (2) Amato Giuliano (2) Ambrosi Elisabetta (1) Amurri Sandra (1) Andreoli Vittorino (4) Andreotti Giulio (4) Andrews Geoff (1) Aneddoti (9) Angela (1) Angelo Rivoluzionario (1) Annunziata Lucia (2) Anselmi Tina (2) Anzalone Morena (1) Articoli (1382) Assante Ernesto (2) Attias Luca (1) Augias Corrado (2) Autieri Daniele (1) Avveduto Virginia (1) Baglioni Angelo (1) Bagnasco Angelo (1) Ballarò (1) Balocco Fabio (1) Banca d'Italia (23) Banche & Finanza (30) Baraggino Franz (1) Barbacetto Gianni (3) Barbareschi Luca (1) Barbera Davide (1) Barca Fabrizio (1) Basile Gaetano (1) Bassi Franco (1) Battaglia Letizia (2) Battiato Franco (3) Battisti Lucio (1) BCE (1) Beha Oliviero (3) Bei Francesco (1) Belardelli Giovanni (1) Belardelli Giulia (3) Bellantoni Pietro (1) Beltramini Enrico (1) Bene Carmelo (1) Benedetti Carla (1) Benetazzo Eugenio (1) Benigni Roberto (1) Benincasa Giuseppe (1) Benni Stefano (35) Bergoglio Jorge Mario (1) Bergonzoni Alessandro (10) Berlinguer Bianca (1) Berlinguer Enrico (4) Berlusconi Silvio (17) Bernabei Ettore (1) Bersani Pierluigi (3) Bertinotti Fausto (1) Bertolucci Lionello (1) Biagi Enzo (26) Bianchi Enzo (1) Bianchini Eleonora (3) Bianchini Gabriella (1) Bianconi Giovanni (1) Bignardi Daria (1) Bilderberg (1) Billeci Antonio (1) Billi Debora (1) Bini Flavio (1) Biondani Paolo (1) Biscotto Carlo Antonio (1) Bisio Caludio (1) Biussy Nick (1) Blair Cherie (1) Bobbio Norberto (3) Bocca Giorgio (7) Bocca Riccardo (1) Bocconi Sergio (1) Boldrini Laura (1) Bolzoni Attilio (2) Bongiorno Giulia (1) Bongiorno Mike (1) Bonini Carlo (1) Bonino Carlo (1) Bonino Emma (1) Borromeo Beatrice (3) Borsellino Paolo (2) Borsellino Rita (1) Borsellino Salvatore (2) Bossi Umberto (2) Bowie David (1) Bozonnet Jean-Jacques (1) Bracconi Marco (4) Brambrilla Michele (1) Branduardi Angelo (1) Breda Marzio (1) Brera Guido Maria (1) Bucaro Giuseppe (1) Buffett Warren (1) Bukowski Charles (1) Busi Maria Luisa (1) Buttafuoco Pietrangelo (1) Buzzati Dino (1) Cacciari Massimo (3) Cacioppo Giovanni (1) Calabresi Mario (3) Calabrò Maria Antonietta (1) Calderoli Roberto (1) Callari Francesco (1) Calzona Piero (1) Camilleri Andrea (25) Cammarata Diego (1) Campanile Achille (13) Campi Alessandro (1) Campofiorito Matteo (1) Cancellieri Anna Maria (3) Cannatà Angelo (1) Cannavò Salvatore (3) Cantone Raffaele (1) Canzoni (17) Caponnetto Antonino (1) Caporale Antonello (4) Caprarica Antonio (4) Carbone Chiara (1) Carchedi Bruno (1) Carminati Massimo (1) Carofiglio Gianrico (1) Casaleggio Gianroberto (1) Caselli Gian Carlo (3) Caselli Stefano (2) Cassese Sabino (1) Cat Stevens (1) Catalano Carmela (2) Catilina Lucio Sergio (1) Cavallaro Felice (2) Ceccarelli Filippo (2) Cedrone Giovanni (1) Celentano Adriano (3) Celestini Ascanio (12) Celi Lia (1) Centro Paolo Borsellino (1) Cerami Gabriella (1) Cerno Tommaso (1) Cetto La Qualunque (1) Chessa Pasquale (1) Chi controlla il controllore? (1) Ciancimino Massimo (3) Ciancimino Vito (2) Ciccarello Elena (1) Cimato Claudia (1) Cimò Valeria (1) Ciotti