La Quarta Dimensione Scritti

"Dopo gli anni ovattati dell'infanzia e quelli spensierati dello studio ci si immerge nella catena lavorativa che, al di là di qualunque gratificazione, assorbe e lascia poco tempo ... e poi finalmente arriva la tua quarta dimensione ... e ritrovi quella serenità smarrita."

Il presente blog costituisce un almanacco che raccoglie i testi completi dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (se disponibili).

Chi c'è?

Translate

sabato 16 novembre 2019

“La regola dell’equilibrio” un romanzo di Gianrico Carofiglio


Ho appena finito di leggere il libro dal titolo “La regola dell’equilibrio” di Gianrico Carofiglio. E’ uno di quei romanzi in cui il suo soggetto preferito come protagonista, l’avvocato Guido Guerrieri, si districa in problematiche giudiziarie, evidenziando peculiarità di quel mondo complesso e spesso nebuloso.
Questo romanzo, anche a detta di molti critici e lettori, contiene in diverse parti dei tecnicismi specifici che non rendono facile la lettura per chi non è addetto ai lavori ma, isolando per un po’ questi aspetti o, per meglio dire, ridimensionando l’enucleazione di prassi/cavilli in uso nei procedimenti giudiziari, evidenzia l’enorme complessità che caratterizza quell’universo e l’italiano in particolare.
Le vicende narrate e le differenti angolature con le quali si può avviare qualunque procedimento in contenzioso, investigativo, di accusa, di difesa, giudicante, fanno emergere come sia alquanto complicata e variegata l’intera materia.
Il racconto, senza voler anticipare nulla sul finale, narra di un magistrato che diviene oggetto di un’indagine giudiziaria e che si affida per la sua difesa a quello che lui reputa il più integerrimo e valido legale presente nella piazza di Bari, che peraltro è anche stato suo collega nel corso di laurea in legge conseguita nel locale ateneo.
Quindi, il caso, per i tempi che corrono, si rivela abbastanza attuale e le dinamiche che via via si vanno a sviluppare non sono da meno.
Capita spesso che, nel leggere un romanzo, il lettore possa intravedere a distanza un percorso parallelo. Talvolta, cioè, quello che stai leggendo si accosta in maniera assai curiosa ad avvenimenti che hai tu stesso vissuto o che stai, magari con qualche debita variante, vivendo in quello stesso momento. Le considerazioni che possono nascere in questi casi risultano per chi legge, quindi, intriganti e molteplici.
Partirei col dire già che in vicende legali è sempre fondamentale saper scegliere un buon legale, anche se ciò non basta.
Il professionista prescelto oltre a dover essere di fiducia deve anche essere preparato, scaltro, duttile e propenso a capire a volo le tante variabili che possono in ogni momento imprevedibilmente mutare, cambiando di colpo la staticità originaria della problematica di base; in più - e non in ultimo - deve anche avere una buona capacità comunicativa verso l'assistito, coinvolgendolo opportunamente nel saperlo indirizzare a scegliere il meglio per ogni decisione.
Al di là dell’eventuale fase dibattimentale, un buon avvocato deve cioè saper approfondire – con l’aiuto del suo assistito e con la capacità di analisi asettica che il ruolo impone – la questione da gestire. In più, oltre a trovare il bandolo principale che gli possa consentire di svolgere la matassa, deve anche saper ben fotografare l’apparato difensivo messo in piedi dalla controparte.
Inoltre, escludendo possibili incompetenze o incomprensioni sul nocciolo della materia in esame, è compito di un buon legale quello di focalizzare con immediatezza gli aspetti centrali della vicenda e andare a valutare i possibili risvolti che eventuali azioni da intraprendere possano ulteriormente innescare.
A questo punto possono insorgere accadimenti come quelli narrati nel romanzo ovvero: chi ci assicura che il legale scelto tuteli veramente i tuoi interessi? Oppure, nel caso in cui il professionista valuti la questione inadeguata al suo livello, può capitare che la negligenza e la superficialità applicata possa determinare un “vulnus” che vada a pregiudicare possibili azioni future?
Nel caso di problematiche deontologiche, per esempio, avviare un’azione in cui si affermino presupposti che possano poi essere impugnate contro la stessa parte offesa, contro cioè chi intenta la causa, costituisce certamente un errore alquanto plateale, ma, anche in questi casi può sorgere il dubbio, ovverossia: quanto ciò può solo imputarsi al caso? Del resto, anche in ambito calcistico è una costante il fatto che tutti gli “autogol”, seppur involontari, restano dei tiri imparabili e spesso sono decisivi nell’esito del finale di una partita.
Esperienze passate mi hanno insegnato che quando si analizza una questione, qualunque essa sia e a prescindere della complessità della stessa, occorre avviare una disamina asettica e autonoma, senza che sussistano pregiudizi e procedere studiando il caso per l’unicità che esso rappresenta, a prescindere anche dagli eventuali punti di comunanza con casistiche similari. Ne deriva che per ogni questione è necessario un percorso originale e, comunque, a sè stante.
Il mondo della giustizia, come efficacemente racconta Carofiglio nel suo romanzo è affollato da una fauna promiscua e non sempre sono immediatamente distinguibili le specie e le "razze" che si districano nelle aule giudiziarie. 
In un precedente scritto in cui mettevo in luce le anomalie dei soggetti come i giudici Falcone e Borsellino, assurti a eroi post mortem, avevo già illustrato il panorama giurisdizionale palermitano e grossomodo, a tutt’oggi, sembra che non sia cambiato molto. E, in questo, non credo neanche che il fenomeno vada a costituire un caso isolato rispetto al panorama nazionale.
Del resto, quando si approccia a intentare una causa – e di qualunque genere – la prima cosa che ti dice qualsiasi legale è che, indipendentemente dalle frecce che si hanno in faretra, il risultato finale è sempre incerto. Dipende dall’abilità dei legali coinvolti, dalle “conoscenze”, dalla validità degli elementi di prova e non ultimo e forse principalmente da chi sarà il “giudice” chiamato a dirimere e giudicare il caso.
Discorso a parte meriterebbero poi fattispecie di corruttela, più o meno velata, più o meno grave, più o meno accertabile.
In conclusione appare quindi discutibile la dizione che recita “la legge è uguale per tutti” apposta nelle aule dei tribunali, forse, nel caso,  apparirebbe più realistico il titolo di un altro libro, scritto in questo caso dal siciliano Pif , ovvero “futti futti cà Dio perdona a tutti”.
Nella quarta di copertina del romanzo di Gianrico Carofiglio si legge: “Quando chiudemmo il verbale e l’udienza, lo spiacevole sentore della parola calunnia aleggiava sul procedimento. Tutti sapevamo che in qualche modo sarebbe rimasto lì, e tutti sapevamo che la procura avrebbe dovuto trovare qualcosa di molto solido, se non voleva che quel fascicolo finisse nella discarica delle archiviazioni o dei proscioglimenti”. 

