Il presente blog costituisce un almanacco nato per raccogliere i testi completi (ed annesse fotografie e video) dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (solo se disponibili).

"Dopo gli anni ovattati dell'infanzia e quelli spensierati dello studio ci si immerge nella catena lavorativa che, al di là di qualunque gratificazione, assorbe e lascia poco tempo ... e poi finalmente arriva la tua quarta dimensione ... e ritrovi quella serenità smarrita."

Il presente blog costituisce un almanacco che raccoglie i testi completi dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (se disponibili).

Translate

lunedì 5 settembre 2016

Matteo Renzi: da rottamatore a ricostruttore



 
Era tutto sbagliato. E, di conseguenza, tutto da rifare. I contenuti, la comunicazione, l’agenda delle priorità. La lista degli amici, alcuni di loro diventati una zavorra, e quella dei nemici. E un po’, perfino, l’unica cosa che nella vita davvero non si può modificare: il carattere.

Cambiare tutto. Una metamorfosi lungamente preparata. Non è una decisione che Matteo Renzi ha preso il 24 agosto, quando il suo elicottero è atterrato ad Amatrice poche ore dopo il disastroso terremoto. E neppure nei giorni successivi, nel mezzo della palestra di Ascoli o sotto il tendone di Amatrice, tra uomini in lacrime, volontari, preti, suore, bambini, bare.

Il segno più evidente di quei giorni è che il premier ha smesso di fare battute, in pubblico e in privato, può sembrare una cosa scontata soltanto a chi non lo conosce. Anche il vertice italo-tedesco di Maranello con Angela Merkel è stato meno roboante del previsto. Ma la svolta non è maturata nelle ore del dolore. Il terremoto è una crepa simbolica tra una fase del suo governo e un’altra. Perché l’unica new town in vista nei piani del premier non sarà costruita nei prossimi mesi tra Amatrice e Arquata, ma nel cuore della Roma politica. Al vecchio Renzi, crollato nell’immagine e nel consenso, in crisi di risultati, stretto tra il “rischio zero” degli eventi sismici, che ovviamente non si può pretendere, e la “crescita zero” del Prodotto interno lordo, che rappresenta un risveglio rispetto alle previsioni ben più speranzose del documento di economia e finanza del governo, va sostituito un nuovo Renzi. Il Rottamatore deve lasciare il posto al Ricostruttore. Delle aree terremotate, certo: la prova più severa, l’emergenza più dura su cui promesse e impegni saranno rapidamente giudicati. Ma anche delle faglie che negli ultimi mesi hanno spezzato l’azione di Renzi: la spaccatura del Pd tra maggioranza e minoranza, la divisione nel cuore del tradizionale elettorato di sinistra, la distanza del premier dall’opinione pubblica più periferica, più arrabbiata e che si è sentita esclusa dalla ottimistica narrazione renziana, l’incomunicabilità con sindacati e intellettuali. E il venir meno, insieme al patto del Nazareno, del gioco di sponda con Silvio Berlusconi. E se ricostruire diventa il nuovo imperativo nelle zone del sisma bisogna attendersi, nelle prossime settimane, azioni altamente simboliche. E clamorose.

IN ASCOLTO DEL QUIRINALE - Renzi aveva deciso di mutare pelle già prima dell’estate, addirittura prima del voto amministrativo di giugno, nel mese di maggio, quando ha capito di aver legato la sua carriera politica a una scommessa che non sarebbe riuscito a vincere: il trionfo dei sì al referendum sulla riforma costituzionale di autunno. È stato quando sul suo tavolo i sondaggi hanno cominciato ad affermare con preoccupante puntualità che gli italiani ad avere fiducia in lui sono appena il 26 per cento, contro il 35 che ne ha poca e il 39 che dichiara di averne nessuna. Gli stessi sondaggi collocano da mesi tra i ministri meno apprezzati la madrina della riforma costituzionale, Maria Elena Boschi, agli ultimi posti nelle classifiche di gradimento insieme a Marianna Madia e a Stefania Giannini. Il consenso è cominciato a calare vistosamente alla fine del 2015, in coincidenza con la rivolta degli obbligazionisti di Banca Etruria. E non è più risalito.

Non basta qualche sondaggio, però, a far cambiare idea a Renzi. C’è qualche persuasore più convincente dei tanti addetti alla comunicazione che si affollano nelle stanze della presidenza del Consiglio. Tra loro l’emerito Giorgio Napolitano: è stato lui a spiegare a Renzi che personalizzare il voto referendario, con la minaccia di ritirarsi dalla politica in caso di sconfitta, era una posizione infantile, e in ogni caso perdente. In privato, l’ex capo dello Stato si mostra preoccupato e irritato con il premier. Una strategia sbagliata rischia non solo di far vincere i no al referendum, ma di interrompere il processo di riforma costituzionale cui Napolitano ha dedicato il suo doppio mandato presidenziale. Se i sì perdono non fallisce solo Renzi, ma anche lui.