Luigi (1) Cipiciani Carlo (1) Cirino Mariano (1) Civati Giuseppe (1) Claudel Paul (1) Cocuzza Luigi (1) Colletti Giampaolo (1) Colombo Furio (4) Colombo Gherardo (6) Conti Paolo (1) Copasir (1) Coppola Gerardo (6) copyright (1) Cordero Franco (1) Cornaglia Carlo (2) Corsini Daniele (24) Costamagna Luisella (9) Covatta Giobbe (1) Craxi Bettino (2) Crispi Maurizio (1) Crocetta Rosario (1) Crozza Maurizio (2) Custodero Alberto (1) Cuzzocrea Annalisa (1) d (1) D'alema Massimo (2) D'Alessandro Nicolò (2) D'Amato Daniele (1) D'Ambrosio Simone (2) D'Avanzo Giuseppe (11) D'Eramo Marco (1) D'Esposito Fabrizio (2) D'Orta Marcello (19) da altri blog (1274) Dalla Chiesa Carlo Alberto (1) Dalla Chiesa Nando (1) Dalla Lucio (1) Damilano Marco (6) Davigo Piercamillo (6) De Andrè Fabrizio (2) De Angelis Attilio (1) De Bac Marcherita (1) De Bortoli Ferruccio (1) De Crescenzi Davide (8) De Crescenzo Luciano (21) De Curtis Antonio (2) De Francesco Gian Maria (1) De Gasperi Alcide (1) De Gregori Francesco (2) De Gregorio Concita (3) De Luca Erri (2) De Luca Maria Novella (1) De Magistris Luigi (5) De Marchi Toni (1) De Riccardis Sandro (1) De Sciciolo Cristiano (1) Deaglio Enrico (3) Dedalus (1) Del Bene Francesco (1) Del Corno Mauro (1) Dell'Utri Marcello (4) Della Valle Diego (1) Deneault Alain (1) Di Battista Alessandro (1) Di Cori Modigliani Sergio (1) Di Feo Gianluca (1) Di Giorgio Floriana (1) Di Matteo Antonino (4) Di Napoli Andrea (9) Di Nicola Primo (2) Di Pietro Antonio (28) Di Stefano Jolanda Elettra (2) Di Stefano Paolo (1) Diamanti Ilvo (27) Didonna Donato (1) Discorsi (1) Documenti (97) Donadi Massimo (2) Donati Antonella (1) Dondero Mario (1) Dones Merid Elvira (1) Dusi Elena (1) Eco Umberto (2) Eduardo De Filippo (1) Einstein Albert (1) Elio e Le Storie Tese (1) Email (24) Emanuello Daniele (1) Enigmistica (1) Erika Tomasicchio (1) Ernesto Bazan (1) Esopo (7) Esposito Antonio (1) essec (81) Eugenia Romanelli (1) Evangelista Valerio (1) Evita Cidni (3) Fabozzi Andrea (1) Facchini Martini Giulia (1) Facci Filippo (1) Facebook (26) Falcone Giovanni (3) Faletti Giorgio (1) Famiglie Arcobaleno (5) Famularo Massimo (1) Fantauzzi Paolo (1) Faraone Davide (1) Farinella Paolo (7) Fatucchi Marzio (1) Fava Giuseppe (1) Favale Mauro (1) Favole (11) Fazio Antonio (1) Federica Radice Fossati Confalonieri (1) Fedro (6) Feltri Stefano (4) Feltri Vittorio (1) Ferrandelli Fabrizio (2) Ferrara Gianluca (1) Ferrara Roberta (1) Ferrarella Luigi (1) Ferro Ornella (2) FIAT (1) Ficocelli Sara (2) Fierro Enrico (2) Filastrocche (1) Finanza (1) Fini Gianfranco (5) Fini Massimo (256) Fittipaldi Emiliano (2) Flaiano Ennio (1) Flores d'Arcais Paolo (7) Floris Giovanni (2) Fo Dario (3) Foà Arnoldo (1) Fontanarosa Aldo (1) Forleo Maria Clementina (1) Formigli Enrico (1) Fornaro Placido Antonino (1) Fotografia (22) Franceschini Dario (2) Franceschini Enrico (3) Franceschini Renata (1) Franco Luigi (1) Frangini Sara (1) Fraschilla Antonio (1) Friedman Alan (1) Fruttero Carlo (1) Fruttero e Lucentini (1) Furnari