© Essec


martedì 12 novembre 2019

E non c'indurre in tentazione. Amen.



Tempo addietro, seduti al solito bar, per il solito caffè addolcito con zucchero di canna per lui, amaro per me, l'amico Nino mi porse la classica domanda: "ma secondo te c'è nulla di veramente originale nelle idee umane dei nostri giorni?" Ne discutemmo a lungo, per poi  alla fine convenire che nella quasi totalità dei casi c'era già stato qualcuno che quella cosa l’aveva già pensata prima, almeno nei fondamentali.
Spesso esistono prove scritte e studi di autori/pensatori minori che ci hanno preceduto nel tempo, in qualche caso anche relativamente remoto, rimasti talvolta dimenticati o poco valorizzati dalla storia, nella confusione del mondo che macina con la sua ruota incessante. Sono anche quei personaggi nei quali talvolta ci imbattiamo casualmente con le nostre letture.
L'invenzione della scrittura, quindi, li testimonia senza alcuna ombra di dubbio, come pure i racconti tramandati o quelle tradizioni attive che comprovano quasi tutto, portandoci indietro sulle vere origini di tante ispirazioni/intuizioni, spesso oggi millantate per nuove. C’era già stato, quindi, qualcuno che lo aveva immaginato o detto!
Se fosse stato tutto quanto scritto forse molte altre idee non sarebbero state disperse, ma in ogni caso le rielaborazioni nel tempo e nello spazio di tante immaginazioni costituiscono sempre un arricchimento, dei passi avanti, perché le idee necessitano di continue verifiche e esperimenti.
Se pensiamo alla ruota, quell'invenzione primordiale è stata straordinaria, ma altrettanto nobile e meritevole di elogio sono state le sue applicazioni e le evoluzioni successive, a partire dalla carriola e poi il carro, la bicicletta, l'automobile. Tutto è nato dall'invenzione della pietra circolare, il resto è stato la naturale evoluzione immaginata dalla mente umana e ogni stadio e livello ha avuto una nobile funzione, a prescindere della cultura vigente in ogni tempo.
Chissà perché ma da taluni le idee, se son loro ad averle, vengono congelate e assunte come fossero esclusive e guai se altri s’ispirano a quel canovaccio e, nel caso, sviluppano ulteriormente quell’originaria intenzione.
Il marchio d’esclusiva, per loro, sembrerebbe valere a prescindere dai contenuti, dal tema che si è chiamati a svolgere, dalle parole da usare, dalla specifica natura del racconto.
E’ come dire, tu non puoi fare un film che dura 54 minuti perché di questa durata di tempo l’ho pensata già io e se fai un cortometraggio di 24 minuti, mi stai copiando l’idea. Ovvero, forzando il concetto, è un voler mantenere l’esclusiva delle parole, come se non fossero dei termini base di uso comune che si rendono necessari per una composizione, per lo svolgimento di un discorso o di una qualunque forma di comunicazione artistica.
Il termine “albero” è mio e guai a chi me lo tocca. “Incantevole” l’ho inventato io e nessun altro lo può scrivere o pronunciare senza che io lo autorizzi.
Roba da non crederci direi ……. Ma lasciamo che tutti i sapiens creativi possano essere protagonisti.
Direi pure che se qualcuno mette a disposizione una chitarra a me che non so suonare, non potrà generare tentazioni di copiature o ingenerare ispirazioni simili; magari a un altro che conosce la musica l’indurrà a creare una nuova melodia, composta sì da note sempre uguali e alla portata di tutti.
Nel caso, acclarata l’originalità del nuovo brano, pur fatto utilizzando sempre le solite note, nessuno andrà a sostenere che si sarà trattato di un plagio. Ma, a dire il vero, ripensandoci, il mondo degli artisti è veramente strano e imprevedibile e le copiature sono sempre dietro l’angolo a “indurre in tentazione”.

Buona luce a tutti! 

© Essec


venerdì 8 novembre 2019

La radicalità come strategia retorica delle destre. La finestra di Overton


Qualcuno si stia svegliando dal torpore, dopo aver passato decenni a sottovalutare le destre, ripetendo il mantra che si tratti di quattro cretini, o comunque di comportamenti minoritari. Dicono che hanno vissuto gli anni’70, poi gli “anni di piombo” e che il pericolo in fondo è già scampato.
Se oggi sentiamo il bisogno di mettere sotto scorta i testimoni diretti del nazi-fascismo, ridotti sempre di più dal ricambio generazionale, evidentemente la nostra memoria collettiva si è indebolita oltre misura.
Questa amnesia generalizzata, sotto i colpi delle crisi cicliche del sistema capitalista, come quella del 2008, dimostrano che non siamo abbastanza immuni da quella che Croce chiamava “una malattia morale” e che oggi assume sempre più marcatamente anche i caratteri di una malattia culturale.
I suoi sintomi febbrili riscaldano il corpo sociale che individua quel virus che è sempre lo stesso, confezionato e conservato per essere scatenato al momento opportuno al fine di vessare gli ultimi e dividerli e governarli.
Eppure questa febbre nera ormai si è diffusa in molti paesi. E forse quei “tiepidi” che hanno sottovalutato questo pericolo se ne stanno pentendo. Forse pensano che, nell’illusione che la lotta sia tra sovranisti ed europeisti, alla fine il mercato vincerà, come se il mercato non fosse uno dei due volti dello stesso potere, quello (forse) “più esteticamente accettabile” rispetto a quello dei muscoli dei nazionalismi.
Molti oggi sono sorpresi nel vedere Lega e Fratelli d’Italia al 40%. Ma se ci chiedessimo in quale momento nell’opinione pubblica abbiano iniziato a fare strada le idee di destra, convinti che la gente non avrebbe ripetuto gli orrori del passato, limiteremmo la risposta agli effetti della crisi economica e al fatto che nel disagio da essa provocato, serpeggiano i semi del consenso di queste destre.
Ma il consenso si produce diffondendo delle idee e spesso sottovalutiamo i messaggi radicali che vengono da tempo iniettati nel dibattito pubblico, prima ancora della crisi economica.
Il punto è quindi eminentemente culturale e riguarda il modo in cui vengono sdoganate le idee razziste nell’opinione pubblica. Non si tratta di un procedimento improvviso, bensì lento e invisibile, che passa attraverso dei pensieri radicali prima estremi ed inaccettabili, ora chiamati solo “duri” o “forti”, inoculati periodicamente, non direttamente o non solo, dai politici di estrema destra, ma anche dai loro intellettuali e giornalisti.
La strategia è semplice: le estreme destre influenzano la cultura di massa per vincere le elezioni. Un’idea radicale diventa moderata se sorpassata da un’idea ancora più radicale, fino alla conquista dell’egemonia culturale.
Il ruolo chiave spetta ai media, in mano ai gruppi di interesse o di potere che rincorrono una sola logica, quella dell’audience. L’elemento più grave è che l’audience o le visualizzazioni, le “leggi supreme” del mercato televisivo o social, favoriscono questo tipo di pensieri radicali o estremi, dandogli visibilità.
I vari provocatori come Sgarbi, Feltri, Giordano, Belpietro, Ferrara, Grillo, Salvini, Meloni, hanno spinto il limite dell’accettabile, introducendo nel dibattito idee, prima inaccettabili. Sgarbi, il meno politico tra questi, e per questa ragione il più fintamente innocuo, è l’esempio più eclatante di questa funzione.
Sia che si prenda sul serio quello che dice, sia che lo si bolli come personaggio provocatore costruito, sia che si rida per la sua violenza verbale “fuori le righe” questo non gli impedisce di introdurre qualcosa di nuovo che entra nel dibattito.
Le loro idee inizialmente impensabili, radicali, a forza di essere dette, spostano a colpi di risata, di un poco il campo, o meglio “la finestra” dei pensieri possibili.

