"Dopo gli anni ovattati dell'infanzia e quelli spensierati dello studio ci si immerge nella catena lavorativa che, al di là di qualunque gratificazione, assorbe e lascia poco tempo ... e poi finalmente arriva la tua quarta dimensione ... e ritrovi quella serenità smarrita."

Il presente blog costituisce un almanacco che raccoglie i testi completi dei post pubblicati su: http://www.laquartadimensione.blogspot.com, indicandone gli autori, le fonti e le eventuali pagine web originarie (se disponibili).

Translate

martedì 19 ottobre 2010

Berlusconi offshore

Buongiorno a tutti, le bugie hanno le gambe corte, come dice un proverbio, ma come scrisse Giovanni Sartori qualche anno fa, in Italia hanno gambe lunghissime, proprio perché in Italia diceva Sartori, la verità non è accettabile in quanto in Italia anche la televisione di tutti, la RAI, è imbavagliata, il che consente a Berlusconi e alla sua squadra di mentire senza spazio di controprova, si capisce, a mentire ci provano tutti, ma dove la televisione è autenticamente libera, le bugie hanno le gambe corte, mentre da noi hanno gambe lunghissime, la verità sulla nostra televisione non è accertabile.
Bugie vere - Però basta aspettare, dopo qualche mese, giorno, anno, di solito le bugie trovano una smentita, il problema è che poi nessuno lo viene a sapere perché non si sa mai come vanno a finire le storie e allora facciamo qualche caso, anche perché ormai le bugie non sono soltanto il racconto di un fatto inventato e presentato invece come vero, oppure il racconto di un fatto vero, ma manipolato dalla propaganda, le bugie sono anche quando si usa una parola sbagliata per definire qualcosa, quando cioè non si chiamano più le cose con il loro nome, ma con un altro nome per depistare l’attenzione della gente.
Proprio l’altro giorno a Firenze in un convegno organizzato da Libertà e Giustizia, è l’ex Presidente della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky ha fatto alcuni esempi di quella che lui ha chiamato la neolingua, un idioma completamente folle che ha preso piede in Italia da quando il padrone della televisione è diventato anche il padrone della politica, oltre che dell’economia e di tutto quanto e quindi alla fine è diventato pure il padrone delle parole e tutti noi abbiamo cominciato a parlare con le parole sue, non più facendo attenzione al loro significato e alla loro proprietà e questo naturalmente porta acqua al mulino dei mentitori di regime e ha fatto gli esempi, scendere in campo, l’amore, l’odio, la libertà, il partito degli italiani e tante altre parole che si potrebbero raccontare che sono state inventate, oppure che sono state piegate in questi anni su significati diversi da quello che hanno nel nostro vocabolario, basta pensare a tutte le truffe anche linguistiche intorno alla guerra che è stata chiamata missione di pace, allora quando si va in missione di pace e poi muoiono i soldati, bisogna raccontare che i soldati sono eroi, mentre in realtà i nostri soldati morti non sono eroi per niente perché non hanno fatto nessun gesto eroico, erano lì a fare il loro servizio e sono stati uccisi, quindi sono vittime, non sono eroi, ma vittime di cosa? Di una pace? No di una guerra, quindi vedete come poi mentire su un fatto ti costringe poi a mentire su altri per tenere in piedi la menzogna. Partirei da quello che è successo ieri sera a Report, il programma d’esordio di Milena Gabanelli e di come è stato presentato da alcuni giornali, intanto per ridere un po’ guardare Il Giornale di oggi “La perizia dei PM che inchioda Fini, l’appartamento di Montecarlo, i magistrati monegaschi a quelli romani: la casa valeva un milione, più del triplo del prezzo di vendita e ora archiviare è difficile. Report in fuga dal Principato finisce alle Antille e cerca di spacciare Berlusconi per il Presidente della Camera, qui se non fosse che questo sembrerebbe un giornale perché si presenta con la stessa veste degli altri, ci sarebbe da scompisciarsi dalle risate, Report avrebbe dovuto stazionare a Montecarlo e ripetere le cose che abbiamo già sentito milioni di volte e non recarsi invece alle Antille dove non il cognato di Berlusconi, ma Berlusconi possiede diverse ville, ha cementificato un promontorio e una baia, il tutto spendendo una ventina di milioni, che peraltro non sappiamo a chi sono andati, perché non sappiamo di chi sono le società che si stanno occupando della costruzione di questo gigantesco complesso turistico e soprattutto non sappiamo chi c’è dietro a questa famosa o famigerata Arner Bank, la cui filiale milanese è sotto inchiesta a Milano e a Palermo per riciclaggio, la Arner Bank è quella dove Berlusconi ha il conto corrente N. 1 e la Banca d’Italia ha già segnalato operazioni di possibile riciclaggio su una certa quantità di capitali in parte dicono i magistrati, capitali propri riguardanti il nostro Presidente del Consiglio, quindi Report ha finalmente rimesso le cose a posto, cioè non il cognato di Berlusconi sospettato di affittare o di possedere una casa di 55 metri quadrati a Montecarlo venduta da Alleanza Nazionale a una società offshore , ma Berlusconi in persona possiede diverse ville intestate a società offshore, collegate a una società di cui nessuno sa chi c’è dietro e soprattutto con soldi movimentati da una banca sospettata di riciclaggio dalla Procura di Milano e di Palermo, adesso naturalmente ci si aspetterebbe che Il Giornale e Libero facessero una raccolta di firme per le dimissioni di Berlusconi, facessero 60/90 copertine e prime pagine seguiti da campagne di Tg1, Tg2, Tg5 e Studio Aperto, Rete 4, Panorama etc., invece naturalmente non succederà nulla di tutto questo. Tant’è che si continua sulla casetta a Monaco, anziché alzare gli occhi dal cognato e guardare invece il titolare che, tanto per cambiare è il nostro Presidente del Consiglio che è impegolato in pieno in tutto il mondo offshore e in tutti i paradisi fiscali dei Caraibi. Ma è anche interessante come anche un giornale “indipendente” La Stampa di Torino di proprietà della FIAT, dà questa notizia, notizia rilevata da Report, ma preceduta da un’altra notizia clamorosa, che l’Avvocato Ghedini pretendeva la censura preventiva del programma, annunciando già querele prima ancora di averlo visto, tant’è che la Gabanelli con grande candore ha detto: ma guardatela tra trasmissione, poi magari ci quereli, ma come fai a querelarci prima che andiamo in onda? Ricorderete che nelle intercettazioni di Trani si sentiva il