Angelo (1) Fusaro Diego (2) Gaarder Jostein (2) Gabanelli Milena (5) Gaber Giorgio (9) Gaita Luisiana (1) Galantino Nunzio (1) Galeazzi Lorenzo (1) Galimberti Umberto (10) Galli della Loggia Ernesto (1) Gallo Andrea (2) Gallo Domenico (1) Garbo Rosellina (1) Garibaldi Giuseppe (1) Gasparri Maurizio (1) Gaudenzi Daniela (3) Gawronski PierGiorgio (2) Gebbia Totò (1) Gelmini Mariastella (2) georgiamada (1) Gerino Claudio (1) Ghedini Niccolò (2) Giamporcaro Concetta (1) Gianguzzi Rosalinda (1) Giannelli (1) Giannini Massimo (31) Giannone Eugenio (1) Giannuli Aldo (3) Giaramidaro Nino (1) Gilioli Alessandro (4) Gino e Michele (2) Ginori Anais (1) Giordano Lucio (1) Giordano Paolo (1) Giuè Rosario (1) Giulietti Beppe (1) Gomez Peter (22) Google (1) Gotor Miguel (1) Gramellini Massimo (9) Granata Fabio (3) Grancagnolo Alessio (1) Grassadonia Marilena (2) Gratteri Nicola (1) Greco Francesco (3) Grillo Beppe (45) Grossi Alberto (1) Gruber Lilli (1) Gualerzi Valerio (1) Guémy Christian (1) Guerri Giordano Bruno (2) Gusatto Lara (1) Guzzanti Corrado (10) Guzzanti Paolo (4) Guzzanti Sabina (1) Hallen Woody (1) Harari Guido (1) Hikmet Nazim (1) Hitler Adolf (1) Horvat Frank (1) Hutter Paolo (1) Iacchetti Enzo (1) Iacona Riccardo (1) Iannaccone Sandro (1) Idem Josefa (1) IDV - Italia dei Valori (23) Il Ghigno (2) Il significato delle parole (5) Imprudente C. (1) Ingroia Antonio (4) Innocenti Simone (1) Invisi Guglielmo (1) Iossa Mariolina (1) Iotti Nilde (1) ITC Francesco Crispi (2) Iurillo Vincenzo (1) Jarrett Keith (1) Jop Toni (1) Joppolo Francesca (1) Kashgar (1) Kipling Rudyard (1) L'Angolino (6) L'apprendista libraio (1) L'Ideota (1) La Delfa Giuseppina (1) La Licata Francesco (2) La Rosa Dario (1) LAD (Laboratorio Arti Digitali) - Palermo (1) Lana Alessio (1) Lannutti Elio (1) Lannutti Wlio (1) Lanzetta Maria Carmela (1) Lanzi Gabriele (1) Laurenzi Laura (1) Lavezzi Francesco (1) Le Formiche Elettriche (19) Lella's Space (1) Lenin (1) Lerner Gad (1) Letta Enrico (3) Letta Gianni (1) Levi Montalcini Rita (1) Lezioni (3) Li Castri Roberto (1) Licandro Orazio (1) Lido Fondachello (1) Lillo Marco (13) Limiti Stefania (1) Littizzetto Luciana (8) Liucci Raffaele (1) Liuzzi Emiliano (3) Lo Bianco Giuseppe (2) Lodato Saverio (8) Lolli Claudio (1) Lombardo Raffaele (1) Longo Alessandra (1) Lorenzo dè Medici (1) Loy Guglielmo (1) Lucarelli Carlo (1) Lucci Enrico (1) Lungaretti Celso (1) Luporini Sandro (6) Lussana Carolina (1) Luttazi Daniele (3) M5S (1) Mackinson Thomas (3) Magris Claudio (1) Maltese Curzio (22) Manca Daniele (1) Manfredi Alessia (1) Manna Francesco (1) Mannheimer Renato (1) Mannoia Fiorella (2) Manzi Alberto (1) Maraini Dacia (2) Maratona di Palermo (5) Marcelli Fabio (1) Marchetti Ugo (1) Marchionne Sergio (3) Marcoaldi Franco (1) Marconi Mario (1) Marcorè Neri (1) Marino Ignazio (2) Marra Wanda (3) Marro Enrico (1) Martelli Claudio (4) Martini Carlo Maria (2) Marzano Michela (2) Mascali Antonella (2) Masi Mauro (1) Massarenti Armando (4) Mastella Clemente (1) Mastropaolo