Un sociologo ha spiegato questo con la “finestra di Overton”.
Overton descrive uno schema di idee dalla “più libera” alla “meno libera” riguardo l’azione del governo, rappresentata su un asse.
Prendiamo l’esempio del cannibalismo che è considerato immorale e condannabile nella società studiata. A questo stadio il cannibalismo si trova al livello più basso di tolleranza nella finestra: è impensabile ed inaccettabile.
Per fare cambiare l’opinione pubblica si trasforma il tema in argomento scientifico, che per statuto non ha limiti di investigazione. Un piccolo gruppo di “estremisti” pro-cannibalismo espone l’idea nei media e questa opinione diventa radicale. Il cannibalismo non è più un tabù.
Il passaggio seguente è che l’idea radicale diventi piano piano accettabile. Chi continua a percepirli come intransigenti verranno tacciati di fanatici che si oppongono alla scienza, contribuendo a modificare il linguaggio. Ad esempio nel caso del cannibalismo si parlerà di antropofagia o di antropofilia. Il dibattito pubblico integra progressivamente questa idea anche se non è ancora completamente accettata.
In seguito il cannibalismo può passare da accettabile a ragionevole portando esempi di giustificazione in casi estremi, come in quello di una carestia e del relativo spirito di sopravvivenza. Esempi di giustificazione vengono poi generalizzati.
Infine l’idea diventa popolare tramite canali culturali, per esempio (banale) dei film di zombies. Infine i gruppi di pressione cercano una rappresentazione politica che legalizzerebbero l’idea inizialmente impensabile.
Questo procedimento rappresentato dal sociologo si è svolto e si svolge quotidianamente sotto i nostri occhi, spostando ogni giorno i limiti di questa finestra allargata nella direzione voluta dai centri di potere.
Esso è accompagnato da una tendenza generale a minimizzare gli eventi, come lo dimostrano i fatti di Verona (cori a Balotelli), al Lucca Comics, o la dichiarazione dello “stato d’emergenza nazismo” a Dresda. Il partito di Angela Merkel ha infatti parlato di “puro simbolismo” e di “errore linguistico”.
Lo sdoganamento di pensieri e comportamenti razzisti è calcolata ed accettata persino da quei tiepidi e moderati liberali-liberisti che pensano di poter giocare “al lupo al lupo” contro l’ondata nera credendo di poterla cavalcare. Speriamo che, come già accaduto in passato, non finiscano per aprirgli definitivamente le porte. Noi restiamo vigili.


 

mercoledì 6 novembre 2019

Ibrahim e mi chiede quanti centesimi mi mancano


Stazione metropolitana. È l'alba. Sempre di fretta corro verso l'unica macchinetta per l'acquisto dei biglietti.
Un ragazzo di colore tocca il display ma è in difficoltà, si guarda attorno, poi mi vede. Siamo da soli io e lui in tutta la stazione. Intuisco che ha qualche problema ma che è timoroso nel rivolgermi la parola. Mi avvicino e gli chiedo se ha bisogno di una mano. Gli si illuminano gli occhi, mi rivela che non sa fare il biglietto della metro, poi mi chiede se posso insegnarglielo. Senza esitare chiedo la destinazione e inizio a mostrargli i "passaggi" per l'acquisto del biglietto. Intanto inizia a raccontarmi di se e della sua giornata.. . Lui è Ibrahim, viene dal Senegal e oggi sarà una lunga giornata; dice che dovrà andare in giro per la città a fare lavoretti fino a tardi e che solitamente si sposta a piedi solo che stavolta la sua meta è troppo lontana ed è la prima volta che si spinge ad "avventurarsi" con la metro.
"Hai fatto bene"; gli dico. È arrivato il momento di inserire le monete. Ritira il biglietto, mi ringrazia e si allontana verso il binario.
È il mio turno, inizio a toccare lo schermo per fare il mio di biglietto quando all'improvviso mi accorgo che le monete non mi bastano e la macchinetta non prende contanti, mannaggia...
Si avvicina Ibrahim e mi chiede quanti centesimi mi mancano per l'acquisto del biglietto, non ho il tempo di rispondere che già lo ha letto sul display. Mette la mano in tasca e mi porge i 20 centesimi mancanti. Resto ferma per una frazione di secondo, avrei voluto che molta gente avesse visto quel gesto per tanti motivi. Lo ringrazio mille volte, inserisco le monete e ritiro il biglietto. Arrivo al binario e continuo a ringraziarlo e lui mi dice:
"Sono io che devo ringraziarti perché mi hai insegnato a fare il biglietto della metropolitana e sono sicuro che la prenderò più spesso". Mi fa un sorrisone, sta arrivando il mio treno, lo ringrazio ancora e vado via, lui aspetterà la metro per andare nella direzione opposta...
Mi siedo e inizio a pensare al fatto che questi gesti dovrebbero essere normali ma che negli ultimi tempi sembrano non esserlo più soprattutto da quando qualcuno vuole far credere che restare sola alla stazione con una persona dal colore di pelle diverso dal tuo sia sinonimo di morte sicura...
Io avrò insegnato a Ibrahim a fare il biglietto ma lui mi ha regalato un buon giorno bellissimo.

