Il presente blog costituisce un almanacco nato per raccogliere i testi completi (ed annesse fotografie e video) dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (solo se disponibili).

"Dopo gli anni ovattati dell'infanzia e quelli spensierati dello studio ci si immerge nella catena lavorativa che, al di là di qualunque gratificazione, assorbe e lascia poco tempo ... e poi finalmente arriva la tua quarta dimensione ... e ritrovi quella serenità smarrita."

Il presente blog costituisce un almanacco che raccoglie i testi completi dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (se disponibili).

Translate

martedì 2 febbraio 2010

Tronchetti Dov'Era?

Testo:

Buongiorno a tutti e scusate il ritardo, ma sono rientrato in aereo da qualche minuto e mi avete beccato con il caffè. Sono successe un po’ di cose in queste ultime ore, dico subito che Massimo Ciancimino sta facendo delle dichiarazioni estremamente importanti a Palermo, al processo per la mancata cattura di Bernardo Provenzano nel 1995: sta descrivendo Provenzano come un intoccabile, come un uomo protetto da una parte deviata dei Carabinieri, con i quali aveva fatto un accordo addirittura prima della strage di Capaci, ma le dichiarazioni più importanti dal punto di vista politico sono quelle che molti giornali domani nasconderanno, ma di questo parleremo lunedì, quando la polvere si sarà depositata e quando avremo tutte le bocce ferme e tutti gli elementi per parlarne.
Gli spioni Telecom (espandi | comprimi) - Intanto ci sono altre notizie interessanti: per esempio, vi ricordate Tronchetti Provera? L’avevamo ribattezzato Tronchetti Dov’era, perché mentre i suoi uomini della security spiavano a destra e a sinistra e raccoglievano migliaia di dossier lui non c’entrava, lui non sapeva.
Personalmente è stato assolto nel processo per lo spionaggio illegale della security Telecom, che per altro lui aveva ingaggiato e stipendiava lautamente, da Tavaroli agli altri, ma adesso chi di voi legge Il Fatto Quotidiano ha qualche elemento di conoscenza in più, perché ieri Peter Gomez ha intervistato l’investigatore Cipriani, che portava i dossiers su commissione a Tavaroli e lì si dicono cose molto interessanti sui dossier, a proposito di Cesa, a proposito di Aldo Brancher, una delle eminenze grigie di Forza Italia, molto legato anche alla Lega Nord e sui DS, con il famoso Fondo Quercia, che ha dato origine a tante polemiche e a tante denunce e soprattutto minacce di denunce da parte di D’Alema. Vi assicuro che vale la pena di leggere questa intervista, che trovate anche sul blog antefatto.it, ma intanto sul caso Telecom c’è una novità clamorosa, ovvero che la Pirelli e la Telecom stessa hanno deciso di patteggiare. Stiamo parlando della Telecom e della Pirelli di Tronchetti Provera, che avevano Tavaroli come loro capo della security, che si sono anche sempre proclamate come società indenni da ogni responsabilità e ignare di tutto. Possono essere chiamati a rispondere penalmente non soltanto le persone fisiche, ma anche le persone giuridiche e le società, quindi rischiavano una condanna a un megarisarcimento: prevenire è meglio che subire e conseguentemente che cosa fanno? Pagano prima di venire condannati, naturalmente Il Corriere della Sera ci fa sapere che sono innocenti, eh, non si dichiarano colpevoli e infatti non è necessario, per patteggiare, dichiararsi colpevoli in Italia. Avete mai visto un innocente che patteggia e versa 7 milioni di Euro? Ho l’impressione che, se uno versa 7 milioni di Euro uno sull’altro, sono 14 miliardi delle vecchie lire, probabilmente non è che si senta tanto innocente: vedremo che spazio ci sarà per risarcire le tante persone spiate e lo dico in conflitto di interessi, perché ero uno dei giornalisti sui quali gli spioni che lavoravano per la Telecom compilavano report, esattamente come facevano gli spioni del Sismi ai tempi del generale Pollari. E anche su questo c’è una novità, perché oggi è uscita la motivazione della sentenza di condanna delle spie della Cia che sequestrarono Abu Omar, se non erro nel 2003, e il giudice spiega che il Sismi era perfettamente al corrente di tutto, di quel sequestro di persona realizzato con la complicità del nostro servizio segreto militare. Un cittadino egiziano, Abu Omar, a cui l’Italia aveva dato asilo per poi farlo sequestrare, deportare in Egitto e torturare lontano dai nostri occhi, il Sismi sapeva, Pollari sapeva, Pompa sapeva, Mancini sapeva, i vertici del servizio segreto militare sapevano, ma sapeva anche il governo: tant’è che prima il governo Prodi e poi il governo Berlusconi misero il segreto di Stato su quella vergogna, per impedire che si processassero il generale Pollari, Mancini e gli altri. Nelle motivazioni c’è scritto che sapevano anche loro e conseguentemente il giudice dice chiaramente che, se non fossero stati salvati dal segreto di Stato, grazie anche a una sentenza molto ambigua e molto discutibile della Corte Costituzionale, direi pilatesca, sarebbero stati puniti anche gli spioni italiani e invece gli spioni italiani non sono stati puniti, anche se c’entravano e ce lo dice il giudice, cui avevano legato le mani, così sono stati puniti soltanto gli spioni americani, che tanto erano già scappati e si erano resi irreperibili e, seppure la giustizia milanese avesse chiesto prima al governo Berlusconi, poi al governo Prodi tramite Mastella, di attivare le procedure per un mandato di cattura internazionale e per la cattura e la consegna di 26 spie della Cia, né il governo Berlusconi né il governo di centrosinistra hanno mai attivato quelle procedure e si sono semplicemente rifiutati di farlo, o addirittura, come nel caso di Mastella, di rispondere. Ma tutti i nodi vengono al pettine e quindi, anche se non li possiamo punire, sappiamo che gli uomini dei servizi segreti, invece di proteggere l’Italia dal terrorismo, hanno organizzato un sequestro di persona di un imam, Abu Omar, che tra l’altro era sospettato di legami con l’estremismo islamico e che la Procura di Milano stava tenendo d’occhio e non sapremo mai che cosa stava facendo, che cosa aveva fatto e che cosa avrebbe fatto, perché? Perché nel bel mezzo dell’indagine fu prelevato e