Cavaliere dare di matto con Masi, con il commissario della AGcom Innocenzi perché voleva assolutamente chiudere Annozero prima che andasse in onda, non appena si veniva a sapere che avrebbe parlato della D’Addario o di Ciancimino o di Spatuzza o del caso Mills, mentre Masi spiegava a questo Innocenzi che era pressato dal Cavaliere che chiudere ex ante un programma è Roma di Zimbabue, semmai lo si chiude, semmai no si chiude ex post, Masi è un burocrate quindi è per la via burocratica alla censura, ci vogliono le carte a posto, aspettiamo che Santoro faccia qualcosa che non ci piace, la faccia fuori dal vaso e poi chiudiamo ex post, ma non ex ante. Adesso è saltata anche la via burocratica alla censura, per cui Masi è stato costretto a smentire sé stesso e a fare un provvedimento che chiudeva Annozero ex ante, addirittura prima di sapere di cosa avrebbe parlato Annozero questo giovedì e il prossimo, poi sapete che come al solito gli è andata male perché Santoro ha fatto ricorso all’arbitrato e quindi la squalifica di due settimane è stata per il momento sospesa e quindi Annozero andrà in onda questo giovedì e il prossimo, ma persino Ghedini che aveva difeso Annozero perché Ghedini ha tanti difetti ma non è un censore preventivo, è stato costretto ieri a fare questa partaccia di chiedere a un programma di non andare in onda, perché evidentemente immaginate il nano quanto ha dato di matto tra sabato e domenica nel tentativo disperato di bloccare quella trasmissione che lo mette di nuovo al centro di un problema sul quale i suoi house organ avevano cercato di dirottare l’attenzione a proposito di Fini, del cognato etc., i rapporti tra Berlusconi, le offshore, il mondo dei paradisi fiscali che tutto l’occidente, soprattutto dopo la crisi finanziaria, sta combattendo con le liste nere, grigie e lo stato di Antigua e Barbuda dove Berlusconi ha queste ville, è a pieno titolo nella lista grigia dell’Ocse , tra i paesi che non collaborano e non danno trasparenza finanziaria e fiscale alle società che lì vengono create. Un giornale "indipendente" come La Stampa, oggi in prima pagina un minuscolo titolo su questo caso, che è intitolato “La Polemica” come se fosse una polemica filosofica, un certamen, una discussione accademica, le case, le società offshore e nei paradisi fiscali di Berlusconi sono La polemica e qual è la polemica? Scontro Report – Pdl sulle ville del Premier, naturalmente chi ha visto la puntata ha visto che non c’è stato nessunissimo scontro, c’è un giornalista, un inviato, Paolo Mondani che è andato sul posto e ha intervistato le persone e ha fatto vedere delle immagini, dei documenti, ha fatto delle domande, La Gabanelli ha detto che Berlusconi avrebbe il dovere di spiegare queste cose, visto che riguardano lui, non cognati, cugini, zie, prozie etc., riguardano lui e ci sono inchieste di riciclaggio sulla banca che ha movimentato queste cose, ci sono dubbi sulla proprietà della società che per lui ha costruito queste case, ha intermediato la vendita dei terreni, quindi è lui che deve spiegare perché riguardano lui non un suo parente o un suo amico, tutto questo viene sminuzzato sotto l’occhiello “la polemica” e il titolo “scontro Report – Pdl sulle ville del Premier” come ci fosse uno scontro tra la Gabanelli e il Pdl, la Gabanelli ha fatto il suo mestiere, è il Pdl che gli è andato contro, ma non c’è nessuno scontro quando tu stai fermo e uno ti viene dentro, no? Per non usare la parola “censura”, pensate a cosa ricorrono questi giornali e chiamare le cose con il loro nome è importante perché poi se uno usa la parola giusta, la gente capisce cosa è successo, per esempio sul caso Santoro avete visto, che poi non esiste, che si è tentato, tutti i giornali titolavano “Santoro ha insultato Masi mandandolo a ‘fanculo” anzi a “’fanbicchiere” vuole dire ‘fanculo, quindi Masi ha dovuto provvedere perché non esiste nessuna società che un dipendente insulti il suo Direttore generale o come dice Masi di sé stesso, il suo capo – azienda, termine un po’ Fantozziano, è poi vero che Santoro ha insultato Masi? E’ interessante perché se fosse vero almeno lo potrebbero sostenere, ma bisognerebbe che fosse vero che Santoro ha insultato Masi. Se fate caso l’altra sera in quel programma che per fortuna non vede nessuno a mezzanotte su RAI 2, mi pare si chiami “l’ultima parola” forse lo dovrebbero intitolare l’ultima cazzata, visto quello che va in onda, c’era il povero Gomez che cercava disperatamente insultato e assediato e accerchiato da un sacco di gente che lo insultava, compreso Sgarbi, di dire alcune cose, non è riuscito, proprio perché sopraffatto a leggere semplicemente le parole che vengono contestate a Santoro, il famoso insulto a Masi, in realtà ricordate che Santoro non ha neanche parlato di Masi, ha semplicemente paragonato la situazione di Annozero e della RAI a quella di una fabbrica di bicchieri che è leader nel mercato, che vende bicchieri a gogò, perché li fa bene i bicchieri e a un certo punto il padrone della ditta decide che bisogna smettere di produrre questi bicchieri, oppure bisogna cambiare questi bicchieri perché vendono troppo e quindi la ditta va troppo bene, quindi alla fine di tutta questa metafora, Santoro diceva testualmente “ma voi imprenditori se vi dicono che tutti i bicchieri anche quelli della vostra azienda devono tutti avere il marchio libertà ex ante, altrimenti non vanno in commercio, cosa gli dite? Che sia l’azienda, il direttore, l’autorità gli direste “ma vaffanbicchiere”” secondo voi questo è un attacco personale a Masi?Perché questo proprio questa scritto Masi nel provvedimento con cui sospendeva per 2 settimane Annozero, punendo tra l’altro la trasmissione e quindi i suoi redattori e i suoi telespettatori, facendo finta di punire Santoro, se vuoi punire Santoro dagli una multa, ma non bloccare una trasmissione. Bugie televisive e bugie elettorali - “Frasi insinuanti – scriveva Masi – e espressioni allusive e irriguardose, chiaramente volte a denigrare il direttore generale della RAI, così concretizzando di fatto un attacco personale”.L’attacco personale è quando attacco personalmente te, non quando faccio una metafora dove cerco di spiegare un problema e dove mi rivolgo all’azienda, il direttore e l’autorità, e infatti Masi aggiunge “come unanimemente recepito dai massmedia” se i massmedia avessero dato conto delle parole esatte di Santoro, lui non avrebbe potuto sostenere che era un attacco personale, ma tutti o quasi i media