Pubblicato su FB da Carmela Catalano

 

lunedì 4 novembre 2019

TrapanInPhoto 2019 – 9^ Edizione



Anche quest’anno, dal 18 al 27 ottobre, si è rinnovato l’evento “TrapanInPhoto”, organizzato dall’associazione “I Colori della Vita” con la supervisione dell’instancabile Arturo Safina.
L’appuntamento è quindi arrivato alla nona edizione e alle consuete mostre collettive e personali, si sono anche succeduti altri importanti eventi e, non ultimo, si è svolta la consueta lettura di portfolio.
La domenica del 20 a leggerli quest’anno sono stati Silvana Turzio, Roberto Mutti, Pino Ninfa, Charley Fazio e Pippo Pappalardo.
Come osservatore e improvvisandomi un po’ video-operatore mi sono soffermato ai vari tavoli, sostando nei diversi capannelli che hanno fatto da cornice alle coppie formate dal proponente il portfolio e dal rispettivo esperto scelto per la lettura.
I lavori prospettati sono risultati interessanti, come sempre, talvolta intriganti e alquanto variegati, sia nella forma che nella sostanza.
Come ha detto l’amico Pippo, infatti e diversamente dagli altri appuntamenti della specie, in quest’occasione sono stati presentati portfoli aventi diverse tematiche e non solamente concentrati sui temi che vanno oggi di moda, ovverossia di migranti e affini.
Assistere alle letture è un modo di scoprire e apprezzare la fantasia e le tante possibili forme di grammatica e sintassi fotografica che ogni autore mette in campo per raccontare una storia.
Non sempre, però, le intenzioni del fotografo corrispondono all’intento, vuoi per la forma visiva scelta o per come la stessa è stata impaginata ma, in ogni caso, affascinano le argomentazioni che sgorgano in modo fluido dall’input iniziale.
In altri articoli ho avuto già modo di scrivere discernendo delle considerazioni sulle letture di Pippo Pappalardo e su come Giancarlo Torresani – altro noto esperto in materia – ci spiega cosa è in verità un “portfolio fotografico”; chi vuole può leggerli cliccando sopra i due nominativi.
Un esperimento che avevo avviato l’anno passato, esclusivamente sulle letture a confronto di mie fotografie e sempre a TrapanInPhoto, l’ho voluto ripetere anche in questa 9^ edizione. Questa volta, però, ho voluto documentare letture riguardanti lavori differenti, per consentire di osservare come da proposte differenti possano sempre derivare interpretazioni composite, complesse, mai banali e – in ogni caso – sempre costruttive per il proponente.
Nel postare sul web il link di una di queste letture (“Don Chisciotte” proposto da Antonella Messina), al fine di dare un’idea esplicita su come la penso, ho già scritto "Assistere a questa lettura di portfolio di Pippo Pappalardo è come ritrovarsi in un'aula universitaria durante una lezione di letteratura o di filosofia o di semiologia o di antropologia o di psicanalisi, fate voi. Gli argomenti trattati da Pappalardo sono sempre molteplici, complessi e incrociati in una composizione unica che adombra tante sfumature ma anche tanti contrasti forti. Chiaroscuri delicati e Neri assoluti - che si alternano nell’interpretazione del lettore - ripercorrono le pagine del poema del Cervantes, invitando infine l'osservatore a una personale lettura o rilettura del ‘Don Chisciotte’. 
Non occorrono altre parole, s’invita a seguire con attenzione il filmato per poter cogliere i tanti dettagli che arricchiscono la splendida operazione del "Critico" (con la "C" maiuscola) Pappalardo."
In conclusione indico di seguito tre links relativi a rispettivi video di questa 9^ edizione che ho anche stavolta postato su You Tube per un maggiore accesso pubblico e permettere di verificare agli appassionati e rispondere alla eventuale curiosità di non addetti ai lavori:
- “Don Chisciotte” di Antonella Messina https://youtu.be/kqbd6XPE-1M 
- “L’isola” di Gregorio Bertolini https://youtu.be/56cQD8Mar4A 
- “Lentamente” di Daniela Basiricò  https://youtu.be/-VyGUn7UbpE

Buona luce a tutti!

 © Essec


domenica 3 novembre 2019

TrapanInPhoto - Letture Portfolio di Pino Ninfa: "L'Isola" (di Gregorio Bertolini)


A.F.A. Sezione di Palermo



Certo di associazioni e circoli siamo pieni. Quasi tutti abbiamo tratto conclusioni creandone o transitandovi in alcuni semplicemente.
In genere le esperienze, almeno si dice, aiutano a crescere ma è certo che qualunque “aggregazione” è fatta di uomini e donne che, in relazione alle caratteristiche e qualità, possono determinare il successo o l’insuccesso.
Di recente, con un gruppo di amici sufficientemente collaudati, si è dato vita a una costola di un’associazione preesistente, allo scopo di non disperdere un gruppo che aveva già trovato un buon equilibrio di “pacifica coesistenza” nel convivere in una comune passione.
Confluiti da diverse esperienze, ci si era ritrovati in un’associazione storica palermitana che, per ragioni economiche e altro, era arrivata al punto che non poteva più continuare a mantenersi.
Dopo diverse ipotesi sperimentate per tenere in piedi in qualche modo - e con ipotesi organizzative e strutturali diverse - la baracca, si decise di dare vita a un’avventura nuova che, oltre a mantenere il gruppo “vagabondo”, tendesse a creare nuove opportunità e occasioni di incontri e di crescita.
Da qui è nata la Sezione palermitana dell’A.F.A., che ha già visto premiare l’impegno profuso con l’arrivo di nuovi soci, anch’essi appassionati di fotografia e pure loro alla ricerca di luoghi e persone nuove per svolgere attività “costruttive”.
Riducendo, quindi, al minimo i costi gestionali e, conseguentemente, di adesione all’associazione, ci si è concentrati nel convogliare idee e iniziative da sviluppare, immaginando le soluzioni su come realizzare le tante idee possibili.
Tutti gli associati sono qui abilitati a portare l'innovazione che necessita per mantenere vivo l’impegno e l’interesse; le proposte vengono argomentate, collegialmente discusse e viene infine deciso sul come portare avanti l'ipotesi di lavoro selezionata.
Costante rimane l’opportunità e la possibilità del più ampio e libero confronto, senza preclusione o pregiudizio alcuno.
Ciascuno, con le variegate proposte e sottoponendo altresì all’esame le proprie produzioni visive, illustra, esplicita, manifesta le proprie teorie/visioni sottoponendosi e accettando serenamente eventuali possibili critiche o di ascoltare i diversi punti di vista degli altri soci che, a turno, si pongono come osservatori e critici attenti.
Siamo già al secondo anno di attività e, oserei dire, che le prospettive augurano al momento un orizzonte alquanto luminoso.