portato in Egitto a scopo di tortura dai nostri servizi segreti e da quelli americani. Queste sono cose che restano sullo sfondo della nostra politica Telecom e Sismi, perché? Perché si chiamano ricatti, perché nessuno ha il coraggio di scaricare gli spioni della Telecom, come nessuno ha il coraggio di scaricare gli spioni del Sismi, perché? Perché evidentemente nelle più alte stanze delle istituzioni italiane si sa che queste persone hanno deviato dai loro compiti e hanno accumulato dossier e, per quanto si possano fare leggi per distruggere i dossier illegali, ce ne è sempre una copia o c’è sempre il rischio ce ne sia una copia, per cui abbiamo un’intera classe politica sotto ricatto da parte di questa gentaglia, perché solo così si può spiegare il fatto che, con tutto quello che è emerso, il generale Pollari sia ancora in auge e del caso Telecom non voglia parlare nessuno e che, quando venne fuori la notizia che Tavaroli aveva messo da parte qualche migliaio di dossier, il Parlamento si precipitò.. il governo di centrosinistra e il Parlamento con tutti i partiti d’accordo, tranne Di Pietro, si precipitarono a fare un decreto che ordinava la distruzione di migliaia di dossiers, cioè del corpo del reato, ancora prima che venissero aperti e si sapesse che cosa c’era dentro. Ecco perché si può parlare tranquillamente di ricatti: si può parlare di ricatti, anche perché poi centrodestra e centrosinistra hanno collaborato amabilmente - me ne sto occupando proprio in questi giorni, sto rivedendo le bozze del nuovo libro “ Ad Personam” - come sono stati salvati per legge sia i vertici del Sismi, sia i vertici della Telecom, con una legge salva /Pollari e una legge salva /Tavaroli e salva /Telecom: ecco perché bisognerebbe aprire, finalmente, le finestre e buttare via le scorie, buttare via gli scheletri, cacciare vecchi arnesi della politica che stanno lì a rimasticarsi e a ricattarsi a vicenda da decine e decine di anni, dove tutti sanno tutto di tutti, dove tutti hanno fatto cose con qualcuno, dove si tengono sotto scacco gli uni con gli altri per dare una ripulita e una rinfrescata all’edificio. Ecco perché è importante, ancora una volta, selezionare candidati nuovi: non perché il nuovo sia bene in quanto nuovo, ci sono dei giovani che fanno rimpiangere i vecchi, non è quello il problema, non è un problema anagrafico, è un problema di permanenza, ci vuole il bollino di scadenza ai politici, dopo un po’ scadono come gli yogurt, quagliano, inacidiscono, marciscono, ammuffiscono, ci vuole.. guardate, non sono un grillino fanatico, ma credo che la proposta più importante, ancora più importante del ripristino della preferenza e ancora più importante della cacciata dei condannati dal Parlamento, sia proprio quella intorno all’idea delle due legislature, non di più. Dopo due legislature via, così si evitano i ricatti, in attesa di avere una classe politica che si comporti correttamente e non si renda ricattabile. Se uno rimane per due legislature ha poco tempo per fare cosacce o per sapere delle cose per ricattare qualcun altro, o per diventare ricattabile lui, dopodiché fuori. Israele - Italia (espandi | comprimi) - E allora bisognerà occuparsi ancora una volta di quello che succede in vista delle elezioni regionali, perché ormai le regioni e i governatori hanno dei poteri che valgono di più dei poteri dei Ministri certe volte, visti i soldi che maneggiano soprattutto nel settore della sanità e dei rifiuti. Infatti tutti gli scandali di questi anni nascono da questioni di sanità o di rifiuti: dalla Calabria, alla Puglia, alla Campania, alla Lombardia, alla Liguria, al Piemonte, alla Sicilia, con un bel po’ di Lazio, con un bel po’ di Abruzzo etc.. E allora oggi Berlusconi è in Israele: uno dei pochi Paesi dove non dovrebbe proprio mettere piede neanche per sbaglio, neanche per fare scalo, perché?Perché Israele è proprio il contrario del modello berlusconiano, anche se lui finge di essere il migliore amico e qualcuno in Israele abbocca pure. In realtà, quello che succede in Israele nel rapporto tra politica e giustizia è esattamente l’opposto di quello che succede da noi: sapete che in Israele, come in Italia e come in Francia, il Capo dello Stato non può essere processato per reati collegati alle sue funzioni durante l’esercizio delle funzioni medesime, però qualche anno fa c’era il penultimo Capo dello Stato, che si chiama Kazan, nomen omen, visto che fu beccato a molestare alcune segretarie. Poteva impugnare la propria immunità e restare al suo posto, in realtà gli venne da ridere all’idea di acciuffare l’immunità, che è una cosa seria che dovrebbe essere collegata con i compiti istituzionali, per proteggersi da un processo che lo riguardava in quanto privato cittadino con le mani un po’ troppo lunghe: infatti se ne andò, si fece processare a mani nude e senza scudo. Poi ci sono le altre cariche: per esempio il Presidente del Consiglio che, come in tutto il mondo, nessun Paese escluso, non ha alcuna immunità legata alla carica di Presidente del Consiglio; voi sapete che continuano a riempirci le orecchie, “ in tutto il mondo il Presidente..”: in nessun Paese del mondo il Primo Ministro ha un’immunità legata alla carica di Primo Ministro, se è parlamentare ha lo stesso trattamento di tutti gli altri parlamentari e, se non è parlamentare, è nudo, a disposizione della giustizia e può anche essere arrestato in certi Paesi, senza nessuna richiesta di permesso al Parlamento. Infatti in Israele Olmert, Presidente del Consiglio di un Paese in guerra, in piena guerra del Libano.. anzi, credo fossimo tra la guerra del Libano e la guerra di Gaza, fu accusato dalla Polizia, che poi presentò una denuncia alla magistratura, di un piccolo finanziamento illecito: quando parlo di finanziamento illecito, parlo di finanziamento illecito, ossia di soldi presi dal suo partito, Kadima, partito fondato da Sharon, che poi ha avuto l’ictus e è ancora in stato vegetativo, ma è ancora formalmente vivo, finanziamento non registrato e quindi non una tangente in cambio di un appalto etc., ma un finanziamento irregolare. Non ha detto “ ah, beh, ma i finanziamenti irregolari non sono reato”, oppure “ ah, beh, ma lo facciamo