L’interlocutore più autorevole e ascoltato dal premier in questo momento, però, è l’attuale inquilino del Quirinale. Il prestigio personale di Sergio Mattarella è aumentato nelle ultime settimane, lo si è visto anche dall’accoglienza delle popolazioni terremotate durante i funerali delle vittime, nell’incontro ravvicinato tra il vertice delle istituzioni e chi ha perso tutto. Ma il peso e l’influenza del presidente sono in crescita anche nei palazzi della politica. Non è più stagione né di moral suasion, né di moniti. Dietro Mattarella e gli uomini dello staff presidenziale c’è una cultura politica, una scuola, più cattolico-democratica che democristiana: rispetto delle istituzioni, ascolto della società in tutte le sue pieghe. In una parola: inclusività. Non escludere nessuno dalle decisioni, parlare con tutti. Era un termine dimenticato a Palazzo Chigi, finora. Ma un ex giovane dc come Renzi non ci mette nulla a ripassare la lezione.

CAMBIARE AGENDA - Nelle prossime settimane il nuovo Renzi parlerà più di economia e meno di bicameralismo, un tema che non ha scaldato i cuori come ci si aspettava. Con l’abolizione del Cnel non si mangia, soprattutto in tempi così grigi. L’operazione fiducia per ora non ha funzionato. L’inflazione resta a zero, il vento non spira nelle vele dell’economia e la gente riempie i depositi bancari (nonostante la sfiducia negli istituti di credito). «Matteo non lo ammetterà mai, ma il taglio delle tasse sulla casa di un anno fa è stato un errore», raccontano. Ora serve una legge di stabilità ordinata, sobria, senza fuochi di artificio: non espansiva ma neppure recessiva. Dall’Europa e dalla Germania arriverà il via libera alla flessibilità, non ci saranno procedure di infrazione e l’Italia potrà far salire la soglia del rapporto deficit/pil al 2,3-2,4. Fanno undici miliardi di euro per scongiurare l’aumento dell’Iva e per risorse da impiegare su pensioni, produttività, conferma dei 500 euro per i giovani. E ricostruzione delle zone terremotate e messa in sicurezza del suolo.

GLI AMICI E I NEMICI - Ci sono volti che Renzi non vuole più vedere in giro a fare i pasdaran del governo, a partire dall’infausto Denis Verdini. Alcuni ministri sono da valorizzare, altri da oscurare. Il testimonial del governo nelle settimane del post-terremoto è stato il ministro Graziano Delrio, onnipresente nelle riunioni e in tv. Più defilato Angelino Alfano. Scomparsa dalle cronache Maria Elena Boschi che prima agiva da super-portavoce del governo e ora è invece associata alle riforme costituzionali e in caduta nei sondaggi.

La nomina di Vasco Errani a commissario per la ricostruzione delle zone devastate dal sisma è anche una mano tesa alla minoranza del Pd e a Pier Luigi Bersani, che di Errani è quasi gemello. Ancor più significativa, forse, la riapertura dei tavoli governativi con i sindacati. Incontri tecnici nella prima metà di settembre, poi il 12 le stanze di Palazzo Chigi riapriranno per i vertici tra il governo e le leadership di Cisl, Uil e soprattutto Cgil. Due anni fa, di questi tempi, era in programma l’approvazione del Jobs Act, Renzi ricevette le sigle sindacali per sessanta minuti, dalle otto alle nove del mattino. «Un’ora sola ti vorrei...», ironizzò Susanna Camusso. E un mese dopo il premier, dal palco della Leopolda, restituì il sarcasmo attaccando il sindacato rosso che difendeva l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, «come inserire il gettone nell’iPhone, mettere il rullino nella macchina fotografica digitale». Oggi si va avanti, o si torna indietro. I sindacati si preparano a incassare la manovra finanziaria del governo progettata dal sottosegretario Tommaso Nannicini: due miliardi di euro da investire per i pensionati, duecento milioni da destinare agli statali, l’anticipo di pensione (Ape) che sarà gestito dall’Inps, ma che vedrà coinvolti come sportelli di consulenza patronati e Caaf. Un bel regalo ai corpi intermedi di cui nella fase trionfante Renzi predicava la rottamazione. In cambio, il premier incasserà l’atteggiamento non ostile della Cgil durante la campagna referendaria. Sul merito della riforma, la Cgil è spaccata e non prenderà posizione. E fa paura l’ipotesi di un governo 5 Stelle che con i sindacati non sarebbe più amichevole di Renzi. Così Susanna Camusso torna amica del Pd renziano, o almeno non belligerante.