 © Essec


Archivio blog

Questo BLOG non è una testata giornalistica: viene aggiornato con cadenza casuale e pertanto non è un prodotto editoriale (ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001) bensì un semplice archivio condiviso di idee e libere opinioni. Tutto ciò ai sensi dell'art.21 comma 1 della Costituzione Italiana che recita come: TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Post più popolari

Lettori fissi

Cagando todos somos iguales

Cagando todos somos iguales
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)
La fotografia è in genere un documento, la testimonianza di un ricordo che raffigura spesso persone e luoghi, ma talvolta può anche costituire lo spunto per fantasticare un viaggio ovvero per inventare un racconto e leggere con la fantasia l’apparenza visiva. (cliccando sopra la foto è possibile visionare il volume)

Etichette

"Sbankor" (2) 10 storie del Cavaliere (10) Abbate Ciccio (1) Abbate Lirio (2) Accolla Dario (1) Accorinti Renato (1) Adinolfi Massimo (1) Aforismi (18) Ai Weiwei (1) Al Capone (1) Alberton Mariachiara (1) Alfano Angelino (2) alias C215 (1) Alice ed Ellen Kessler (1) Alinari Luca (1) Allende Isabel (1) Allievi Stefano (1) Almerighi Mario (1) Amato Fabio (2) Amato Giuliano (2) Ambrosi Elisabetta (1) Amurri Sandra (1) Andreoli Vittorino (4) Andreotti Giulio (4) Andrews Geoff (1) Aneddoti (11) Angela (1) Angelo Rivoluzionario (1) Annunziata Lucia (2) Anselmi Tina (2) Anzalone Morena (1) Articoli (1690) Assante Ernesto (2) Attias Luca (1) Augias Corrado (2) Autieri Daniele (1) Avveduto Virginia (1) B1 (1) Baglioni Angelo (1) Bagnasco Angelo (1) Ballarò (1) Balocco Fabio (1) Banca d'Italia (25) Banche & Finanza (42) Baraggino Franz (1) Barbacetto Gianni (3) Barbareschi Luca (1) Barbera Davide (1) Barca Fabrizio (1) Basile Gaetano (2) Bassi Franco (1) Basso Francesca (1) Battaglia Letizia (3) Battiato Franco (4) Battisti Lucio (1) BCE (1) Beccaria Antonella (1) Beha Oliviero (3) Bei Francesco (1) Belardelli Giovanni (1) Belardelli Giulia (3) Bellantoni Pietro (1) Beltramini Enrico (1) Bene Carmelo (1) Benedetti Carla (1) Benetazzo Eugenio (1) Benigni Roberto (1) Benincasa Giuseppe (1) Benni Stefano (35) Bergoglio Jorge Mario (2) Bergonzoni Alessandro (10) Berlinguer Bianca (1) Berlinguer Enrico (4) Berlusconi Silvio (17) Bernabei Ettore (1) Bersani Pierluigi (3) Bertinotti Fausto (1) Bertolucci Lionello (1) Biagi Enzo (26) Bianchi Enzo (1) Bianchini Eleonora (3) Bianchini Gabriella (1) Bianconi Giovanni (1) Bignardi Daria (1) Bilderberg (1) Billeci Antonio (1) Billi Debora (1) Bindi Rosy (1) Bini Flavio (2) Biondani Paolo (1) Biscotto Carlo Antonio (1) Bisio Caludio (1) Biussy Nick (1) Blair Cherie (1) Bobbio Norberto (3) Bocca Giorgio (7) Bocca Riccardo (1) Bocconi Sergio (1) Boggi Paolo (1) Boldrini Laura (1) Bolzoni Attilio (2) Bongiorno Giulia (1) Bongiorno Mike (1) Bonini Carlo (1) Bonino Carlo (1) Bonino Emma (1) Borromeo Beatrice (3) Borsellino Paolo (3) Borsellino Rita (1) Borsellino Salvatore (2) Bossi Umberto (2) Botti Antonella (1) Bowie David (1) Bozonnet Jean-Jacques (1) Bracconi Marco (4) Brambrilla Michele (1) Branduardi Angelo (1) Breda Marzio (1) Brera Guido Maria (1) Brusini Chiara (1) Bucaro Giuseppe (1) Buffett Warren (1) Bukowski Charles (1) Busi Maria Luisa (1) Buttafuoco Pietrangelo (1) Buzzati Dino (1) Cacciari Massimo (3) Cacioppo Giovanni (1) Calabresi Mario (4) Calabrò Maria Antonietta (1) Calderoli Roberto (1) Callari Francesco (1) Calzona Piero (1) Camilleri Andrea (25) Cammarata Diego (1) Campanile Achille (13) Campi Alessandro (1) Campofiorito Matteo (1) Cancellieri Anna Maria (3) Cannatà Angelo (1) Cannavò Salvatore (3) Cantone Raffaele (1) Canzoni (18) Caponnetto Antonino (1) Caporale Antonello (4) Caprarica Antonio (4) Carbone Chiara (1) Carchedi Bruno (1) Carminati Massimo (1) Carofiglio Gianrico (2) Caruso Cenzi (1) Casaleggio Gianroberto (1) Caselli Gian Carlo (3) Caselli Stefano (2) Caserta Sergio (1) Cassese Sabino (1) Castigliani Martina (1) Cat Stevens (1) Catalano Carmela (3) Catilina Lucio Sergio (1) Cavallaro Felice (2) Ceccarelli Filippo (2) Cedrone Giovanni (1) Celentano Adriano (3) Celestini Ascanio (12) Celi Lia (1) Centro Paolo Borsellino (1) Cerami Gabriella (1) Cerno Tommaso (1) Cetto La Qualunque (1) Change.Org (1) Chessa Pasquale (1) Chi controlla il controllore? (1) Chiarucci Giancarlo (1) Ciancimino Massimo (3) Ciancimino Vito (2) Ciccarello Elena (1) Cimato Claudia (1) Cimò Valeria (1) Ciotti Luigi (1) Cipiciani Carlo (1) Cirino Mariano (1) Civati Giuseppe (1) Claudel Paul (1) Cocuzza Luigi (1) Colletti Giampaolo (1) Collini Pietro (1) Colombo Furio (4) Colombo Gherardo (6) Conte Giuseppe (1) Conti Paolo (1) Copasir (1) Coppola Gerardo (10) copyright (1) Cordero Franco (1) Cornaglia Carlo (2) Corsini Daniele (28) Cosimi Simone (1) Costamagna Luisella (9) Covatta Giobbe (1) Craxi Bettino (2) Crispi Maurizio (1) Crocetta Rosario (1) Crozza Maurizio (2) Curcio Antonio (2) Custodero Alberto (1) Cuzzocrea Annalisa (1) d (1) D'alema Massimo (2) D'Alessandro Nicolò (2) D'Amato Daniele (1) D'Ambrosio Simone (2) D'Avanzo Giuseppe (11) D'Eramo Marco (1) D'Esposito Fabrizio (2) D'Orta Marcello (19) da altri blog (1472) Dalla Chiesa Carlo Alberto (1) Dalla Chiesa Nando (1) Dalla Lucio (1) Damilano Marco (6) Davigo Piercamillo (6) De Andrè Fabrizio (2) De Angelis Alessandro (1) De Angelis Attilio (1) De Bac Marcherita (1) De Bortoli Ferruccio (2) De Crescenzi Davide (8) De Crescenzo Luciano (21) De Curtis Antonio (2) De Francesco Gian Maria (1) De Gasperi Alcide (1) De Gregori Francesco (2) De Gregorio Concita (3) De Luca Erri (2) De Luca Maria Novella (1) De Magistris Luigi (5) De Marchi Toni (1) De Riccardis Sandro (1) De Sciciolo Cristiano (1) Deaglio Enrico (3) Dedalus (1) Del Bene Francesco (1) Del Corno Mauro (1) Dell'Utri Marcello (4) Della Valle Diego (1) Deneault Alain (1) Di Battista Alessandro (1) Di Cori Modigliani Sergio (1) Di Feo Gianluca (1) Di Giorgio Floriana (1) Di Maio Luigi (1) Di Matteo Antonino (5) Di Napoli Andrea (10) Di Nicola Primo (2) Di Nuoscio Enzo (2) Di Pietro Antonio (28) Di Stefano Jolanda Elettra (2) Di Stefano Paolo (1) Diamanti Ilvo (28) Didonna Donato (1) Discorsi (1) Documenti (98) Donadi Massimo (2) Donati Antonella (1) Dondero Mario (1) Dones Merid Elvira (1) Dusi Elena (1) Eco Umberto (2) Eduardo De Filippo (1) Einstein Albert (1) Elio e Le Storie Tese (1) Email (24) Emanuello Daniele (1) Enigmistica (1) Erika Tomasicchio (1) Ernesto Bazan (1) Esopo (7) Esposito Antonio (1) essec (203) Eugenia Romanelli (1) Evangelista Valerio (1) Evita Cidni (3) Fabozzi Andrea (1) Facchini Martini Giulia (1) Facci Filippo (1) Facebook (28) Falcone Giovanni (4) Falcone Michele (1) Faletti Giorgio (1) Famiglie Arcobaleno (6) Famularo Massimo (1) Fantauzzi Paolo (1) Faraone Davide (1) Farinella Paolo (7) Fatucchi Marzio (1) Fava Giuseppe (1) Favale Mauro (1) Favole (11) Fazio Antonio (1) Federica Radice Fossati Confalonieri (1) Fedro (6) Feltri Stefano (6) Feltri Vittorio (1) Ferrandelli Fabrizio (2) Ferrara Gianluca (1) Ferrara Roberta (1) Ferrarella Luigi (1) Ferro Ornella (2) FIAT (1) Ficocelli Sara (2) Fierro Enrico (2) Filastrocche (1) Finanza (1) Fini Gianfranco (5) Fini Massimo (343) Fittipaldi Emiliano (2) Flaiano Ennio (1) Flores d'Arcais Paolo (7) Floris Giovanni (2) Flusser Vilem (1) Fo Dario (3) Foà Arnoldo (1) Fontanarosa Aldo (1) Forleo Maria Clementina (1) Formigli Enrico (1) Fornaro Placido Antonino (1) Fotografia (100) Franceschini Dario (2) Franceschini Enrico (3) Franceschini Renata (1) Franco Luigi (1) Frangini Sara (1) Fraschilla Antonio (1) Friedman Alan (1) Fruttero Carlo (1) Fruttero e Lucentini (1) Furnari Angelo (1) Fusaro Diego (3) Gaarder Jostein (2) Gab Loter (1) Gabanelli Milena (5) Gaber Giorgio (9) Gaita Luisiana (1) Galantino Nunzio (1) Galeazzi Lorenzo (1) Galimberti Umberto (10) Galli della Loggia Ernesto (1) Gallo Andrea (2) Gallo Domenico (1) Garbo Rosellina (1) Garibaldi Giuseppe (1) Gasparri Maurizio (1) Gattuso Marco (1) Gaudenzi Daniela (3) Gawronski PierGiorgio (2) Gebbia Totò (1) Gelmini Mariastella (2) georgiamada (1) Gerino Claudio (1) Ghedini Niccolò (2) Giampà Domenico (1) Giamporcaro Concetta (1) Gianguzzi Rosalinda (1) Giannelli (1) Giannini Massimo (31) Giannone Eugenio (1) Giannuli Aldo (3) Giaramidaro Nino (6) Gilioli Alessandro (5) Gino e Michele (2) Ginori Anais (1) Giordano Lucio (1) Giordano Paolo (1) Giuè Rosario (1) Giulietti Beppe (1) Gomez Peter (24) Gonzalez Silvia (1) Google (1) Gotor Miguel (1) Gramellini Massimo (9) Granata Fabio (3) Grancagnolo Alessio (1) Grassadonia Marilena (2) Gratteri Nicola (1) Greco Francesco (3) Grillo Beppe (44) Grimoldi Mauro (1) Grossi Alberto (1) Gruber Lilli (1) Gualerzi Valerio (1) Guémy Christian (1) Guerri Giordano Bruno (2) Gusatto