tutti”, “ ah, beh, ma la legge non basta, i partiti costano di più di quanti soldi possono prendere per legge e quindi è ovvio che si arrotonda”, oppure “ mah, è colpa del mio segretario”, “ ah, ma le toghe rosse, ah, ma il complotto dei miei avversari labouristi..”, “ voglio lo scudo, voglio il lodo qua, voglio il lodo là, il lodo costituzionale, il lodo mica costituzionale e il legittimo impedimento e il processo breve e il diavolo che se lo porta”! Ha detto “ io sono innocente, lo dimostrerò in Tribunale, mi dimetto e sono orgoglioso di avere governato un Paese nel quale la Polizia e la magistratura possono indagare liberamente, senza condizionamenti, sui capi del governo”, ha detto questo, Olmert, due estati fa, prima di dare le dimissioni, negli stessi giorni in cui l’Italia approvava il Lodo Alfano. Frase che andrebbe scolpita all’ingresso di Palazzo Chigi, di Palazzo Madama, Montecitorio, Quirinale e anche di Palazzo Grazioli, Villa Certosa e Arcore : “ sono orgoglioso di avere governato un Paese nel quale la magistratura e la Polizia sono libere di indagare liberamente, senza condizionamenti, sul capo del governo e quindi mi dimetto”. Dice “ ah, ma se poi lo assolvono?”, se lo assolvono rientra in politica, solo da noi vale questa roba, dice “ se lo assolvono?”, se lo assolvono meglio, vuole dire che diceva la verità! Da noi questo “ se lo assolvono” non ha alcun senso, perché? Perché tanto anche se lo condannano resta dentro il Parlamento lo stesso, da noi dicono “ e se lo assolvono?”: sì, ma perché se lo condannano cambia qualcosa? Se ti assolvono sei vittima di un complotto, se ti condannano sei vittima di un complotto e intanto resti in politica, allora che differenza fa l’assoluzione o la condanna? Hanno beatificato Craxi, che era condannato, che cosa gliene importa se lo assolvono?!
Se assolvono o condannano qualcuno non fa alcuna differenza, tanto è sempre un complotto: se ti assolvono hai la prova che i PM complottavano contro di te e finalmente hai trovato dei giudici terzi, se ti condannano è la prova che c’è un complotto dei Pubblici Ministeri, che si sono messi d’accordo con i giudici per fotterti, quindi è un complotto perpetuo in Italia, quando si processa un politico.
In Francia avete appena visto un’altra lezione di civiltà: hanno detto “ ah, ma in Francia..”, no, in Francia un corno! In Francia c’è il Capo dello Stato.. ma perché i Capi dello Stato hanno questa forma di trattamento diverso da quello dei comuni cittadini? Perché il Capo dello Stato è l’emanazione del Re, è la prosecuzione del Re: ecco perché c’è questo privilegio che riguarda uno, perché è il simbolo della Nazione, per gli anni in cui la simboleggia lo si preserva e dopo lo si processa, questa è una regola accettabile, ma non c’entra niente con il Presidente pro tempore del Consiglio della Camera, del Senato, o con i Ministri e cose del genere. Infatti in Francia era a capo del governo Dominique De Villepin: era a capo del governo con Chirac all’Eliseo e aveva un nemico acerrimo all’interno del partito gaullista, ossia Nicola Sarkozy, il quale con le sue denunce - Ministro dell’Interno del governo De Villepin- riesce a fare aprire un processo per l’affare Clair Epstein, in cui De Villepin è accusato, insieme a alcuni uomini dei servizi segreti, di aver accumulato dei dossiers per screditare delle persone tra le quali Sarkozy, accusandole di aver preso soldi etc. etc.. De Villepin ha sempre detto “ non ho fatto niente, non ho dato nessun ordine: se qualcuno ha fatto dei dossiers, non li ha fatti su mio input”. Dopodiché c’era la campagna elettorale per l’Eliseo, per succedere a Chirac che scadeva, i candidati più accreditati erano i due leaders emergenti del partito gaullista, ossia Villepin e Sarkozy. Se ne è candidato solo uno, solo Sarkozy, De Villepin, Capo del governo, ha lasciato alla scadenza della legislatura, si è messo da parte: perché? Perché era imputato, si è fatto il processo e adesso, dopo due anni, è stato assolto: i giudici hanno stabilito che lui non c’entrava niente, avete sentito qualche strepito, il complotto? Guardate che avrebbe avuto ragione a parlare di complotto, perché quel processo lì è nato perché Sarkozy ha montato su un casino che non finiva più, era una provocazione tipo quella della Telecom Serbia, una calunnia nata negli ambienti sarkoziani per eliminare un avversario politico temibile come Villepin, che è molto più signorile, è molto più colto, è molto più presentabile rispetto a questo buzzurro del Presidente francese che abbiamo adesso, il quale comunque è molto più elegante del nostro, naturalmente è tutto parametrato. Villepin viene eliminato dalla corsa all’Eliseo con un processo e due anni dopo viene assolto: figuratevi se non aveva elementi sufficienti per gridare al complotto! Non ha detto mai la parola complotto, ha detto “ Sarkozy mi odia e questo lo sappiamo”, si è ben guardato dal dire “ Sarkozy mi deve amare”, eh, questo lo dice il nostro, perché c’ha uno scolapasta in testa. Ha detto “ Sarkozy mi odia, ma quelli sono fatti suoi, sono felice che la magistratura abbia finalmente accertato la mia innocenza, ora senza rancori ritorno al servizio dei francesi”, capite che cosa è una democrazia rispetto a questa Repubblica delle banane o dei cachi, o dei fichi d’India che è diventata la nostra?
Uno che avrebbe potuto strillare quanto voleva al complotto e nessuno avrebbe potuto dirgli niente non se lo è neanche sognato: perché? Perché chi fa parte del potere non può delegittimare un altro potere, altrimenti delegittima sé stesso di carambola. Quindi ritorno, rispetto, nessun rancore, nessun complotto, nessun urlo, non ha chiesto lodi, non ha chiesto legittimi impedimenti, è andato al processo, sempre presente, non ha detto “ voglio essere giudicato dai miei pari, voi non sapete chi sono io, io sono più uguale degli altri, io sono primus interparete”, come dice quell’altro. No, si è fatto giudicare come un comune cittadino e è stato assolto e, alla fine, dato che i processi finiscono o con la condanna o con l’assoluzione - in Francia non hanno il privilegio che abbiamo noi, di uscire da colpevoli con la prescrizione, salvo rari casi - ha ritenuto che la sentenza di assoluzione fosse una cosa normale. Da noi, ogni volta che assolvono un potente, si dice “ ecco, allora non doveva essere processato”, come se i processi giusti fossero solo quelli che finiscono con le condanne! E’ una cosa folle, tipica nostra.