Ma la lista dei nemici con cui ritrovare il filo del dialogo non si limita alla leader di Corso d’Italia. C’è un pezzo di sinistra esterno al Pd, ma che non si rassegna all’impossibilità dell’alleanza elettorale con il partito di Renzi: dall’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia al sindaco di Cagliari Massimo Zedda, tentati a dire sì al referendum se il governo si impegnerà a cambiare la legge elettorale Italicum. Ci sono i padri nobili del centrosinistra che finora non si sono schierati, a partire dal corteggiatissimo Romano Prodi. Ci sono i governatori del Pd tenuti a distanza da Renzi. Il laziale Nicola Zingaretti, la sua regione è pesantemente coinvolta nel sisma, si è fatto vedere a seguito del premier, ha caldeggiato l’operazione Errani, e il pugliese Michele Emiliano, da recuperare in vista della battaglia referendaria. E poi ci sono i potenziali interlocutori tra i partiti avversari. L’elenco dei nomi da richiamare dopo le vacanze, mettendo da parte polemiche furibonde e bandiere contrapposte, comprende a sorpresa il sindaco di Napoli Luigi De Magistris: in campagna elettorale sventolava la parola d’ordine della «de-renzizzazione», di Napoli e poi dell’Italia, ora vorrebbe tornare a parlare con il premier alla pari, a condizione di eliminare dalla partita di Bagnoli il commissario governativo Salvo Nastasi. E la mossa potrebbe riuscire. La lista dei carissimi nemici con cui Renzi cerca di riallacciare rapporti prosegue con i due governatori della Lega Roberto Maroni e Luca Zaia. In comune hanno il pragmatismo, il profilo istituzionale, l’insofferenza per le uscite del loro leader Matteo Salvini. «Se Renzi imposta il referendum come un plebiscito su se stesso il Veneto voterà contro di lui. Se si resterà sul merito il Veneto voterà per semplificare la politica romana», ripete Zaia. Motivo in più per Renzi per provare a ricucire. La visita del premier a Genova dal senatore-architetto Renzo Piano, amico personale di Beppe Grillo, è un amo lanciato presso l’elettorato di M5S. Prima o poi toccherà chiamare anche Virginia Raggi e Chiara Appendino.

L’ultimo numero in elenco è casa Arcore. Con Silvio Berlusconi i rapporti personali sono formalmente interrotti da mesi. Ma gli emissari renziani e berlusconiani non hanno mai smesso di parlarsi. Non tanto per questioni politiche, ma perché mai come in questo momento l’Impero berlusconiano vacilla dopo lo schiaffone ricevuto da Vincent Bolloré e dal dietrofront di Vivendi nell’accordo con Mediaset. I contatti tra il Biscione e il governo si sono intensificati in estate. Patti che si rompono, patti che si ricompongono. Il convegno di metà settembre organizzato da Stefano Parisi non è l’anticipo di un nuovo patto del Nazareno, come sognano molti berlusconiani e qualche renziano. Però è un passo verso la direzione opposta alla linea di Renato Brunetta, martellante avversario di Renzi. La prima pietra per mettere su la new town del centro-destra, a debita distanza dalle formazioni antiche. In apparenza l’obiettivo è la rifondazione dello schieramento moderato, per impedire che la prossima sfida elettorale sia tutta tra Pd e Movimento 5 Stelle. Ma è un’idea che presuppone un sistema politico stabile, solido, poggiato su alcuni fondamenti incrollabili, come fu il fattore K, l’anticomunismo, nella Prima Repubblica, e la divisione berlusconismo-antiberlusconismo nella Seconda. Mentre lo scenario è frammentato e instabile. E ancora di più potrebbe diventarlo nelle prossime settimane. L’operazione avviata oggi da Parisi potrebbe portare Forza Italia o quello che sarà ad allearsi con Renzi in un futuro prossimo, soprattutto se dovesse cambiare la legge elettorale.

IL NUOVO ITALICUM - Il vecchio Renzi, il rottamatore, l’uomo solo al comando che aveva conquistato (do you remember?) il 40 per cento alle elezioni europee del 2014, si era fatto una legge elettorale su misura, l’Italicum, «tutta Europa ce la invidia», ripeteva il premier. Il nuovo Renzi, il Ricostruttore, ha bisogno di una nuova legge elettorale che, Mattarella docet, non spacchi ma unisca, non escluda ma includa, non contrapponga due squadroni in armi come nella disfida di Barletta (e con il rischio che vinca lo sfidante: M5S) ma favorisca le coalizioni, le alleanze, prima durante o dopo il voto, con chi ci sta. Renzi, sia pure a malincuore, si prepara alla bocciatura dell’Italicum da parte della Corte costituzionale a ottobre, prima del voto referendario. Tutti i segnali portano in quella direzione, il Palazzo si prepara. Virtù del leader è trasformare le sconfitte in opportunità, la dichiarazione di incostituzionalità dell’Italicum non sarebbe certo notizia da festeggiare per il premier ma consentirebbe a Renzi di cambiare gioco senza dover spiegare in pubblico di aver sbagliato. La soluzione alternativa, in caso di Italicum da rifare, è già pronta: tornare al Mattarellum, la legge elettorale che ha funzionato tra il 1993 e il 2006, con i suoi collegi uninominali e la spinta ad aggregarsi sui candidati più competitivi. In più, e non è certo un male, porta il nome dell’attuale presidente della Repubblica. Anche perché con l’Italicum in vigore il Quirinale sarebbe privato di fatto dei suoi due poteri principali: la scelta del nome cui affidare l’incarico di formare il governo e lo scioglimento anticipato del Parlamento in caso di impasse politico. È lecito immaginare che nessun presidente della Repubblica possa accettare a cuor leggero di essere neutralizzato senza neppure una modifica formale della Costituzione. Neppure il meno interventista come Mattarella.