Alfio (1) Maurizi Stefania (1) Mauro Ezio (16) Mautino Beatrice (1) Max Serradifalco (1) Mazza Donatella (1) Mazzarella Roberto (1) Mazzella Luigi (1) Mazzola Barbara (2) Mazzucato Mariana (1) McCurry Steve (1) Meletti Giorgio (3) Meli Elena (1) Mello Federico (4) Melloni Mario (3) Meloni Giorgia (1) Menichini Stefano (1) Mentana Enrico (2) Merella Pasquale (1) Merico Chiara (1) Merkel Angela (1) Merlo Francesco (5) Messina Ignazio (1) Messina Sebastiano (3) Mesurati Marco (1) Milella Liana (2) Milla Cristiana (1) Mincuzzi Angelo (1) Mineo Corradino (2) Minnella Liana (1) Minnella Melo (1) Mogavero Domenico (2) Monastra Antonella (1) Montanelli Indro (7) Montefiori Stefano (2) Monti Mario (7) Moore Michael (1) Mora Miguel (2) Morelli Giulia (1) Moro Aldo (6) Mosca Giuditta (1) Munafò Mauro (1) Musolino Lucio (1) Mussolini Benito (4) Myanmar (1) Napoleoni Loretta (1) Napoli Angela (1) Napolitano Giorgio (10) Narratori e Umoristi (238) Nicoli Sara (6) Nietzsche Friedrich (2) Norwood Robin (1) Notarianni Aurora (1) Nuzzi Gianluigi (4) Obama Barak (4) Oian Daniele (1) Oliva Alfredo (1) Onorevoli e .... (282) Oppes Alessandro (1) Orlando Leoluca (4) Ottolina Paolo (1) P.T. (2) Pace Federico (2) Padellaro Antonio (29) Padre Georg Sporschill (1) Pagliai Giovanni (1) Pagnoncelli Nando (1) Palazzotto Gery (1) Palombi Marco (2) Panebianco Angelo (1) Pannella Marco (1) Pansa Giampaolo (3) Papa Roncalli (2) Parise Goffredo (1) Parlagreco Salvatore (4) Pasolini Caterina (1) Pasolini Pierpaolo (1) Passaparola (84) Peccarisi Cesare (1) Pellegrini Edoardo (1) Pellegrino Gianluigi (1) Pellizzetti Pierfranco (7) Penelope Nunzia (1) Pericle (1) Pertini Sandro (1) Petizioni (1) Petraloro Vito (1) Petrella Louis (1) Petrolini Ettore (4) Piana degli Albanesi (1) Piccolo Francesco (5) Pignatone Giuseppe (1) Piketty Thomas (2) Pini Massimo (4) Pini Valeria (2) Pink Floyd (2) Pino Sunseri (1) Pinotti Ferruccio (1) Pipitone Giuseppe (1) Pisanu Giuseppe (1) Pitta Francesca (1) Pivano Fernanda (1) Poesia (37) Politi Marco (2) Polito Antonio (1) Pomi Simone (4) Pomicino Paolo Cirino (1) Pompei (1) Popolo Viola (1) Porro Nicola (1) Porrovecchio Rino (2) Portanova Mario (1) Prezzolini Giuseppe (1) Prodi Romano (2) Puppato Laura (1) Purgatori Andrea (1) Quagliarello Gaetano (1) Querzè Rita (1) Raiperunanotte (1) Rajastan (1) Rame Franca (1) Rampini Federico (13) Randazzo Alessia (1) Ranieri Daniela (1) Ranucci Sigfrido (1) Ravello (1) Recalcati Massimo (2) Recensioni (25) Referendum (2) Reguitti Elisabetta (2) Reina Davide (1) Renzi Matteo (12) Report (2) Reportage siciliano (1) Reski Petra (2) Retico Alessandra (1) Revelli Marco (1) Riboud Marc (1) Ricci Maurizio (1) Ricciardi Raffaele (1) Rijtano Rosita (1) Riondino David (4) Riva Gloria (1) Rizza Sandra (2) Rizzo Sergio (9) Roberti Franco (2) Roccuzzo Antonio (1) Rodari Gianni (3) Rodotà Maria Laura (1) Rodotà Stefano (6) Roiter Fulvio (1) Romagnoli Gabriele (1) Rosalio (1) Rosselli Elena (1) Rossi Enrico (1) Rossi Guido (1) Rossi Paolo (1) Rosso Umberto (1) Ruccia Gisella (1) Rusconi Gianni (1) Rutigliano Gianvito (2) Ruvolo Mariastella (1) Sacconi Maurizio (2) Saggistica (131) Said Shukri (1) sallusti Alessandro (1) Salvati Michele (1) Sander August (1) Sannino Conchita (1) Sansa Ferruccio (2) Sansonetti Stefano (1) Santamaria Marcello (1) Santarpia Valentina (1) Santoro Michele (6) Sargentini Monica Ricci (1) Sartori Giovanni (9) Sasso Cinzia (1) Sava Lia (1) Savagnone Giuseppe (1) Saviano Roberto (12) Scalfari Eugenio (33) Scalzi Andrea (1) Scanzi Andrea (8) Scarafia Sara (1) Scarpinato Roberto (9) Scianna Ferdinando (4) Sciascia Carlo Roberto (1) Scorza Guido (2) Scuola (2) Scurati Antonio (1) Serra Michele (14) Serra Michele R. (1) Serradifalco Massimiliano (1) Severgnini Beppe (12) Sicilcassa (2) Sideri Massimo (2) Siena (2) Signorelli Amalia (1) Siino Tony (1) Silena Lambertini (1) Simonelli Giorgio (2) Slide show (39) Smargiassi Michele (2) Socrate (1) Soffici Caterina (1) Sofri Adriano (1) Sollima Giovanni (1) Sommatino Francesca (2) Spicola Mila (3) Spinelli Barbara (6) Spinicci Paolo (1) Sport (1) Springsteen Bruce (2) Staino Sergio (1) Stasi Davide (1) Stella Gian Antonio (10) Stepchild adoption (1) Stille Alexander (2) Stone Oliver (1) Storie comuni (5) Superbonus (1) Sylos Labini Francesco (1) Szymborska Wislawa (1) Tafanus (1) Taormina Carlo (1) Tarquini Andrea (2) Tartaglia Roberto (1) Taverna Paola (1) Tecce Carlo (4) Telese Luca (7) Temi (4) Terzani Tiziano (4) Tinti Bruno (16) Tito Claudio (2) Tocci Walter (1) Tomasi di Lampedusa Giuseppe (1) Tomasoni Diego (2) Tonacci Fabio (1) Toniolo Maria Gigliola (1) Toniutti Tiziano (2) Torresani Giancarlo (1) Torsello Emilio Fabio (2) Tortora Francesco (3) Totò (2) Travaglio Marco (227) Tremonti Giulio (2) Trilussa (15) Troja Tony (1) Trump Donald (1) Truzzi Silvia (8) Tundo Andrea (1) Turco Susanna (1) Turrini Davide (1) Twain Mark (1) U2 (1) UIF - Unione Italiana Fotoamatori (4) Usi ed Abusi (8) Valkenet Paulina (1) Vandenberghe Dirk (1) Vannucci Alberto (1) Varie (38) Vauro Senesi (2) Vecchi Davide (9) Vecchio Concetto (3) Veltroni Walter (3) Vendola Niki (3) Venturini Marco (1) Verderami Francesco (1) Verdini Denis (3) Vergassola Dario (4) Viale Guido (1) Video (99) Villaggio Paolo (6) Violante Luciano (2) Viroli Maurizio (3) Visetti Giampaolo (1) Viviano Francesco (2) Volàno Giulio (1) Vulpi Daniele (1) Walters Simon (1) Wikipedia (20) Wilde Oscar (3) WWF (1) www.toticlemente.it (3) You Tube (75) Yourcenar Margherite (1) Zaccagnini Adriano (1) Zaccagnini Benigno (1) Zagrebelsky Gustavo (9) Zambardino Vittorio (1) Zanardo Lorella (1) Zanca Paola (1) Zucconi Vittorio (3) Zucman Gabriel (1) Zunino Corrado (1)

COOKIES e PRIVACY Attenzione!

Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. E’ possibile trovare maggiori informazioni all’indirizzo della Privacy Policy di Automattic: http://automattic.com/privacy/ Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser.

Meteo

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Calcolo Devalutazione Monetaria