Berlusconi in Israele, ma anche in Francia, non dovrebbe proprio entrarci, perché lì succedono cose esattamente opposte a quelle che succedono in Italia da quando c’è lui: all’estero, quando un politico ha un processo, salta il politico; da noi, quando un politico ha un processo, salta il giudice oppure salta il processo, questa è la differenza fondamentale.
Il PD e i candidati condannati (espandi | comprimi) - Ma dato che il centrosinistra non vuole essere da meno, che cosa fa? Si è messo a candidare a governatore un imputato: sapete che Berlusconi invece gli imputati preferisce mandarli in Parlamento, perché lì c’è l’immunità; il PD invece qualcuno lo mette anche a governatore, uno dice “ ma non l’avrà mica messo in Campania questo candidato imputato?”, no, perché ne aveva uno, Bassolino, che avrebbe dovuto dimettersi anni fa, è imputato di truffa alla regione che lui stesso presiede e non se ne è mai andato, quindi è parte civile contro sé stesso, è imputato e parte civile, è incredibile, no? Dice “ metteranno un incensurato, uno che non ha processi dopo Bassolino”, invece no: Bassolino ha un processo per truffa e, al suo posto, candidano Vincenzo De Luca, Sindaco di Salerno, che ha due processi, due rinvii a giudizio, è già in Tribunale ma ne ha due di processi, mentre Bassolino solo uno. Sempre meglio, no! Per sostituire un imputato una volta ci mettono uno, candidano uno che è imputato due volte. Io avrei preso un ergastolano direttamente, almeno era libero da incombenze, ormai aveva l’ergastolo, governava dalla cella, tanto ormai siamo abituati, abbiamo la signora Mastella che ha il divieto di dimora in Campania, lei dice di essere in esilio a Roma, dice che si candida dall’esilio romano: pensate, una che si candida in Campania e non può fare campagna elettorale in Campania, perché i giudici non la lasciano avvicinare, visti i danni che ha fatto fino a adesso! Farà i comizi con il megafono dal balcone della casa a Roma, oppure in teleconferenza come i pentiti, come i collaboratori di giustizia, anche se lei non è pentita di niente.
Per dirvi chi è questo De Luca, De Luca è stato rinviato a giudizio nel 2008 insieme a 47 persone per associazione a delinquere, ma un’associazione a delinquere piuttosto fornita, piuttosto nutrita, una cinquantina di membri, per concussione, truffa e associazione a delinquere a proposito di vari maneggi urbanistici per un parco marino, il Sea Park, che era stato situato in una zona prima occupata dalla Ideal Standard e lì ci sono speculazioni di ogni genere, con ritardi nell’approvazione del Piano Regolatore Generale, perché se fai il Piano Regolatore Generale poi hai dei vincoli e invece senza il Piano Regolatore Generale puoi fare quello che vuoi e di questo è accusato questo signore. Nel 2009, ossia l’anno scorso, altro rinvio a giudizio con tredici persone per truffa e falso a proposito della delocalizzazione delle manifatture cotoniere meridionali in una zona nuova, la zona industriale nuova di Salerno. Entrambi i processi sono in corso e quindi, se sarà eletto, De Luca dovrà dividersi tra l’aula della Regione Campania e l’aula del Tribunale di Salerno, sarà a mezzo servizio e magari farà anche il Sindaco, chi lo sa? Perché questi sono capaci di tutto, fanno i Sindaci, i Presidenti.. una volta era stato Sindaco contemporaneamente a parlamentare e fu lì che il Parlamento negò l’autorizzazione all’uso di certe intercettazioni, che pare avrebbero potuto addirittura aggravare la sua posizione. Pensate che il Pubblico Ministero aveva chiesto addirittura il suo arresto, poi il G.I.P. invece aveva optato per misure meno afflittive, tanto poi il Parlamento l’arresto l’avrebbe negato e quindi era inutile chiederlo. Questo è il candidato del Partito Democratico nella Campania, devastata dalla questione morale, nella Campania di Casentino etc.. Ora immaginate come fa un partito che candita un pluri/imputato non per reatucoli, ma per associazione a delinquere, concussione, truffa, falso, a fare la morale agli altri che poi non fanno dimettere neanche Casentino, che ha pendente sulla testa un mandato di cattura per camorra confermato l’altro giorno in Cassazione. E’ bene saperle queste cose, perché è evidente che, quando hai un’opposizione che mette direttamente la testa nella tagliola, poi la maggioranza evidentemente vince: anzi, gli elettori diventano sì qualunquisti, ma non perché sentono Grillo o perché sentono Annozero o cosa, diventano qualunquisti perché vedono che non c’è differenza nei comportamenti e conseguentemente si buttano nella disperazione e nell’astensionismo. Spero che non ci sarà astensionismo, perché per fortuna ancora non sono riusciti a relegare i nostri consensi su due soli partiti: il famoso PDL e PD meno L, per cui ci saranno delle alternative e mi auguro, anzi, che nel centrosinistra, oltre a Italia dei Valori e a Sinistra Radicale, anche dentro il PD le componenti più ragionevoli, le persone più normali - parlo di Marino, della Serrachiani etc. - vengano fuori per dire no a questo sconcio in Campania, perché la Campania da anni è veramente il simbolo e l’indicatore di un trend, il termometro di dove va l’Italia. Grazie allo scandalo della monnezza e a Bassolino Berlusconi ha potuto farsi due anni di campagna elettorale, figuratevi quando ci camperanno sul fatto che, al posto di Bassolino, c’è un pluri/imputato per il centrosinistra, mentre il centrodestra candida un incensurato, novità assoluta, ma manca soltanto che Berlusconi vada a fare la campagna elettorale dicendo “ votate per noi, perché il nostro candidato non ha processi in corso”, sarebbe la beffa finale, ma qualcuno se la meriterebbe!
Continuate a seguire Il Fatto Quotidiano, perché ovviamente su questa storia di De Luca e sulle candidature non mi pare di vedere grande interesse da parte degli altri giornali e noi, invece, ci stiamo occupando di questo in prima pagina. Buona settimana e passate parola.