hanno scritto che Santoro aveva insultato mandandolo a “fan”, Masi, mentre invece non è vero, aveva fatto una metafora per spiegare il problema di un’azienda che quale programma va a sabotare? Non quelli che non hanno successo e che quindi costano più di quello che rendono, ma proprio un programma che ha successo, dà prestigio all’azienda e quindi rende più di quanto costa, questo era il suo ragionamento. Se Santoro voleva a “‘fanculo” Masi ce lo mandava direttamente, non mi pare sia uno che si nasconda dietro a un dito, ma vedete com’è importante prendere il testo delle cose, chiamare le cose con il loro nome, usare le parole giuste affinché la gente capisca o com’è furba invece l’operazione di chi cambia le parole per depistare l’attenzione o fare in modo che la gente capisca altro rispetto a quello che è successo. Ma non è mica l’unico caso, qualcuno di voi ricorderà che qualche mese fa, credo fosse marzo – aprile, proprio quando furono chiusi i programmi di approfondimento per chiudere Annozero alla vigilia delle elezioni, la lista del Pdl a Roma, come pure a Milano rischio di non essere presentata, di non comparire sulla scheda elettorale, perché erano arrivati in ritardo a presentarla sulla scadenza prevista dalla legge, c’era un certo Milioni che doveva presentare le lise del Pdl a sostegno della Polverini a Roma, che era arrivato tardi e quindi era stato escluso, allora lui stesso aveva detto: sono uscito per farmi un panino, poi quando sono rientrato i Radicali mi hanno fatto violenza, non ho potuto mettermi in coda con gli altri, quindi sono stato escluso con la violenza, Berlusconi negò addirittura responsabilità e disse: ci è stato impedito di presentare le liste, non vi è stata da parte nostra nessuna responsabilità riconducibile ai nostri dirigenti, il comportamento della sinistra è stato e è antidemocratico e meschino, dopodiché cosa fecero? Denunciarono il Magistrato per abuso d’ufficio che aveva impedito loro all’ufficio elettorale della Corte d’Appello di presentare la lista perché erano arrivati fuori tempo, denunciarono i Radicali per violenza e per la minaccia che avrebbero proferito a danno di questo povero Milioni impedito a presentare le liste, fecero una campagna tremenda contro le toghe rosse che volevano impedire al centro-destra di vincere le elezioni, si fecero un decreto in corso d’opera avallato da Napolitano per cambiare la legge elettorale e legittimare ex post le illegalità che avevano commesso, così rimase nella testa della gente che a Roma si era cercato di impedire di presentare quelle liste, anche se poi la Polverini aveva vinto lo stesso, perché poi alla fine il Tar stabilì che il Decreto non poteva funzionare in quanto cambiava una legge nazionale, mentre le elezioni regionali sono regolate da leggi regionali e il Decreto non cambiava la Legge Regionale ma cambiava quella nazionale. Adesso il Magistrato che è stato processato a Perugia con l’accusa, denunciato dal centro-sinistra per avere impedito la presentazione delle liste, si avvia all’archiviazione perché rivela L’Espresso questa settimana, “Milioni di bugie”, cosa si è scoperto? Intanto che non c’è stata nessuna violenza a danno di Milioni da parte dei Radicali e l’ha detto Milioni ai magistrati, quando si parla davanti ai magistrati le chiacchiere stanno a zero, se uno mente, commette falsa testimonianza, infatti mutando versione come scrivono i PM nella richiesta di archiviazione, Milioni dice: i Radicali non pronunciarono nei nostri confronti frasi minacciose, non ci fu alcun contatto fisico, fecero un po’ di chiasso e si limitarono a sdraiarsi per terra, il problema qual è? Non sono i Radicali sdraiati per terra, è che Milioni è arrivato in ritardo rispetto all’orario previsto delle ore 12 di quel fatidico giorno di fine febbraio, ma di più, i magistrati sono andati a vedere i tabulati del telefonino di Milioni, perché dai tabulati del telefonino si capisce tu dove stai, se stai nella zona del Tribunale, oppure no, lui dove era? Tra le 11,40 e le 12,30? Era nella zona di Via di Pineta Sacchetti che è a 6 chilometri da Piazzale Clodio dove c’è il Tribunale, dove c’è l’ufficio elettorale, quindi Milioni era a 6 chilometri dal luogo dove avrebbe dovuto presentare le liste, è la prova che è arrivato in ritardo, quindi che tutta la campagna che è stata fatta contro i magistrati, contro i Radicali, a sostegno del Decreto firmato poi da Napolitano e bocciato poi dal Tar e dal Consiglio di Stato, era completamente falsa, una gigantesca bufala che ha alterato la campagna elettorale e quindi il risultato delle elezioni, pensate quanta gente è andata a votare, convinta che bisognasse fare fronte comune con la Polverini, contro le toghe rosse e i comunisti cattivi che addirittura vogliono impedire al centro-destra di presentarsi alle elezioni. Ma andiamo avanti, perché di balle smascherate questa settimana ce ne sono veramente parecchie. Ricordate Calciopoli? Era molto chiara quando nel 2005 uscirono le intercettazioni di Moggi, della Fiorentina, della Lazio, del Milan, della Reggina, della Cupola, qualche mese fa al processo di Napoli, gli Avvocati di Moggi dicono: i magistrati e i Carabinieri non hanno tirato fuori tutte le intercettazioni, perché? Perché quello che aveva fatto Moggi, in realtà lo facevano tutti, lo facevano anche quelli che si propongono come vittime della cupola di Calciopoli, lo faceva Facchetti e sventolarono con grande clamore una telefonata tra Facchetti che all’epoca era dirigente dell’Inter e il designatore arbitrale Paolo Bergamo, in cui dicevamo gli Avvocati di Moggi, Facchetti diceva a Bergamo “metti dentro Collina” l’arbitro che evidentemente secondo gli Avvocati di Moggi, Facchetti voleva imporre al designatore arbitrale perché evidentemente favorevole all’Inter, qualcuno disse: ma no, Facchetti lo faceva per legittima difesa contro la cupola, ma qui il problema è: l’ha detta Facchetti quella frase o non l’ha detta Facchetti, perché se l’ha detta Facchetti bisogna processare l’Inter esattamente come le altre società coinvolte in Calciopoli, non serve a dimostrare che Moggi è innocente, dimostrare che Giacinto Facchetti è colpevole, semmai abbiamo due colpevoli, abbiamo un colpevole in più, invece Moggi la usava per dire: lo fa Facchetti, quindi allora sono innocente, perché questo è il teorema berlusconiano e craxiano è passato: se io sono ladro, ma riesco a scoprire che c’è anche un altro ladro, allora non è che siamo due ladri, siamo 0 