ROTTAMARE MATTEO - Spersonalizzare per Renzi equivale a una mutazione genetica. Tutta la sua ascesa da leader è stata all’insegna della superpersonalizzazione, la comunicazione del governo ruota su di lui. Oggi il premier è chiamato a fare un passo di lato: meno risposte su twitter e più ascolto delle domande del Paese. Nell’elenco degli errori inconfessabili c’è anche la nomina degli attuali vertici Rai. Al direttore generale Antonio Campo Dall’Orto viene imputata una mancanza di sensibilità politica, dimostrata in ogni passaggio importante, e una lentezza nell’innovazione del prodotto. Nei piani di Renzi la Rai doveva essere la vetrina della nuova Italia governata da lui, invece continua a essere associata a sprechi, poltrone, lottizzazione. Ma non è solo una questione di comunicazione. Il Pd non è mai diventato il partito di Renzi, nonostante il controllo assoluto dei renziani del quartier generale di largo del Nazareno e dei quadri locali. Basta vedere l’andamento delle feste dell’Unità in tutta Italia, a partire da quella nazionale di Catania, trasformata in un palcoscenico per Massimo D’Alema e per i comitati del No. «Ma per Matteo c’è una cosa ancora più complicata della riforma del Pd», spiega un renziano della primissima ora. «Cambiare messaggio. Ammettere che la sua visione tutta positiva dell’Italia non ha aiutato a rappresentare chi è rimasto indietro». Il terremoto, alla fine di un’estate tragica di incidenti ferroviari e di stragi terroristiche e con l’economia che balla sullo zero virgola, è il simbolo di un cambio di fase. Finora i narratori di Palazzo Chigi hanno raccontato che nel 2014, anno primo dell’era renziana, come nelle favole, si aprì una stagione felice, per l’Italia e per il Principe. Oggi bisogna chiudere il libro delle fiabe e tornare in terra. È la ricucitura con la realtà. Che serve a Renzi. E chissà, forse, anche al Paese.




Nessun commento:

Archivio blog

Questo BLOG non è una testata giornalistica: viene aggiornato con cadenza casuale e pertanto non è un prodotto editoriale (ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001) bensì un semplice archivio condiviso di idee e libere opinioni. Tutto ciò ai sensi dell'art.21 comma 1 della Costituzione Italiana che recita come: TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Post più popolari

Lettori fissi

"essecpa" - I MIEI VIDEO SU YOU TUBE

Loading...

Cagando todos somos iguales

Cagando todos somos iguales
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)
La fotografia è in genere un documento, la testimonianza di un ricordo che raffigura spesso persone e luoghi, ma talvolta può anche costituire lo spunto per fantasticare un viaggio ovvero per inventare un racconto e leggere con la fantasia l’apparenza visiva. (cliccando sopra la foto è possibile visionare il volume)