Nessun commento:

Archivio blog

Questo BLOG non è una testata giornalistica: viene aggiornato con cadenza casuale e pertanto non è un prodotto editoriale (ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001) bensì un semplice archivio condiviso di idee e libere opinioni. Tutto ciò ai sensi dell'art.21 comma 1 della Costituzione Italiana che recita come: TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Post più popolari

Lettori fissi

"essecpa" - I MIEI VIDEO SU YOU TUBE

Loading...

Cagando todos somos iguales

Cagando todos somos iguales
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)
La fotografia è in genere un documento, la testimonianza di un ricordo che raffigura spesso persone e luoghi, ma talvolta può anche costituire lo spunto per fantasticare un viaggio ovvero per inventare un racconto e leggere con la fantasia l’apparenza visiva. (cliccando sopra la foto è possibile visionare il volume)

Etichette

"Sbankor" (2) 10 storie del Cavaliere (10) Abbate Lirio (2) Accolla Dario (1) Accorinti Renato (1) Adinolfi Massimo (1) Aforismi (18) Ai Weiwei (1) Al Capone (1) Alberton Mariachiara (1) Alfano Angelino (2) alias C215 (1) Alice ed Ellen Kessler (1) Allende Isabel (1) Allievi Stefano (1) Almerighi Mario (1) Amato Fabio (2) Amato Giuliano (2) Ambrosi Elisabetta (1) Amurri Sandra (1) Andreoli Vittorino (4) Andreotti Giulio (4) Andrews Geoff (1) Aneddoti (9) Angela (1) Angelo Rivoluzionario (1) Annunziata Lucia (2) Anselmi Tina (2) Anzalone Morena (1) Articoli (1386) Assante Ernesto (2) Attias Luca (1) Augias Corrado (2) Autieri Daniele (1) Avveduto Virginia (1) Baglioni Angelo (1) Bagnasco Angelo (1) Ballarò (1) Balocco Fabio (1) Banca d'Italia (23) Banche & Finanza (30) Baraggino Franz (1) Barbacetto Gianni (3) Barbareschi Luca (1) Barbera Davide (1) Barca Fabrizio (1) Basile Gaetano (1) Bassi Franco (1) Battaglia Letizia (2) Battiato Franco (3) Battisti Lucio (1) BCE (1) Beha Oliviero (3) Bei Francesco (1) Belardelli Giovanni (1) Belardelli Giulia (3) Bellantoni Pietro (1) Beltramini Enrico (1) Bene Carmelo (1) Benedetti Carla (1) Benetazzo Eugenio (1) Benigni Roberto (1) Benincasa Giuseppe (1) Benni Stefano (35) Bergoglio Jorge Mario (1) Bergonzoni Alessandro (10) Berlinguer Bianca (1) Berlinguer Enrico (4) Berlusconi Silvio (17) Bernabei Ettore (1) Bersani Pierluigi (3) Bertinotti Fausto (1) Bertolucci Lionello (1) Biagi Enzo (26) Bianchi Enzo (1) Bianchini Eleonora (3) Bianchini Gabriella (1) Bianconi Giovanni (1) Bignardi Daria (1) Bilderberg (1) Billeci Antonio (1) Billi Debora (1) Bini Flavio (1) Biondani Paolo (1) Biscotto Carlo Antonio (1) Bisio Caludio (1) Biussy Nick (1) Blair Cherie (1) Bobbio Norberto (3) Bocca Giorgio (7) Bocca Riccardo (1) Bocconi Sergio (1) Boldrini Laura (1) Bolzoni Attilio (2) Bongiorno Giulia (1) Bongiorno Mike (1) Bonini Carlo (1) Bonino Carlo (1) Bonino Emma (1) Borromeo Beatrice (3) Borsellino Paolo (2) Borsellino Rita (1) Borsellino Salvatore (2) Bossi Umberto (2) Bowie David (1) Bozonnet Jean-Jacques (1) Bracconi Marco (4) Brambrilla Michele (1) Branduardi Angelo (1) Breda Marzio (1) Brera Guido Maria (1) Bucaro Giuseppe (1) Buffett Warren (1) Bukowski Charles (1) Busi Maria Luisa (1) Buttafuoco Pietrangelo (1) Buzzati Dino (1) Cacciari Massimo (3) Cacioppo Giovanni (1) Calabresi Mario (3) Calabrò Maria Antonietta (1) Calderoli Roberto (1) Callari Francesco (1) Calzona Piero (1) Camilleri Andrea (25) Cammarata Diego (1) Campanile Achille (13) Campi Alessandro (1) Campofiorito Matteo (1) Cancellieri Anna Maria (3) Cannatà Angelo (1) Cannavò Salvatore (3) Cantone Raffaele (1) Canzoni (17) Caponnetto Antonino (1) Caporale Antonello (4) Caprarica Antonio (4) Carbone Chiara (1) Carchedi Bruno (1) Carminati Massimo (1) Carofiglio Gianrico (1) Caruso Cenzi (1) Casaleggio Gianroberto (1) Caselli Gian Carlo (3) Caselli Stefano (2) Cassese Sabino (1) Cat Stevens (1) Catalano Carmela (2) Catilina Lucio Sergio (1) Cavallaro Felice (2) Ceccarelli Filippo (2) Cedrone Giovanni (1) Celentano Adriano (3) Celestini Ascanio (12) Celi Lia (1) Centro Paolo Borsellino (1) Cerami Gabriella (1) Cerno Tommaso (1) Cetto La Qualunque (1) Chessa Pasquale (1) Chi controlla il controllore? (1) Ciancimino Massimo (3) Ciancimino Vito (2) Ciccarello Elena (1) Cimato Claudia (1) Cimò Valeria (1) Ciotti Luigi (1) Cipiciani Carlo (1) Cirino Mariano (1) Civati Giuseppe (1) Claudel Paul (1) Cocuzza Luigi (1) Colletti Giampaolo (1) Colombo Furio (4) Colombo Gherardo (6) Conti Paolo (1) Copasir (1) Coppola Gerardo (6) copyright (1) Cordero Franco (1) Cornaglia Carlo (2) Corsini Daniele (24) Costamagna Luisella (9) Covatta Giobbe (1) Craxi Bettino (2) Crispi Maurizio (1) Crocetta Rosario (1) Crozza Maurizio (2) Custodero Alberto (1) Cuzzocrea Annalisa (1) d (1) D'alema Massimo (2) D'Alessandro Nicolò (2) D'Amato Daniele (1) D'Ambrosio Simone (2) D'Avanzo Giuseppe (11) D'Eramo Marco (1) D'Esposito Fabrizio (2) D'Orta Marcello (19) da altri blog (1276) Dalla Chiesa Carlo Alberto (1) Dalla Chiesa Nando (1) Dalla Lucio (1) Damilano Marco (6) Davigo Piercamillo (6) De Andrè Fabrizio (2) De Angelis Attilio (1) De Bac Marcherita (1) De Bortoli Ferruccio (1) De Crescenzi Davide (8) De Crescenzo Luciano (21) De Curtis Antonio (2) De Francesco Gian Maria (1) De Gasperi Alcide (1) De Gregori Francesco (2) De Gregorio Concita (3) De Luca Erri (2) De Luca Maria Novella (1) De Magistris Luigi (5) De Marchi Toni (1) De Riccardis Sandro (1) De Sciciolo Cristiano (1) Deaglio Enrico (3) Dedalus (1) Del Bene Francesco (1) Del Corno Mauro (1) Dell'Utri Marcello (4) Della Valle Diego (1) Deneault Alain (1) Di Battista Alessandro (1) Di Cori Modigliani Sergio (1) Di Feo Gianluca (1) Di Giorgio Floriana (1) Di Matteo Antonino (4) Di Napoli Andrea (9) Di Nicola Primo (2) Di Pietro Antonio (28) Di Stefano Jolanda Elettra (2) Di Stefano Paolo (1) Diamanti Ilvo (27) Didonna Donato (1) Discorsi (1) Documenti (97) Donadi Massimo (2) Donati Antonella (1) Dondero Mario (1) Dones Merid Elvira (1) Dusi Elena (1) Eco Umberto (2) Eduardo De Filippo (1) Einstein Albert (1) Elio e Le Storie Tese (1) Email (24) Emanuello Daniele (1) Enigmistica (1) Erika Tomasicchio (1) Ernesto Bazan (1) Esopo (7) Esposito Antonio (1) essec (82) Eugenia Romanelli (1) Evangelista Valerio (1) Evita Cidni (3) Fabozzi Andrea (1) Facchini Martini Giulia (1) Facci Filippo (1) Facebook (26) Falcone Giovanni (3) Faletti Giorgio (1) Famiglie Arcobaleno (5) Famularo Massimo (1) Fantauzzi Paolo (1) Faraone Davide (1) Farinella Paolo (7) Fatucchi Marzio (1) Fava Giuseppe (1) Favale Mauro (1) Favole (11) Fazio Antonio (1) Federica Radice Fossati Confalonieri (1) Fedro (6) Feltri Stefano (4) Feltri Vittorio (1) Ferrandelli Fabrizio (2) Ferrara Gianluca (1) Ferrara Roberta (1) Ferrarella Luigi (1) Ferro Ornella (2) FIAT (1) Ficocelli Sara (2) Fierro Enrico (2) Filastrocche (1) Finanza (1) Fini Gianfranco (5) Fini Massimo (257) Fittipaldi Emiliano (2) Flaiano Ennio (1) Flores d'Arcais Paolo (7) Floris Giovanni (2) Fo Dario (3) Foà Arnoldo (1) Fontanarosa Aldo (1) Forleo Maria Clementina (1) Formigli Enrico (1) Fornaro Placido Antonino (1) Fotografia (23) Franceschini Dario (2) Franceschini Enrico (3) Franceschini Renata (1) Franco Luigi (1) Frangini Sara (1) Fraschilla Antonio (1) Friedman Alan (1) Fruttero Carlo (1) Fruttero e Lucentini (1) Furnari Angelo (1) Fusaro Diego (2) Gaarder Jostein (2) Gabanelli Milena (5) Gaber Giorgio (9) Gaita Luisiana (1) Galantino Nunzio (1) Galeazzi Lorenzo (1) Galimberti Umberto (10) Galli della Loggia Ernesto (1) Gallo Andrea (2) Gallo Domenico (1) Garbo Rosellina (1) Garibaldi Giuseppe (1) Gasparri Maurizio (1) Gaudenzi Daniela (3) Gawronski PierGiorgio (2) Gebbia Totò (1) Gelmini Mariastella (2) georgiamada (1) Gerino Claudio (1) Ghedini Niccolò (2) Giamporcaro Concetta (1) Gianguzzi Rosalinda (1) Giannelli (1) Giannini Massimo (31) Giannone Eugenio (1) Giannuli Aldo (3) Giaramidaro Nino (1) Gilioli Alessandro (4) Gino e Michele (2) Ginori Anais (1) Giordano Lucio (1) Giordano Paolo (1) Giuè Rosario (1) Giulietti Beppe (1) Gomez Peter (22) Google (1) Gotor Miguel (1) Gramellini Massimo (9) Granata Fabio (3) Grancagnolo Alessio (1) Grassadonia Marilena (2) Gratteri Nicola (1) Greco Francesco (3) Grillo Beppe (45) Grossi Alberto (1) Gruber Lilli (1) Gualerzi Valerio (1) Guémy Christian (1) Guerri Giordano Bruno (2) Gusatto Lara (1) Guzzanti Corrado (10) Guzzanti Paolo (4) Guzzanti Sabina (1) Hallen Woody (1) Harari Guido (1) Hikmet Nazim (1) Hitler Adolf (1) Horvat Frank (1) Hutter Paolo (1) Iacchetti Enzo (1) Iacona Riccardo (1) Iannaccone Sandro (1) Idem Josefa (1) IDV - Italia dei Valori (23) Il Ghigno (2) Il significato delle parole (5) Imprudente C. (1) Ingroia Antonio (4) Innocenti Simone (1) Invisi Guglielmo (1) Iossa Mariolina (1) Iotti Nilde (1) ITC Francesco Crispi (2) Iurillo Vincenzo (1) Jarrett Keith (1) Jop Toni (1) Joppolo Francesca (1) Kashgar (1) Kipling Rudyard (1) L'Angolino (6) L'apprendista libraio (1) L'Ideota (1) La Delfa Giuseppina (1) La Licata Francesco (2) La Rosa Dario (1) LAD (Laboratorio Arti Digitali) - Palermo (1) Lana Alessio (1) Lannutti Elio (1) Lannutti Wlio (1) Lanzetta Maria Carmela (1) Lanzi Gabriele (1) Laurenzi Laura (1) Lavezzi Francesco (1) Le Formiche Elettriche (19) Lella's Space (1) Lenin (1) Lerner Gad (1) Letta Enrico (3) Letta Gianni (1) Levi Montalcini Rita (1) Lezioni (3) Li Castri Roberto (1) Licandro Orazio (1) Lido Fondachello (1) Lillo Marco (13) Limiti Stefania (1) Littizzetto Luciana (8) Liucci Raffaele (1) Liuzzi Emiliano (3) Lo Bianco Giuseppe (2) Lodato Saverio (8) Lolli Claudio (1) Lombardo Raffaele (1) Longo Alessandra (1) Lorenzo dè Medici (1) Loy Guglielmo (1) Lucarelli Carlo (1) Lucci Enrico (1) Lungaretti Celso (1) Luporini Sandro (6) Lussana Carolina (1) Luttazi Daniele (3) M5S (1) Mackinson Thomas (3) Magris Claudio (1) Maltese Curzio (22) Manca Daniele (1) Manfredi Alessia (1) Manna Francesco (1) Mannheimer Renato (1) Mannoia Fiorella (2) Manzi Alberto (1) Maraini Dacia (2) Maratona di Palermo (5) Marcelli Fabio (1) Marchetti Ugo (1) Marchionne Sergio (3) Marcoaldi Franco (1) Marconi Mario (1) Marcorè Neri (1) Marino Ignazio (2) Marra Wanda (3) Marro Enrico (1) Martelli Claudio (4) Martini Carlo Maria (2) Marzano Michela (2) Mascali Antonella (2) Masi Mauro (1) Massarenti Armando (4) Mastella Clemente (1) Mastropaolo Alfio (1) Maurizi Stefania (1) Mauro Ezio (17) Mautino Beatrice (1) Max Serradifalco (1) Mazza Donatella (1) Mazzarella Roberto (1) Mazzella Luigi (1) Mazzola Barbara (2) Mazzucato Mariana (1) McCurry Steve (1) Meletti Giorgio (3) Meli Elena (1) Mello Federico (4) Melloni Mario (3) Meloni Giorgia (1) Menichini Stefano (1) Mentana Enrico (2) Merella Pasquale (1) Merico Chiara (1) Merkel Angela (1) Merlo Francesco (5) Messina Ignazio (1) Messina Sebastiano (3) Mesurati Marco (1) Milella Liana (2) Milla Cristiana (1) Mincuzzi Angelo (1) Mineo Corradino (2) Minnella Liana (1) Minnella Melo (1) Mogavero Domenico (2) Monastra Antonella (1) Montanelli Indro (7) Montefiori Stefano (2) Monti Mario (7) Moore Michael (1) Mora Miguel (2) Morelli Giulia (1) Moro Aldo (6) Mosca Giuditta (1) Munafò Mauro (1) Musolino Lucio (1) Mussolini Benito (4) Myanmar (1) Napoleoni Loretta (1) Napoli Angela (1) Napolitano Giorgio (10) Narratori e Umoristi (238) Nicoli Sara (6) Nietzsche Friedrich (2) Norwood Robin (1) Notarianni Aurora (1) Nuzzi Gianluigi (4) Obama Barak (4) Oian Daniele (1) Oliva Alfredo (1) Onorevoli e .... (282) Oppes Alessandro (1) Orlando Leoluca (4) Ottolina Paolo (1) P.T. (2) Pace Federico (2) Padellaro Antonio (29) Padre Georg Sporschill (1) Pagliai Giovanni (1) Pagnoncelli Nando (1) Palazzotto Gery (1) Palombi Marco (2) Panebianco Angelo (1) Pannella Marco (1) Pansa Giampaolo (3) Papa Roncalli (2) Parise Goffredo (1) Parlagreco Salvatore (4) Pasolini Caterina (1) Pasolini Pierpaolo (1) Passaparola (84) Peccarisi Cesare (1) Pellegrini Edoardo (1) Pellegrino Gianluigi (1) Pellizzetti Pierfranco (7) Penelope Nunzia (1) Pericle (1) Pertini Sandro (1) Petizioni (1) Petraloro Vito (1) Petrella Louis (1) Petrolini Ettore (4) Piana degli Albanesi (1) Piccolo Francesco (5) Pignatone Giuseppe (1) Piketty Thomas (2) Pini Massimo (4) Pini Valeria (2) Pink Floyd (2) Pino Sunseri (1) Pinotti Ferruccio (1) Pipitone Giuseppe (1) Pisanu