ladri! Questo non può funzionare, però se si dimostrasse che Facchetti ha chiesto e ottenuto, ma anche solo chiesto un arbitro al designatore arbitrale, vorrebbe dire che almeno una volta ha fatto ciò che Moggi faceva sempre e quindi nelle proporzioni dell’episodio, andrebbe processata anche l’Inter. Tutto questo cancan, poi si è spento, non se ne è più saputo niente, intanto il processo sta andando avanti all’insaputa dei giornali e dei cittadini, se non che a un certo punto cosa è successo? Che il Tribunale ha chiesto a un perito di andare a riascoltare quell’intercettazione per vedere se ha ragione la difesa di Moggi e cioè che bisogna processare anche l’Inter per quello che diceva Facchetti, intanto il figlio di Facchetti, aveva detto: no, non era mio padre che lo diceva, nella telefonata si capisce benissimo che è Bergamo che parla di Collina e non è mio padre, la riconosco la voce di mio padre ma non gli hanno dato retta, hanno detto: è il figlio, difende la memoria del padre, non ci possiamo fidare, perizia definitiva del Tribunale, il perito è andato a riascoltare quella telefonata e che cosa ha scoperto? Che la frase su Collina la dice Bergamo e non la dice Facchetti, quindi tutto il cancan che è stato fatto da Moggi e dai suoi trombettieri sparsi nei vari giornali, sono ancora parecchi, era completamente basato sul falso, hanno calunniato un morto, perché il povero Facchetti non c’è più, hanno sputtanato il buon nome di Facchetti, cosa facendo? Semplicemente invertendo le frasi della conversazione, attribuendo a lui quello che diceva all’altro, naturalmente non c’è stato nessun clamore paragonabile a quello che c’era stato a suo tempo, quindi ci sono moltissime persone, anche in buonafede convinte che Moggi è un perseguitato dalla lobby dei magistrati alleati con l’Inter, non si è ancora capito per quale motivo i magistrati di Napoli dovrebbero essere alleati con l’Inter, ma comunque ci sono un sacco di persone, convinte anche in buonafede che c’è un complotto, proprio perché non hanno la possibilità di avere il quadro completo dei fatti e quindi ciascuno va a tifoseria, alcuni juventini pensano che la Juve è stata vittima di un complotto, perché? Perché semplicemente non gli è stato fornito lo strumento per capire che la dirigenza juventina di quel periodo, il periodo Moggi - Giraudo era una dirigenza inquinata dall’illecito sportivo permanente e stabile e lo dice uno juventino che però conosce i fatti e che quindi si vergogna di quello che ha fatto la società per la quale simpatizza. Bugie siciliane - Altra balla, ne abbiamo parlato spesso, Ciancimino chissà se Ciancimino dice la verità o meno, quando parla bisogna stabilire se quello che dice è vero o è falso, quando porta dei documenti bisogna stabilire se quei documenti sono autentici o meno, sono documenti originali o sono documenti apocrifi, fabbricati a arte e poi bisogna ancora stabilire naturalmente se quello che c’è scritto nei documenti è vero o non è vero, tra l’autenticità e la veridicità di un documento, ce lo siamo già detti, c’è ancora un salto, quindi è giusto che il testimone Ciancimino venga sottoposto al più duro esame e riscontro, perché?Berlusconi archiviato sia per riciclaggio, sia per mafia, per concorso esterno, perché? Ogni volta i magistrati dicevano: abbiamo elementi ma non sufficienti allo scadere delle indagini per supportare un giudizio nei suoi confronti e quindi l’archiviazione vuole dire che il fascicolo rimane congelato in freezer, in attesa di fatti nuovi, se emergono fatti nuovi il fascicolo viene riaperto, ecco perché le parole di Ciancimino e ultimamente anche della madre di Massimo Ciancimino, della vedova di Vito Ciancimino sono fondamentali e gravissime se fossero confermate le parole e i documenti a supporto, perché se fossero autentiche e veridiche, vorrebbero dire che è vero che Berlusconi ha ricevuto soldi, capitali mafiosi negli anni 70/80 da Vito Ciancimino, dai costruttori Bonura e Buscami, da Stefano Bontade come già hanno raccontato Rapisarda e tanti pentiti, qui le chiacchiere sono a zero perché ci sono documenti originali, se sono autentici vuole dire che bisogna riaprire le indagini su Berlusconi per mafia e per riciclaggio, capite qual è la posta in palio, infatti Berlusconi l’ha capita, i suoi giornali l’hanno capita e infatti hanno cominciato a martellare Ciancimino dicendo che è un cazzaro, che è un pallista, che racconta balle. Approfittando di quello che ha detto il Gen. Mori, imputato nel processo dove Ciancimino è testimone di accusa anche nei suoi riguardi, hanno detto: lo dice anche il Gen. Mori Massimo Ciancimino fa i documenti con il photoshop , con il copia e incolla, taglia delle parole, le appiccica, poi fa il photoshop e fa finta che sono documenti originali di suo padre. Anche qua le chiacchiere a un certo punto stanno a zero, perché? Perché chi si incarica di questo? La polizia scientifica che ha il compito di stabilire, intanto l’originalità della carta dei documenti originali prodotti da Massimo Ciancimino per vedere se risale veramente al periodo in cui sono datati e poi l’analisi di quelli che invece vengono forniti in fotocopia per vedere se sono anche questi databili al periodo in cui li data Massimo Ciancimino, riferendoli a suo padre, se le grafie corrispondono e poi se il contenuto è o non è plausibile e riscontrabile, la Polizia scientifica dopo mesi di analisi è arrivata l’altro giorno al processo Mori che è il primo dove vengono utilizzate le dichiarazioni di Massimo Ciancimino sulla stagione delle stragi e delle trattative e ha dato i risultati delle analisi della Polizia scientifica sui 55 documenti forniti finora ai Magistrati di Palermo e Caltanissetta da Massimo Ciancimino e cosa ha stabilito la scientifica? Che di quei 55, 54 sono assolutamente originali o fotocopie di originali, senza nessun problema e quindi autentici, spetterà poi ai magistrati stabilire anche se sono veridici, ma intanto stiamo parlando di carte buone, non di carta straccia. Ce ne è uno che presenta delle anomalie, infatti immediatamente su quello, non sui 55 buoni, si sono scatenati i giornali, ancora una volta La Stampa, curiosamente “Berlusconi e la mafia e il falso di Ciancimino. La perizia della Polizia: ha costruito un documento facendo un collage” l’unica carta risultata manipolata scrive La Stampa, Il Giornale “il falso di Ciancimino, l’oracolo di Annozero, i fogli che provano i legami mafiosi del Cavaliere? Un collage e la calligrafia