Etichette

"Sbankor" (2) 10 storie del Cavaliere (10) Abbate Lirio (2) Accolla Dario (1) Accorinti Renato (1) Adinolfi Massimo (1) Aforismi (18) Al Capone (1) Alberton Mariachiara (1) Alfano Angelino (2) alias C215 (1) Alice ed Ellen Kessler (1) Allende Isabel (1) Allievi Stefano (1) Almerighi Mario (1) Amato Fabio (2) Amato Giuliano (2) Amurri Sandra (1) Andreoli Vittorino (4) Andreotti Giulio (4) Andrews Geoff (1) Aneddoti (9) Angela (1) Angelo Rivoluzionario (1) Annunziata Lucia (2) Anselmi Tina (2) Articoli (1325) Assante Ernesto (2) Attias Luca (1) Augias Corrado (2) Autieri Daniele (1) Baglioni Angelo (1) Bagnasco Angelo (1) Ballarò (1) Balocco Fabio (1) Banca d'Italia (21) Banche & Finanza (26) Baraggino Franz (1) Barbacetto Gianni (3) Barbareschi Luca (1) Barbera Davide (1) Barca Fabrizio (1) Basile Gaetano (1) Bassi Franco (1) Battaglia Letizia (2) Battiato Franco (3) Battisti Lucio (1) BCE (1) Beha Oliviero (3) Bei Francesco (1) Belardelli Giovanni (1) Belardelli Giulia (3) Bellantoni Pietro (1) Beltramini Enrico (1) Bene Carmelo (1) Benedetti Carla (1) Benetazzo Eugenio (1) Benigni Roberto (1) Benincasa Giuseppe (1) Benni Stefano (35) Bergoglio Jorge Mario (1) Bergonzoni Alessandro (9) Berlinguer Bianca (1) Berlinguer Enrico (4) Berlusconi Silvio (17) Bernabei Ettore (1) Bersani Pierluigi (3) Bertinotti Fausto (1) Bertolucci Lionello (1) Biagi Enzo (26) Bianchi Enzo (1) Bianchini Eleonora (3) Bianchini Gabriella (1) Bianconi Giovanni (1) Bignardi Daria (1) Bilderberg (1) Billeci Antonio (1) Billi Debora (1) Bini Flavio (1) Biondani Paolo (1) Biscotto Carlo Antonio (1) Bisio Caludio (1) Biussy Nick (1) Blair Cherie (1) Bobbio Norberto (3) Bocca Giorgio (7) Bocca Riccardo (1) Bocconi Sergio (1) Boldrini Laura (1) Bolzoni Attilio (2) Bongiorno Giulia (1) Bongiorno Mike (1) Bonini Carlo (1) Bonino Emma (1) Borromeo Beatrice (3) Borsellino Paolo (2) Borsellino Rita (1) Borsellino Salvatore (2) Bossi Umberto (2) Bowie David (1) Bozonnet Jean-Jacques (1) Bracconi Marco (4) Brambrilla Michele (1) Branduardi Angelo (1) Breda Marzio (1) Brera Guido Maria (1) Bucaro Giuseppe (1) Buffett Warren (1) Bukowski Charles (1) Busi Maria Luisa (1) Buttafuoco Pietrangelo (1) Buzzati Dino (1) Cacciari Massimo (3) Cacioppo Giovanni (1) Calabresi Mario (3) Calabrò Maria Antonietta (1) Calderoli Roberto (1) Callari Francesco (1) Calzona Piero (1) Camilleri Andrea (25) Cammarata Diego (1) Campanile Achille (13) Campi Alessandro (1) Campofiorito Matteo (1) Cancellieri Anna Maria (3) Cannatà Angelo (1) Cannavò Salvatore (3) Cantone Raffaele (1) Canzoni (17) Caponnetto Antonino (1) Caporale Antonello (4) Caprarica Antonio (4) Carbone Chiara (1) Carchedi Bruno (1) Carminati Massimo (1) Carofiglio Gianrico (1) Casaleggio Gianroberto (1) Caselli Gian Carlo (2) Caselli Stefano (2) Cat Stevens (1) Catalano Carmela (2) Catilina Lucio Sergio (1) Cavallaro Felice (2) Ceccarelli Filippo (2) Cedrone Giovanni (1) Celentano Adriano (3) Celestini Ascanio (12) Celi Lia (1) Centro Paolo Borsellino (1) Cerami Gabriella (1) Cerno Tommaso (1) Cetto La Qualunque (1) Chessa Pasquale (1) Chi controlla il controllore? (1) Ciancimino Massimo (3) Ciancimino Vito (2) Ciccarello Elena (1) Cimato Claudia (1) Cimò Valeria (1) Ciotti Luigi (1) Cipiciani Carlo (1) Cirino Mariano (1) Civati Giuseppe (1) Claudel Paul (1) Colletti Giampaolo (1) Colombo Furio (4) Colombo Gherardo (6) Conti Paolo (1) Copasir (1) Coppola Gerardo (3) copyright (1) Cordero Franco (1) Cornaglia Carlo (2) Corsini Daniele (21) Costamagna Luisella (9) Covatta Giobbe (1) Craxi Bettino (2) Crispi Maurizio (1) Crocetta Rosario (1) Crozza Maurizio (2) Custodero Alberto (1) Cuzzocrea Annalisa (1) d (1) D'alema Massimo (2) D'Alessandro Nicolò (2) D'Ambrosio Simone (2) D'Avanzo Giuseppe (11) D'Eramo Marco (1) D'Esposito