Giuseppe (1) Pitta Francesca (1) Pivano Fernanda (1) Poesia (37) Politi Marco (2) Polito Antonio (1) Pomi Simone (4) Pomicino Paolo Cirino (1) Pompei (1) Popolo Viola (1) Porro Nicola (1) Porrovecchio Rino (2) Portanova Mario (1) Prezzolini Giuseppe (1) Prodi Romano (2) Puppato Laura (1) Purgatori Andrea (1) Quagliarello Gaetano (1) Querzè Rita (1) Raiperunanotte (1) Rajastan (1) Rame Franca (1) Rampini Federico (13) Randazzo Alessia (1) Ranieri Daniela (1) Ranucci Sigfrido (1) Ravello (1) Recalcati Massimo (2) Recensioni (25) Referendum (2) Reguitti Elisabetta (2) Reina Davide (1) Renzi Matteo (12) Report (2) Reportage siciliano (1) Reski Petra (2) Retico Alessandra (1) Revelli Marco (1) Riboud Marc (1) Ricci Maurizio (1) Ricciardi Raffaele (1) Rijtano Rosita (1) Riondino David (4) Riva Gloria (1) Rizza Sandra (2) Rizzo Sergio (9) Roberti Franco (2) Roccuzzo Antonio (1) Rodari Gianni (3) Rodotà Maria Laura (1) Rodotà Stefano (6) Roiter Fulvio (1) Romagnoli Gabriele (1) Rosalio (1) Rosselli Elena (1) Rossi Enrico (1) Rossi Guido (1) Rossi Paolo (1) Rosso Umberto (1) Ruccia Gisella (1) Rusconi Gianni (1) Rutigliano Gianvito (2) Ruvolo Mariastella (1) Sacconi Maurizio (2) Saggistica (131) Said Shukri (1) sallusti Alessandro (1) Salvati Michele (1) Sander August (1) Sannino Conchita (1) Sansa Ferruccio (2) Sansonetti Stefano (1) Santamaria Marcello (1) Santarpia Valentina (1) Santoro Michele (6) Sargentini Monica Ricci (1) Sartori Giovanni (9) Sasso Cinzia (1) Sava Lia (1) Savagnone Giuseppe (1) Saviano Roberto (12) Scalfari Eugenio (33) Scalzi Andrea (1) Scanzi Andrea (8) Scarafia Sara (1) Scarpinato Roberto (9) Scianna Ferdinando (4) Sciascia Carlo Roberto (1) Scorza Guido (2) Scuola (2) Scurati Antonio (1) Serra Michele (14) Serra Michele R. (1) Serradifalco Massimiliano (1) Severgnini Beppe (12) Sicilcassa (2) Sideri Massimo (2) Siena (2) Signorelli Amalia (1) Siino Tony (1) Silena Lambertini (1) Simonelli Giorgio (2) Slide show (39) Smargiassi Michele (2) Socrate (1) Soffici Caterina (1) Sofri Adriano (1) Sollima Giovanni (1) Sommatino Francesca (2) Spicola Mila (3) Spinelli Barbara (6) Spinicci Paolo (1) Sport (1) Springsteen Bruce (2) Staino Sergio (1) Stasi Davide (1) Stella Gian Antonio (10) Stepchild adoption (1) Stille Alexander (2) Stone Oliver (1) Storie comuni (5) Superbonus (1) Sylos Labini Francesco (1) Szymborska Wislawa (1) Tafanus (1) Taormina Carlo (1) Tarquini Andrea (2) Tartaglia Roberto (1) Taverna Paola (1) Tecce Carlo (4) Telese Luca (7) Temi (4) Terzani Tiziano (4) Tinti Bruno (16) Tito Claudio (2) Tocci Walter (1) Tomasi di Lampedusa Giuseppe (1) Tomasoni Diego (2) Tonacci Fabio (1) Toniolo Maria Gigliola (1) Toniutti Tiziano (2) Torresani Giancarlo (1) Torsello Emilio Fabio (2) Tortora Francesco (3) Totò (2) Travaglio Marco (227) Tremonti Giulio (2) Trilussa (15) Troja Tony (1) Trump Donald (1) Truzzi Silvia (8) Tundo Andrea (1) Turco Susanna (1) Turrini Davide (1) Twain Mark (1) U2 (1) UIF - Unione Italiana Fotoamatori (4) Usi ed Abusi (8) Valkenet Paulina (1) Vandenberghe Dirk (1) Vannucci Alberto (1) Varie (38) Vauro Senesi (2) Vecchi Davide (9) Vecchio Concetto (3) Veltroni Walter (3) Vendola Niki (3) Venturini Marco (1) Verderami Francesco (1) Verdini Denis (3) Vergassola Dario (4) Viale Guido (1) Video (99) Villaggio Paolo (6) Violante Luciano (2) Viroli Maurizio (3) Visetti Giampaolo (1) Viviano Francesco (2) Volàno Giulio (1) Vulpi Daniele (1) Walters Simon (1) Wikipedia (20) Wilde Oscar (3) WWF (1) www.toticlemente.it (3) You Tube (75) Yourcenar Margherite (1) Zaccagnini Adriano (1) Zaccagnini Benigno (1) Zagrebelsky Gustavo (9) Zambardino Vittorio (1) Zanardo Lorella (1) Zanca Paola (1) Zucconi Vittorio (3) Zucman Gabriel (1) Zunino Corrado (1)

COOKIES e PRIVACY Attenzione!

Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. E’ possibile trovare maggiori informazioni all’indirizzo della Privacy Policy di Automattic: http://automattic.com/privacy/ Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser.

Meteo

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Calcolo Devalutazione Monetaria