non sarebbe tutta di Don Vito”, falso, manipolazione, collage, però Il Giornale fa un bel autogol, perché dice “i fogli che provano i legami mafiosi del Cavaliere sono un collage” se non fossero un collage, quindi provano i legami mafiosi del Cavaliere, quindi l’importante è vedere cosa vuole dire questo collage, perché uno può fare un collage di due documenti autentici, non è che diventano falsi soltanto perché uno li incolla uno vicino all’altro, bisogna vedere se il collage è di documenti autentici o fasulli, quindi è importante stabilirlo. Di cosa stiamo parlando? Cos’è questo collage? Cosa dice la scientifica a dispetto di quello che hanno scritto La Stampa e Il Giornale che è completamente fasullo? La scientifica si riferisce a cosa? Si riferisce a una fotocopia formato A4, dove da un lato c’è un documento scritto a mano molto netto, molto marcato, molto nero, molto scuro, dall’altro un documento con un’altra grafia scritto molto più pallido che sembra quasi a matita, però è una fotocopia, di qua uno, di qua l’altro, due documenti appiccicati e fotocopiati sullo stesso foglio A4, cos’è quella roba? E’ un documento, anzi sono due documenti nei quali si leggono alcune annotazioni sia da una parte, sia dall’altra, o una da una parte e una dall’altra, Berlusconi – Ciancimino, Milano truffa assicurazioni, Milano – Gelli Bono, Calvi, e altre annotazioni di questo genere. E’ un documento, non è l’unico, dove si fa riferimento a Milano, Gelli, Bono che era un personaggio considerato legato alla mafia che lavorava a Milano in quel periodo e frequentava il giro di Dell’Utri e Rapisarda, Berlusconi – Ciancimino etc., quindi è un documento, come dice Il Giornale che proverebbe i rapporti mafiosi del Cavaliere, in realtà c’è molto di più tra le carte che portano Massimo Ciancimino e la madre su questi rapporti, ma in ogni caso vediamo questo collage. Sarebbe grave se Massimo Ciancimino avesse preso degli appunti che non erano di suo padre, li avesse consegnati alla Magistratura dicendo che erano appunti di suo padre e poi la scientifica avesse scoperto che in realtà era un collage di robe sue fatte adesso, per far dire a suo padre già morto, delle cose che non ha detto, sarebbe veramente un falso, una manipolazione. Invece cosa succede? Che Massimo Ciancimino questa fotocopia con i due documenti uno di qua e uno di là con grafia diversa, lo consegna ai magistrati di Palermo e Caltanissetta, il primo dicembre 200 9, si presenta davanti ai magistrati che l’hanno convocato per uno dei suoi tanti interrogatori, di fronte si trova il Procuratore Capo di Caltanissetta Sergio Lari e il sostituto Procuratore di Palermo Nino Di Matteo, questi mettono a verbale che lui sta consegnando il documento e glielo fanno descrivere, è molto interessante vedere cosa c’è nella trascrizione filmata e verbalizzata di quell’interrogatorio a proposito di quel documento, cosa si legge nel verbale? Perché è lì che si vede se Massimo Ciancimino ha cercato di truffare i magistrati spacciando per roba di suo padre della roba sua o di qualcun altro. Dice Massimo Ciancimino “Guardando il foglio alla mia sinistra è la mia grafia, alla mia destra è la grafia di mio padre, gli appunti più chiari sono scritti a matita da mio padre come sempre faceva, infatti li ho fotocopiati per evidenziarli meglio. Quelli più scuri è la mia grafia, erano argomenti che mi ripromettevo di approfondire con mio padre” domanda dei magistrati “quindi è un foglio misto?” risposta “sì è un foglio misto” magistrati “quindi è un collage?” risposta “esatto” domanda dei PM “ridotto in fotocopia?” risposta “sì” cosa vuole dire? Che Ciancimino non ha niente da nascondere. Nel 2000/2001 stava preparandosi a scrivere con suo padre un libro di memorie del padre e lui la aiutava, gli faceva da scribacchino, dopodiché quel libro non si fece perché suo padre all’improvviso morì nel novembre 2002, in tutto questo materiale che avevano messo insieme per scrivere il libro, Massimo Ciancimino che intervistava suo padre per il libro di memoria, si era fotocopiato da una parte dei suoi appunti da chiedere a suo padre e dall’altra un appunto di suo padre su cui lui intendeva chiedere chiarimenti al padre e quindi per comodità se li era fotocopiati nella stessa fotocopia, gli originali poi, chissà dove sono finiti, lui ha ritrovato quella fotocopia, appena l’ha consegnata ai magistrati ha detto: guardate che di qua sono io che scrivo e di qua è mio padre che scrive, per comodità avevo fotocopiato insieme, ve lo dico subito perché non pensiate che voglio confondere quello che ho scritto io, con quello che ha scritto mio padre, vi sembra l’atteggiamento di uno che vuole presentare carte false? Vi sembra che si possa dire che sono carte false queste? Soltanto perché stanno fotocopiate sullo stesso foglio A4, è a follia, sarebbero false se lui avesse attribuito a altri quello che invece ha attribuito in parte a sé stesso e in parte a suo padre, oppure se avesse preso dei pezzi di carta apocrifa e li avesse attribuiti a suo padre, ma fin dall’inizio lui ha detto esattamente le cose cole stavano. Nel 2009 un anno fa, un anno prima che lo scoprisse la Polizia scientifica, l’aveva già detto lui a verbale, quindi i titoli che avete letto “Il falso di Ciancimino, l’oracolo di Annozero. Berlusconi e la mafia il falso di Ciancimino” sono l’unica cosa falsa di tutta questa storia che è: bisogna sputtanare Massimo Ciancimino , perché? Perché altrimenti certe carte, autentiche, parlano da sole sui rapporti del nostro Premier e la mafia. Ma non è mica finita, perché abbiamo una nuova inchiesta su Berlusconi, questa volta a Roma, sapete chi ce l’ha? Ce l’ha lo stesso PM che sta indagando sulla casa di Montecarlo, il Procuratore aggiunto di Roma che si chiama Laviani, quest’ultimo indaga sul caso di Montecarlo dove non ci sono indagati, probabilmente non c’è neanche il reato di truffa, indaga perché Storace arcinemico di Fini ha fatto una denuncia, applausi a Laviani da parte dei giornali di centro-destra, evviva, indaga la Procura di Roma quindi vuole dire che c’è qualcosa sotto, ci sono dei reati, anche se non ci sono indagati, e l’indagine è contro ignoti. Poi si scopre che Laviani ha aperto un’inchiesta su Berlusconi insieme a una PM e allora questa diventa la prova che Berlusconi è perseguitato, se Laviani apre un’inchiesta su Montecarlo vuole dire che c’è del marcio, anche se Fini non è indagato e neanche suo cognato, se apre un’inchiesta su Berlusconi con Berlusconi indagato, allora vuole dire che Berlusconi è perseguitato e è lo stesso Laviani che diventa toga rossa o toga azzurra a seconda delle circostanze. Balle offshore - In realtà è semplicemente un magistrato che quando riceve una denuncia fa delle verifiche, ma non avendo trovato reati, per il momento non ha iscritto nessuno sul registro degli indagati, caso Montecarlo, dall’altro riceve da Milano un fascicolo per competenza su fatti di evasione fiscale commessi per due anni dalle società televisive di Berlusconi, Rti (reti televisive italiane) Canale 5, Rete 4 e Italia 1 nella solita compravendita di film gonfiata con le varie triangolazioni sulle società offshore, fondi neri, evasione fiscale, i magistrati di Milano gliela mandano così, ancora contro ignoti, lui guarda, fa una perizia, anzi una consulenza tecnica e alla fine iscrive Berlusconi e Piersilvio per un’evasione fiscale, se non erro di 16 milioni di Euro.