Fabrizio (2) D'Orta Marcello (19) da altri blog (1225) Dalla Chiesa Carlo Alberto (1) Dalla Chiesa Nando (1) Dalla Lucio (1) Damilano Marco (6) Davigo Piercamillo (4) De Andrè Fabrizio (2) De Angelis Attilio (1) De Bac Marcherita (1) De Bortoli Ferruccio (1) De Crescenzi Davide (8) De Crescenzo Luciano (21) De Curtis Antonio (2) De Francesco Gian Maria (1) De Gasperi Alcide (1) De Gregori Francesco (2) De Gregorio Concita (2) De Luca Erri (2) De Luca Maria Novella (1) De Magistris Luigi (5) De Marchi Toni (1) De Riccardis Sandro (1) De Sciciolo Cristiano (1) Deaglio Enrico (3) Dedalus (1) Del Bene Francesco (1) Del Corno Mauro (1) Dell'Utri Marcello (4) Della Valle Diego (1) Deneault Alain (1) Di Battista Alessandro (1) Di Cori Modigliani Sergio (1) Di Feo Gianluca (1) Di Giorgio Floriana (1) Di Matteo Antonino (3) Di Napoli Andrea (7) Di Nicola Primo (2) Di Pietro Antonio (28) Di Stefano Jolanda Elettra (2) Di Stefano Paolo (1) Diamanti Ilvo (24) Didonna Donato (1) Discorsi (1) Documenti (96) Donadi Massimo (2) Donati Antonella (1) Dondero Mario (1) Dones Merid Elvira (1) Dusi Elena (1) Eco Umberto (2) Eduardo De Filippo (1) Einstein Albert (1) Elio e Le Storie Tese (1) Email (24) Emanuello Daniele (1) Enigmistica (1) Erika Tomasicchio (1) Ernesto Bazan (1) Esopo (7) Esposito Antonio (1) essec (72) Eugenia Romanelli (1) Evangelista Valerio (1) Evita Cidni (3) Fabozzi Andrea (1) Facchini Martini Giulia (1) Facci Filippo (1) Facebook (26) Falcone Giovanni (2) Faletti Giorgio (1) Famiglie Arcobaleno (5) Famularo Massimo (1) Fantauzzi Paolo (1) Faraone Davide (1) Farinella Paolo (7) Fatucchi Marzio (1) Fava Giuseppe (1) Favale Mauro (1) Favole (11) Fazio Antonio (1) Federica Radice Fossati Confalonieri (1) Fedro (6) Feltri Stefano (3) Feltri Vittorio (1) Ferrandelli Fabrizio (2) Ferrara Gianluca (1) Ferrara Roberta (1) Ferrarella Luigi (1) Ferro Ornella (2) FIAT (1) Ficocelli Sara (2) Fierro Enrico (2) Filastrocche (1) Finanza (1) Fini Gianfranco (5) Fini Massimo (241) Fittipaldi Emiliano (2) Flaiano Ennio (1) Flores d'Arcais Paolo (7) Floris Giovanni (2) Fo Dario (3) Foà Arnoldo (1) Fontanarosa Aldo (1) Forleo Maria Clementina (1) Formigli Enrico (1) Fornaro Placido Antonino (1) Fotografia (13) Franceschini Dario (2) Franceschini Enrico (3) Franceschini Renata (1) Franco Luigi (1) Frangini Sara (1) Fraschilla Antonio (1) Friedman Alan (1) Fruttero Carlo (1) Fruttero e Lucentini (1) Furnari Angelo (1) Fusaro Diego (1) Gaarder Jostein (2) Gabanelli Milena (5) Gaber Giorgio (9) Gaita Luisiana (1) Galantino Nunzio (1) Galeazzi Lorenzo (1) Galimberti Umberto (10) Galli della Loggia Ernesto (1) Gallo Andrea (2) Gallo Domenico (1) Garbo Rosellina (1) Garibaldi Giuseppe (1) Gasparri Maurizio (1) Gaudenzi Daniela (3) Gawronski PierGiorgio (2) Gebbia Totò (1) Gelmini Mariastella (2) georgiamada (1) Gerino Claudio (1) Ghedini Niccolò (2) Giamporcaro Concetta (1) Gianguzzi Rosalinda (1) Giannelli (1) Giannini Massimo (30) Giannone Eugenio (1) Giannuli Aldo (3) Gilioli Alessandro (4) Gino e Michele (2) Ginori Anais (1) Giordano Lucio (1) Giordano Paolo (1) Giuè Rosario (1) Giulietti Beppe (1) Gomez Peter (22) Google (1) Gotor Miguel (1) Gramellini Massimo (9) Granata Fabio (3) Grancagnolo Alessio (1) Grassadonia Marilena (2) Gratteri Nicola (1) Greco Francesco (3) Grillo Beppe (45) Grossi Alberto (1) Gruber Lilli (1) Gualerzi Valerio (1) Guémy Christian (1) Guerri Giordano Bruno (2) Gusatto Lara (1) Guzzanti Corrado (10) Guzzanti Paolo (4) Guzzanti Sabina (1) Hallen Woody (1) Harari Guido (1) Hikmet Nazim (1) Hitler Adolf (1) Horvat Frank (1) Hutter Paolo (1) Iacchetti Enzo (1) Iacona Riccardo (1) Iannaccone Sandro (1) Idem Josefa (1) IDV - Italia dei Valori (23) Il Ghigno (2) Il significato delle parole (5) Imprudente C. (1) Ingroia Antonio (4) Innocenti Simone (1) Invisi Guglielmo (1) Iossa Mariolina (1) Iotti Nilde (1) ITC Francesco Crispi (2) Iurillo Vincenzo (1) Jarrett Keith (1) Jop Toni (1) Joppolo Francesca (1) Kashgar (1) Kipling Rudyard (1) L'Angolino (6) L'apprendista libraio (1) L'Ideota (1) La Delfa Giuseppina (1) La Licata Francesco (2) La Rosa Dario (1) LAD (Laboratorio Arti Digitali) - Palermo (1) Lana Alessio (1) Lannutti Elio (1) Lannutti Wlio (1) Lanzetta Maria Carmela (1) Lanzi Gabriele (1) Laurenzi Laura (1) Lavezzi Francesco (1) Le Formiche Elettriche (19) Lella's Space (1) Lenin (1) Lerner Gad (1) Letta Enrico (3) Letta Gianni (1) Levi Montalcini Rita (1) Lezioni (3) Li Castri Roberto (1) Licandro Orazio (1) Lido Fondachello (1) Lillo Marco (13) Limiti Stefania (1) Littizzetto Luciana (8) Liucci Raffaele (1) Liuzzi Emiliano (3) Lo Bianco Giuseppe (2) Lodato Saverio (8) Lolli Claudio (1) Lombardo Raffaele (1) Longo Alessandra (1) Lorenzo dè Medici (1) Loy Guglielmo (1) Lucarelli Carlo (1) Lucci Enrico (1) Lungaretti Celso (1) Luporini Sandro (6) Lussana Carolina (1) Luttazi Daniele (3) M5S (1) Mackinson Thomas (3) Magris Claudio (1) Maltese Curzio (22) Manca Daniele (1) Manfredi Alessia (1) Manna Francesco (1) Mannheimer Renato (1) Mannoia Fiorella (2) Manzi Alberto (1) Maraini Dacia (2) Maratona di Palermo (5) Marcelli Fabio (1) Marchetti Ugo (1) Marchionne Sergio (3) Marcoaldi Franco (1) Marconi Mario (1) Marcorè Neri (1) Marino Ignazio (2) Marra Wanda (3) Marro Enrico (1) Martelli Claudio (4) Martini Carlo Maria (2) Marzano Michela (2) Mascali Antonella (2) Masi Mauro (1) Massarenti Armando (4) Mastella Clemente (1) Mastropaolo Alfio (1) Maurizi Stefania (1) Mauro Ezio (15) Mautino Beatrice (1) Mazza Donatella (1) Mazzarella Roberto (1) Mazzella Luigi (1) Mazzola Barbara (2) Mazzucato Mariana (1) McCurry Steve (1) Meletti Giorgio (1) Meli Elena (1) Mello Federico (4) Melloni Mario (3) Meloni Giorgia (1) Menichini Stefano (1) Mentana Enrico (2) Merella Pasquale (1) Merico Chiara (1) Merkel Angela (1) Merlo Francesco (5) Messina Ignazio (1) Messina Sebastiano (3) Mesurati Marco (1) Milella Liana (2) Milla Cristiana (1) Mincuzzi Angelo (1) Mineo Corradino (2) Minnella Liana (1) Minnella Melo (1) Mogavero Domenico (2) Monastra Antonella (1) Montanelli Indro (7) Montefiori Stefano (2) Monti Mario (7) Moore Michael (1) Mora Miguel (2) Morelli Giulia (1) Moro Aldo (6) Mosca Giuditta (1) Munafò Mauro (1) Musolino Lucio (1) Mussolini Benito (4) Myanmar (1) Napoleoni Loretta (1) Napoli Angela (1) Napolitano Giorgio (10) Narratori e Umoristi (237) Nicoli Sara (6) Nietzsche Friedrich (2) Norwood Robin (1) Notarianni Aurora (1) Nuzzi Gianluigi (4) Obama Barak (4) Oian Daniele (1) Oliva Alfredo (1) Onorevoli e .... (282) Oppes Alessandro (1) Orlando Leoluca (4) Ottolina Paolo (1) P.T. (1) Pace Federico (2) Padellaro Antonio (28) Padre Georg Sporschill (1) Pagliai Giovanni (1) Pagnoncelli Nando (1) Palazzotto Gery (1) Palombi Marco (2) Panebianco Angelo (1) Pannella Marco (1) Pansa Giampaolo (3) Papa Roncalli (2) Parise Goffredo (1) Parlagreco Salvatore (4) Pasolini Caterina (1) Pasolini Pierpaolo (1) Passaparola (84) Peccarisi Cesare (1) Pellegrini Edoardo (1) Pellegrino Gianluigi (1) Pellizzetti Pierfranco (7) Penelope Nunzia (1) Pericle (1) Pertini Sandro (1) Petizioni (1) Petraloro Vito (1) Petrella Louis (1) Petrolini Ettore (4) Piana degli Albanesi (1) Piccolo Francesco (5) Piketty Thomas (2) Pini Massimo (4) Pini Valeria (2) Pink Floyd (2) Pino Sunseri (1) Pinotti Ferruccio (1) Pipitone Giuseppe (1) Pisanu Giuseppe (1) Pitta Francesca (1) Pivano Fernanda (1) Poesia (37) Politi Marco (2) Polito Antonio (1) Pomi Simone (4) Pomicino Paolo Cirino (1) Pompei (1) Popolo Viola (1) Porro Nicola (1) Porrovecchio Rino (2) Portanova Mario (1) Prezzolini Giuseppe (1) Prodi