Lara (1) Guzzanti Corrado (10) Guzzanti Paolo (4) Guzzanti Sabina (1) Hallen Woody (1) Harari Guido (1) Hikmet Nazim (1) Hitler Adolf (1) Horvat Frank (1) Hutter Paolo (1) Iacchetti Enzo (1) Iacona Riccardo (1) Iannaccone Sandro (1) Idem Josefa (1) IDV - Italia dei Valori (23) Il Ghigno (2) Il significato delle parole (5) Imperatore Vincenzo (4) Imprudente C. (1) Ingroia Antonio (4) Innocenti Simone (1) Invisi Guglielmo (1) Iori Vanna (1) Iossa Mariolina (1) Iotti Nilde (1) ITC Francesco Crispi (2) Iurillo Vincenzo (1) Jarrett Keith (1) Jop Toni (1) Joppolo Francesca (1) Julia Jiulio (1) Kashgar (1) Kipling Rudyard (1) L'Angolino (6) L'apprendista libraio (1) L'Ideota (1) La Delfa Giuseppina (1) La Grua Giuseppe (1) La Licata Francesco (2) La Rosa Dario (1) LAD (Laboratorio Arti Digitali) - Palermo (1) Lana Alessio (1) Lannutti Elio (1) Lannutti Wlio (1) Lanzetta Maria Carmela (1) Lanzi Gabriele (1) Laurenzi Laura (1) Lauria Attilio (1) Lavezzi Francesco (1) Le Formiche Elettriche (19) Lella's Space (1) Lenin (1) Lerner Gad (1) Letta Enrico (3) Letta Gianni (1) Levi Montalcini Rita (1) Lezioni (3) Li Castri Roberto (1) Licandro Orazio (1) Lido Fondachello (1) Lillo Marco (14) Limiti Stefania (1) Littizzetto Luciana (8) Liucci Raffaele (1) Liuzzi Emiliano (3) Livini Ettore (1) Lo Bianco Giuseppe (2) Lo Bianco Lucia (1) Lo Piccolo Filippo (1) Lodato Saverio (8) Lolli Claudio (1) Lombardo Raffaele (1) Longo Alessandra (1) Lorenzo dè Medici (1) Loy Guglielmo (1) Lucarelli Carlo (1) Lucci Enrico (1) Lungaretti Celso (1) Luporini Sandro (6) Lussana Carolina (1) Luttazi Daniele (3) M5S (1) Mackinson Thomas (3) Magris Claudio (1) Maltese Curzio (22) Manca Daniele (1) Manfredi Alessia (1) Manna Francesco (1) Mannheimer Renato (1) Mannoia Fiorella (2) Manzi Alberto (1) Maraini Dacia (2) Maratona di Palermo (5) Marcelli Fabio (1) Marchetti Ugo (1) Marchionne Sergio (3) Marcoaldi Franco (1) Marconi Mario (1) Marcorè Neri (1) Marino Ignazio (2) Marra Wanda (3) Marro Enrico (1) Martelli Claudio (4) Martini Carlo Maria (2) Marzano Michela (2) Mascali Antonella (2) Mascheroni Luigi (1) Masi Mauro (1) Massarenti Armando (4) Mastella Clemente (1) Mastropaolo Alfio (1) Mauri Ilaria (1) Maurizi Stefania (1) Mauro Ezio (22) Mautino Beatrice (1) Max Serradifalco (1) Mazza Donatella (1) Mazzarella Roberto (1) Mazzella Luigi (1) Mazzola Barbara (2) Mazzucato Mariana (1) McCurry Steve (1) Meletti Giorgio (3) Meli Elena (1) Mello Federico (4) Melloni Mario (3) Meloni Giorgia (1) Menichini Stefano (1) Mentana Enrico (2) Merella Pasquale (1) Merico Chiara (1) Merkel Angela (1) Merlo Francesco (5) Messina Ignazio (1) Messina Sebastiano (3) Mesurati Marco (1) Milella Liana (2) Milla Cristiana (1) Mincuzzi Angelo (1) Mineo Corradino (2) Minnella Liana (1) Minnella Melo (1) Mogavero Domenico (2) Monastra Antonella (1) Montanari Maurizio (1) Montanari Tomaso (1) Montanelli Indro (7) Montefiori Stefano (2) Monti Mario (7) Moore Michael (1) Mora Miguel (2) Morelli Giulia (1) Moro Aldo (6) Mosca Giuditta (1) Munafò Mauro (1) Musolino Lucio (1) Mussolini Benito (4) Myanmar (1) Napoleoni Loretta (1) Napoli Angela (1) Napolitano Giorgio (10) Narratori e Umoristi (239) Nicoli Sara (6) Nietzsche Friedrich (2) Norwood Robin (1) Notarianni Aurora (1) Nuzzi Gianluigi (4) Obama Barak (4) Oian Daniele (1) Oliva Alfredo (1) Onorevoli e .... (282) Oppes Alessandro (1) Orlando Leoluca (4) Ottolina Paolo (1) P.T. (6) Pace Federico (2) Padellaro Antonio (30) Padre Georg Sporschill (1) Pagliai Giovanni (1) Pagliaro Beniamino (1) Pagnoncelli Nando (1) Palazzotto Gery (1) Palombi Marco (2) Panebianco Angelo (1) Pannella Marco (1) Pansa Giampaolo (3) Papa Roncalli (2) Pappalardo Pippo (8) Paragone Gianluigi (1) Parise Goffredo (1) Parlagreco Salvatore (5) Pasolini Caterina (1) Pasolini Pierpaolo (1) Passaparola (84) Peccarisi Cesare (1) Pellegrini Edoardo (1) Pellegrino Gianluigi (1) Pellizzetti Pierfranco (9) Penelope Nunzia (1) Pericle (1) Personaggi (7) Pertini Sandro (1) Petizioni (1) Petraloro Vito (1) Petrella Louis (1) Petretto Francesca (1) Petrini Diego (1) Petrolini Ettore (4) Piana degli Albanesi (1) Piccolo Francesco (5) Pignatone Giuseppe (1) Piketty Thomas (2) Pillitteri Nino (1) Pini Massimo (4) Pini Valeria (2) Pink Floyd (2) Pino Sunseri (1) Pinotti Ferruccio (1) Pipitone Giuseppe (5) Pisanu Giuseppe (1) Pitta Francesca (1) Pitti Luca (1) Pivano Fernanda (1) Poesia (38) Politi Marco (2) politica (2) Polito Antonio (1) Pomi Simone (4) Pomicino Paolo Cirino (1) Pompei (1) Popolo Viola (1) Porro Nicola (1) Porrovecchio Rino (2) Portanova Mario (1) Pretini Diego (1) Prezzolini Giuseppe (1) Prodi Romano (2) Puppato Laura (1) Purgatori Andrea (1) Quagliarello Gaetano (1) Querzè Rita (1) Raiperunanotte (1) Rajastan (1) Rame Franca (1) Rampini Federico (13) Randazzo Alessia (1) Ranieri Daniela (1) Ranucci Sigfrido (1) Ravello (1) Recalcati Massimo (2) Recensioni (28) Referendum (2) Reguitti Elisabetta (2) Reina Davide (1) Remuzzi Giuseppe (1) Renzi Matteo (12) Report (2) Reportage siciliano (1) Reski Petra (2) Retico Alessandra (1) Revelli Marco (1) Riboud Marc (1) Ricci Maurizio (1) Ricciardi Raffaele (1) Rijtano Rosita (1) Riondino David (4) Riva Gloria (1) Rizza Sandra (2) Rizzo Sergio (9) Roberti Franco (2) Roccuzzo Antonio (1) Rodari Gianni (3) Rodotà Maria Laura (1) Rodotà Stefano (6) Roiter Fulvio (1) Romagnoli Gabriele (1) Rosalio (1) Rosselli Elena (1) Rossi Enrico (1) Rossi Guido (1) Rossi Paolo (1) Rosso Umberto (1) Ruccia Gisella (1) Rusconi Gianni (1) Russo Stefano (1) Rutigliano Gianvito (2) Ruvolo Mariastella (1) Sacconi Maurizio (2) Saggistica (131) Said Shukri (1) sallusti Alessandro (1) Salvati Michele (1) Sander August (1) Sannino Conchita (1) Sansa Ferruccio (3) Sansonetti Stefano (1) Santamaria Marcello (1) Santarpia Valentina (1) Santoro Michele (6) Sardo Alessandro (1) Sargentini Monica Ricci (1) Sartori Giovanni (9) Sasso Cinzia (1) Sava Lia (1) Savagnone Giuseppe (1) Saviano Roberto (12) Savoca Tobia (6) Savona Paolo (1) Scacciavillani Fabio (1) Scalfari Eugenio (33) Scalzi Andrea (1) Scanzi Andrea (8) Scarafia Sara (1) Scarpinato Roberto (9) Schillaci Angelo (1) Scianna Ferdinando (7) Sciascia Carlo Roberto (1) Scorza Guido (2) Scuola (2) Scurati Antonio (1) Serra Michele (14) Serra Michele R. (1) Serradifalco Massimiliano (1) Severgnini Beppe (12) Sicilcassa (2) Sideri Massimo (2) Siena (2) Signorelli Amalia (1) Siino Tony (1) Silena Lambertini (1) Simonelli Giorgio (2) Slide show (54) Smargiassi Michele (3) Socrate (1) Soffici Caterina (1) Sofri Adriano (1) Sollima Giovanni (1) Sommatino Francesca (2) Spencer Tunick (1) Spicola Mila (3) Spinelli Barbara (6) Spinicci Paolo (1) Sport (1) Springsteen Bruce (3) Staino Sergio (1) Stasi Davide (1) Stella Gian Antonio (10) Stepchild adoption (1) Stille Alexander (2) Stone Oliver (1) Storie comuni (6) Strano Roberto (1) Superbonus (1) Sylos Labini Francesco (1) Szymborska Wislawa (1) T.S. (1) Tafanus (1) Taormina Carlo (1) Tarquini Andrea (2) Tartaglia Roberto (1) Taverna Paola (1) Tecce Carlo (4) Telese Luca (7) Temi (4) Terzani Tiziano (4) Tinti Bruno (16) Tito Claudio (2) Tocci Walter (1) Tomasi di Lampedusa Giuseppe (1) Tomasoni Diego (2) Tonacci Fabio (1) Toniolo Maria Gigliola (1) Toniutti Tiziano (2) Torresani Giancarlo (3) Torsello Emilio Fabio (2) Tortora Francesco (3) Totò (2) Travaglio Marco (245) Tremonti Giulio (2) Trilussa (15) Troja Tony (1) Trump Donald (1) Truzzi Silvia (8) TT&P (1) Tundo Andrea (1) Turati Giuseppe (1) Turco Susanna (1) Turrini Davide (1) Twain Mark (1) U2 (1) UIF - Unione Italiana Fotoamatori (4) Usi ed Abusi (8) Valesini Simone (1) Valkenet Paulina (1) Vandenberghe Dirk (1) Vannucci Alberto (1) Varie (50) Vauro Senesi (2) Vazquez Luisa (1) Vecchi Davide (9) Vecchio Concetto (3) Veltroni Walter (3) Vendola Niki (3) Venturini Marco (1) Verderami Francesco (1) Verdini Denis (3) Vergassola Dario (4) Viale Guido (1) Video (101) Villaggio Paolo (6) Violante Luciano (2) Viroli Maurizio (3) Visetti Giampaolo (1) Viviano Francesco (2) Vivirito Cettina (1) Volàno Giulio (1) Vulpi Daniele (1) Walters Simon (1) Weinberger Matt (1) Wikipedia (20) Wilde Oscar (3) WWF (1) www.toticlemente.it (3) You Tube (84) Yourcenar Margherite (1) Zaccagnini Adriano (1) Zaccagnini Benigno (1) Zagrebelsky Gustavo (9) Zambardino Vittorio (1) Zanardo Lorella (1) Zanca Paola (1) Zecchin Franco (2) Zucconi Vittorio (3) Zucman Gabriel (1) Zunino Corrado (1)

COOKIES e PRIVACY Attenzione!

Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. E’ possibile trovare maggiori informazioni all’indirizzo della Privacy Policy di Automattic: http://automattic.com/privacy/ Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser.

Meteo

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Collaboratori

Calcolo Devalutazione Monetaria