Indagine su Berlusconi a Roma, evasione fiscale è l’ipotesi di accusa, titolo de Il Giornale “Assedio a Berlusconi” titolo di Libero “Cacciagrossa a Silvio, un nuovo attacco dei giudici, torna in campo il partito dei giudici” si leggono espressioni curiose come, parlo del Giornale e di Libero “l’ultima aggressione, perseguitato ma vado avanti, i trucchi dei PM per tenere in ostaggio il Cavaliere” Libero “caccia grossa a Silvio, nuovo attacco dei giudici, è ripartita la caccia al Cavaliere, Silvio deve rompere l’asse Fini – PM” contro il Premier l’assalto coordinato di 9 Procure, la guerra tra giudici e Silvio, i giudici vogliono fermare la Riforma” vi ho citato 10 titoli perché non ce ne è uno che contenga le parole chiave della notizia “indagine, evasione fiscale” non ci sono, la parola “indagine” e la parola “evasione fiscale” non sono in nessuno dei titoli de Il Giornale e di Libero, perché? Perché se uno parla che c’è un’indagine per evasione fiscale a carico del capo del Governo, uno che le tasse le dovrebbe far pagare agli altri e a sé stesso e che in realtà ancora una volta è stato beccato a frodare il fisco, come fai a sostenere che è una persecuzione? Invece basta chiamare l’inchiesta per evasione fiscale “assedio, attacco, guerra, caccia, caccia grossa, aggressione, persecuzione, trucchi” per far capire che c’è qualcosa che non va, pensate se avessero indagato Fini, cosa avrebbero titolato Il Giornale e Libero, certamente non “caccia grossa a Fini, nuovo attacco dei giudici, torna in campo il partito dei giudici, assedio a Fini” vedete com’è importante chiamare le cose con il loro nome o per questi bugiardoni chiamarle con un nome sbagliato, diverso? Ultimo, l’inchiesta di Woodcock, ne abbiamo parlato la settimana scorsa per le minacce proferite forse scherzose, forse no, dal Vicepresidente de Il Giornale Porro al portavoce della Marcegaglia, come vi ho detto sono totalmente disinteressato alla difesa della Marcegaglia, anzi ne abbiamo sempre detto tutto quello che si meritava. Ma in questa inchiesta si è detto: ah ma la fa Woodcock quello che non ne azzecca una ! Sono andato a controllare un po’ perché questa settimana il consigliere del Csm in quota Lega Brigandì ha chiesto al Csm di aprire una pratica contro Woodcock perché Woodcock non ne azzecca una e quindi discreta la giustizia, allora sono andato a vedere, anche perché poi c’è il solito idiota, il solito pirla con le mesches che scrive che l’inchiesta di Woodcock non servirà a nulla, non arriverà a nulla, ha impiegato risorse non meglio utilizzate, ha messo in piazza conversazioni private di nessuna valenza istruttoria, perché tutte le inchieste di Woodcock valgono zero. Tanto perché lo sappiate, Woodcock è un magistrato che tra le altre cose ha fatto condannato il Cancelliere del Tribunale di Potenza dove lui lavorava perché il Cancelliere prendeva mazzette, poi il cancelliere ha dovuto risarcire i danni, ha fatto l’inchiesta sulle tangente Inail e moltissimi imputati hanno patteggiato e sono stati condannati e hanno risarcito un sacco di soldi alla pubblica amministrazione, compresi il Direttore generale dell’Inail e il Presidente del Collegio Sindacale dell’Inail e poi ha fatto condannare in primo grado l’Ambasciatore Vattani perché faceva telefonate con i mezzi dello Stato a segretarie, ragazze etc., ha fatto condannare il Consigliere regionale del Lazio Gargano, imprenditori come Claudio e Roberto Petrassi, ha fatto condannare una dirigente dell’agenzia delle entrate, sempre per l’inchiesta Vip, ha fatto risarcire un sacco di soldi a questi personaggi, ha fatto condannare il più noto Avvocato della Basilicata Piervito Bardi per favoreggiamento aggravato, era uno che per un certo periodo era stato anche l’Avvocato di Vittorio Emanuele, ha fatto rinviare a giudizio un Magistrato che oggi è Procuratore di Avezzano e prima era dirigente al Ministero della Giustizia, se non erro ai tempi di Mastella, si è occupato di personaggi come Monsignor Camaldo in fluentissimo relato Vaticano il cui nome è ricomparso nelle indagini sulla cricca della protezione civile, ha fatto condannare Corona per 3 volte addirittura in indagini che poi sono passate per competenza a altri tribunali per estorsione e altri reati e nell’indagine sulle tangenti Total per l’estrazione del petrolio in Basilicata, ci sono importanti conferme fino in Cassazione di questo procedimento che è ancora in corso, quindi Woodcock come tutti i magistrati fa le sue indagini e poi alcune approdano a condanna, altre a rinvio a giudizio, altre proscioglimenti, altre a prescrizioni come sempre avviene in Italia le indagini si fanno per coprire se uno è colpevole o no, quindi non è affatto detto che l’indagine quando parte debba già essere sicura di arrivare a condanne per tutti quanti, altrimenti ci sarebbe da preoccuparsi. Ma vedete, basta ripetere ogni tanto che questo Woodcock non ne azzecca una e la cosa si viene a sapere, tengo per la prossima settimana questa meraviglia “Piemonte, il ribaltone anti-Cota è già scritto” se uno vince le elezioni con il trucco, con liste che non hanno ottenuto le firme o che hanno fatto delle truffe, deve essere naturalmente destituito e si devono fare le elezioni, oppure deve passare il primo, quello che ha avuto più voti dopo di lui, questo viene chiamato ribaltone, ma di questo parleremo la prossima settimana perché ci sono pressioni scandalose sulla magistratura piemontese perché confermi il voto truccato che ha portato all’elezione del governatore Cota, passate parola!