Romano (2) Puppato Laura (1) Purgatori Andrea (1) Quagliarello Gaetano (1) Querzè Rita (1) Raiperunanotte (1) Rajastan (1) Rame Franca (1) Rampini Federico (13) Ranieri Daniela (1) Ranucci Sigfrido (1) Ravello (1) Recalcati Massimo (2) Recensioni (25) Referendum (2) Reguitti Elisabetta (2) Reina Davide (1) Renzi Matteo (12) Report (2) Reportage siciliano (1) Reski Petra (2) Retico Alessandra (1) Revelli Marco (1) Riboud Marc (1) Ricci Maurizio (1) Ricciardi Raffaele (1) Rijtano Rosita (1) Riondino David (4) Riva Gloria (1) Rizza Sandra (2) Rizzo Sergio (9) Roberti Franco (2) Roccuzzo Antonio (1) Rodari Gianni (3) Rodotà Maria Laura (1) Rodotà Stefano (5) Roiter Fulvio (1) Romagnoli Gabriele (1) Rosalio (1) Rosselli Elena (1) Rossi Enrico (1) Rossi Guido (1) Rossi Paolo (1) Rosso Umberto (1) Ruccia Gisella (1) Rusconi Gianni (1) Rutigliano Gianvito (2) Ruvolo Mariastella (1) Sacconi Maurizio (2) Saggistica (130) Said Shukri (1) sallusti Alessandro (1) Salvati Michele (1) Sander August (1) Sannino Conchita (1) Sansa Ferruccio (2) Sansonetti Stefano (1) Santamaria Marcello (1) Santarpia Valentina (1) Santoro Michele (6) Sargentini Monica Ricci (1) Sartori Giovanni (8) Sasso Cinzia (1) Sava Lia (1) Savagnone Giuseppe (1) Saviano Roberto (11) Scalfari Eugenio (33) Scalzi Andrea (1) Scanzi Andrea (8) Scarafia Sara (1) Scarpinato Roberto (9) Scianna Ferdinando (3) Sciascia Carlo Roberto (1) Scorza Guido (2) Scuola (2) Scurati Antonio (1) Serra Michele (14) Serra Michele R. (1) Serradifalco Massimiliano (1) Severgnini Beppe (12) Sicilcassa (2) Sideri Massimo (2) Siena (2) Signorelli Amalia (1) Siino Tony (1) Silena Lambertini (1) Simonelli Giorgio (1) Slide show (37) Smargiassi Michele (2) Socrate (1) Soffici Caterina (1) Sofri Adriano (1) Sollima Giovanni (1) Sommatino Francesca (2) Spicola Mila (3) Spinelli Barbara (6) Spinicci Paolo (1) Sport (1) Springsteen Bruce (2) Staino Sergio (1) Stasi Davide (1) Stella Gian Antonio (10) Stepchild adoption (1) Stille Alexander (2) Stone Oliver (1) Storie comuni (5) Superbonus (1) Sylos Labini Francesco (1) Szymborska Wislawa (1) Tafanus (1) Taormina Carlo (1) Tarquini Andrea (2) Tartaglia Roberto (1) Taverna Paola (1) Tecce Carlo (4) Telese Luca (7) Temi (4) Terzani Tiziano (4) Tinti Bruno (16) Tito Claudio (1) Tocci Walter (1) Tomasi di Lampedusa Giuseppe (1) Tomasoni Diego (2) Tonacci Fabio (1) Toniolo Maria Gigliola (1) Toniutti Tiziano (2) Torresani Giancarlo (1) Torsello Emilio Fabio (2) Tortora Francesco (3) Totò (2) Travaglio Marco (220) Tremonti Giulio (2) Trilussa (15) Troja Tony (1) Trump Donald (1) Truzzi Silvia (8) Tundo Andrea (1) Turco Susanna (1) Twain Mark (1) U2 (1) UIF - Unione Italiana Fotoamatori (4) Usi ed Abusi (8) Valkenet Paulina (1) Vandenberghe Dirk (1) Vannucci Alberto (1) Varie (37) Vauro Senesi (2) Vecchi Davide (8) Vecchio Concetto (3) Veltroni Walter (3) Vendola Niki (3) Venturini Marco (1) Verderami Francesco (1) Verdini Denis (3) Vergassola Dario (4) Viale Guido (1) Video (97) Villaggio Paolo (5) Violante Luciano (2) Viroli Maurizio (3) Visetti Giampaolo (1) Viviano Francesco (2) Volàno Giulio (1) Vulpi Daniele (1) Walters Simon (1) Wikipedia (20) Wilde Oscar (3) WWF (1) www.toticlemente.it (2) You Tube (72) Yourcenar Margherite (1) Zaccagnini Adriano (1) Zaccagnini Benigno (1) Zagrebelsky Gustavo (9) Zambardino Vittorio (1) Zanardo Lorella (1) Zanca Paola (1) Zucconi Vittorio (3) Zucman Gabriel (1) Zunino Corrado (1)

COOKIES e PRIVACY Attenzione!

Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. E’ possibile trovare maggiori informazioni all’indirizzo della Privacy Policy di Automattic: http://automattic.com/privacy/ Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser.

Meteo

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Calcolo Devalutazione Monetaria