Marco Travaglio (Passaparola del 18 ottobre 2010)

Nessun commento:

Archivio blog

Questo BLOG non è una testata giornalistica: viene aggiornato con cadenza casuale e pertanto non è un prodotto editoriale (ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001) bensì un semplice archivio condiviso di idee e libere opinioni. Tutto ciò ai sensi dell'art.21 comma 1 della Costituzione Italiana che recita come: TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Post più popolari

Lettori fissi

"essecpa" - I MIEI VIDEO SU YOU TUBE

Loading...

Cagando todos somos iguales

Cagando todos somos iguales
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)

Un'immagine, un racconto (libro fotografico on line)
La fotografia è in genere un documento, la testimonianza di un ricordo che raffigura spesso persone e luoghi, ma talvolta può anche costituire lo spunto per fantasticare un viaggio ovvero per inventare un racconto e leggere con la fantasia l’apparenza visiva. (cliccando sopra la foto è possibile visionare il volume)

Etichette

"Sbankor" (2) 10 storie del Cavaliere (10) Abbate Lirio (2) Accolla Dario (1) Accorinti Renato (1) Adinolfi Massimo (1) Aforismi (18) Ai Weiwei (1) Al Capone (1) Alberton Mariachiara (1) Alfano Angelino (2) alias C215 (1) Alice ed Ellen Kessler (1) Allende Isabel (1) Allievi Stefano (1) Almerighi Mario (1) Amato Fabio (2) Amato Giuliano (2) Ambrosi Elisabetta (1) Amurri Sandra (1) Andreoli Vittorino (4) Andreotti Giulio (4) Andrews Geoff (1) Aneddoti (9) Angela (1) Angelo Rivoluzionario (1) Annunziata Lucia (2) Anselmi Tina (2) Anzalone Morena (1) Articoli (1442) Assante Ernesto (2) Attias Luca (1) Augias Corrado (2) Autieri Daniele (1) Avveduto Virginia (1) B1 (1) Baglioni Angelo (1) Bagnasco Angelo (1) Ballarò (1) Balocco Fabio (1) Banca d'Italia (23) Banche & Finanza (35) Baraggino Franz (1) Barbacetto Gianni (3) Barbareschi Luca (1) Barbera Davide (1) Barca Fabrizio (1) Basile Gaetano (1) Bassi Franco (1) Battaglia Letizia (2) Battiato Franco (3) Battisti Lucio (1) BCE (1) Beha Oliviero (3) Bei Francesco (1) Belardelli Giovanni (1) Belardelli Giulia (3) Bellantoni Pietro (1) Beltramini Enrico (1) Bene Carmelo (1) Benedetti Carla (1) Benetazzo Eugenio (1) Benigni Roberto (1) Benincasa Giuseppe (1) Benni Stefano (35) Bergoglio Jorge Mario (1) Bergonzoni Alessandro (10) Berlinguer Bianca (1) Berlinguer Enrico (4) Berlusconi Silvio (17) Bernabei Ettore (1) Bersani Pierluigi (3) Bertinotti Fausto (1) Bertolucci Lionello (1) Biagi Enzo (26) Bianchi Enzo (1) Bianchini Eleonora (3) Bianchini Gabriella (1) Bianconi Giovanni (1) Bignardi Daria (1) Bilderberg (1) Billeci Antonio (1) Billi Debora (1) Bini Flavio (2) Biondani Paolo (1) Biscotto Carlo Antonio (1) Bisio Caludio (1) Biussy Nick (1) Blair Cherie (1) Bobbio Norberto (3) Bocca Giorgio (7) Bocca Riccardo (1) Bocconi Sergio (1) Boggi Paolo (1) Boldrini Laura (1) Bolzoni Attilio (2) Bongiorno Giulia (1) Bongiorno Mike (1) Bonini Carlo (1) Bonino Carlo (1) Bonino Emma (1) Borromeo Beatrice (3) Borsellino Paolo (2) Borsellino Rita (1) Borsellino Salvatore (2) Bossi Umberto (2) Bowie David (1) Bozonnet Jean-Jacques (1) Bracconi Marco (4) Brambrilla Michele (1) Branduardi Angelo (1) Breda Marzio (1) Brera Guido Maria (1) Bucaro Giuseppe (1) Buffett Warren (1) Bukowski Charles (1) Busi Maria Luisa (1) Buttafuoco Pietrangelo (1) Buzzati Dino (1) Cacciari Massimo (3) Cacioppo Giovanni (1) Calabresi Mario (4) Calabrò Maria Antonietta (1) Calderoli Roberto (1) Callari Francesco (1) Calzona Piero (1) Camilleri Andrea (25) Cammarata Diego (1) Campanile Achille (13) Campi Alessandro (1) Campofiorito Matteo (1) Cancellieri Anna Maria (3) Cannatà Angelo (1) Cannavò Salvatore (3) Cantone Raffaele (1) Canzoni (17) Caponnetto Antonino (1) Caporale Antonello (4) Caprarica Antonio (4) Carbone Chiara (1) Carchedi Bruno (1) Carminati Massimo (1) Carofiglio Gianrico (1) Caruso Cenzi (1) Casaleggio Gianroberto (1) Caselli Gian Carlo (3) Caselli Stefano (2) Cassese Sabino (1) Cat Stevens (1) Catalano Carmela (2) Catilina Lucio Sergio (1) Cavallaro Felice (2) Ceccarelli Filippo (2) Cedrone Giovanni (1) Celentano Adriano (3) Celestini Ascanio (12) Celi Lia (1) Centro Paolo Borsellino (1) Cerami Gabriella (1) Cerno Tommaso (1) Cetto La Qualunque (1) Chessa Pasquale (1) Chi controlla il controllore? (1) Ciancimino Massimo (3) Ciancimino Vito (2) Ciccarello Elena (1) Cimato Claudia (1) Cimò Valeria (1) Ciotti Luigi (1) Cipiciani Carlo (1) Cirino Mariano (1) Civati Giuseppe (1) Claudel Paul (1) Cocuzza Luigi (1) Colletti Giampaolo (1) Collini Pietro (1) Colombo Furio (4) Colombo Gherardo (6) Conti Paolo (1) Copasir (1) Coppola Gerardo (9) copyright (1) Cordero Franco (1) Cornaglia Carlo (2) Corsini Daniele (27) Costamagna Luisella (9) Covatta Giobbe (1) Craxi Bettino (2) Crispi Maurizio (1) Crocetta Rosario (1) Crozza Maurizio (2) Curcio Antonio (1) Custodero Alberto (1) Cuzzocrea Annalisa (1) d (1) D'alema Massimo (2) D'Alessandro Nicolò (2) D'Amato Daniele (1) D'Ambrosio Simone (2) D'Avanzo Giuseppe (11) D'Eramo Marco (1) D'Esposito Fabrizio (2) D'Orta Marcello (19) da altri blog (1313) Dalla Chiesa Carlo Alberto (1) Dalla Chiesa Nando (1) Dalla Lucio (1) Damilano Marco (6) Davigo Piercamillo (6) De Andrè Fabrizio (2) De Angelis Attilio (1) De Bac Marcherita (1) De Bortoli Ferruccio (1) De Crescenzi Davide (8) De Crescenzo Luciano (21) De Curtis Antonio (2) De Francesco Gian Maria (1) De Gasperi Alcide (1) De Gregori Francesco (2) De Gregorio Concita (3) De Luca Erri (2) De Luca Maria Novella (1) De Magistris Luigi (5) De Marchi Toni (1) De Riccardis Sandro (1) De Sciciolo Cristiano (1) Deaglio Enrico (3) Dedalus (1) Del Bene Francesco (1) Del Corno Mauro (1) Dell'Utri Marcello (4) Della Valle Diego (1) Deneault Alain (1) Di Battista Alessandro (1) Di Cori Modigliani Sergio (1) Di Feo Gianluca (1) Di Giorgio Floriana (1) Di Matteo Antonino (4) Di Napoli Andrea (10) Di Nicola Primo (2) Di Pietro Antonio (28) Di Stefano Jolanda Elettra (2) Di Stefano Paolo (1) Diamanti Ilvo (28) Didonna Donato (1) Discorsi (1) Documenti (97) Donadi Massimo (2) Donati Antonella (1) Dondero Mario (1) Dones Merid Elvira (1) Dusi Elena (1) Eco Umberto (2) Eduardo De Filippo (1) Einstein Albert (1) Elio e Le Storie Tese (1) Email (24) Emanuello Daniele (1) Enigmistica (1) Erika Tomasicchio (1) Ernesto Bazan (1) Esopo (7) Esposito Antonio (1) essec (103) Eugenia Romanelli (1) Evangelista Valerio (1) Evita Cidni (3) Fabozzi Andrea (1) Facchini Martini Giulia (1) Facci Filippo (1) Facebook (26) Falcone Giovanni (3) Faletti Giorgio (1) Famiglie Arcobaleno (6) Famularo Massimo (1) Fantauzzi Paolo (1) Faraone Davide (1) Farinella Paolo (7) Fatucchi Marzio (1) Fava Giuseppe (1) Favale Mauro (1) Favole (11) Fazio Antonio (1) Federica Radice Fossati Confalonieri (1) Fedro (6) Feltri Stefano (4) Feltri Vittorio (1) Ferrandelli Fabrizio (2) Ferrara Gianluca (1) Ferrara Roberta (1) Ferrarella Luigi (1) Ferro Ornella (2) FIAT (1) Ficocelli Sara (2) Fierro Enrico (2) Filastrocche (1) Finanza (1) Fini Gianfranco (5) Fini Massimo (272) Fittipaldi Emiliano (2) Flaiano Ennio (1) Flores d'Arcais Paolo (7) Floris Giovanni (2) Fo Dario (3) Foà Arnoldo (1) Fontanarosa Aldo (1) Forleo Maria Clementina (1) Formigli Enrico (1) Fornaro Placido Antonino (1) Fotografia (39) Franceschini Dario (2) Franceschini Enrico (3) Franceschini Renata (1) Franco Luigi (1) Frangini Sara (1) Fraschilla Antonio (1) Friedman Alan (1) Fruttero Carlo (1) Fruttero e Lucentini (1) Furnari Angelo (1) Fusaro Diego (2) Gaarder Jostein (2) Gabanelli Milena (5) Gaber Giorgio (9) Gaita Luisiana (1) Galantino Nunzio (1) Galeazzi Lorenzo (1) Galimberti Umberto (10) Galli della Loggia Ernesto (1) Gallo Andrea (2) Gallo Domenico (1) Garbo Rosellina (1) Garibaldi Giuseppe (1) Gasparri Maurizio (1) Gattuso Marco (1) Gaudenzi Daniela (3) Gawronski PierGiorgio (2) Gebbia Totò (1) Gelmini Mariastella (2) georgiamada (1) Gerino Claudio (1) Ghedini Niccolò (2) Giampà Domenico (1) Giamporcaro Concetta (1) Gianguzzi Rosalinda (1) Giannelli (1) Giannini Massimo (31) Giannone Eugenio (1) Giannuli Aldo (3) Giaramidaro Nino (1) Gilioli Alessandro (5) Gino e Michele (2) Ginori Anais (1) Giordano Lucio (1) Giordano Paolo (1) Giuè Rosario (1) Giulietti Beppe (1) Gomez Peter (22) Google (1) Gotor Miguel (1) Gramellini Massimo (9) Granata Fabio (3) Grancagnolo Alessio (1) Grassadonia Marilena (2) Gratteri Nicola (1) Greco Francesco (3) Grillo Beppe (44) Grossi Alberto (1) Gruber Lilli (1) Gualerzi Valerio (1) Guémy Christian (1) Guerri Giordano Bruno (2) Gusatto Lara (1) Guzzanti Corrado (10) Guzzanti Paolo (4) Guzzanti Sabina (1) Hallen Woody (1) Harari Guido (1) Hikmet Nazim (1) Hitler Adolf (1) Horvat Frank (1) Hutter Paolo (1) Iacchetti Enzo (1) Iacona Riccardo (1) Iannaccone Sandro (1) Idem Josefa (1) IDV - Italia dei Valori (23) Il Ghigno (2) Il significato delle parole (5) Imprudente C. (1) Ingroia Antonio (4) Innocenti Simone (1) Invisi Guglielmo (1) Iossa Mariolina (1) Iotti Nilde (1) ITC Francesco Crispi (2) Iurillo Vincenzo (1) Jarrett Keith (1) Jop Toni (1) Joppolo Francesca (1) Kashgar (1) Kipling Rudyard (1) L'Angolino (6) L'apprendista libraio (1) L'Ideota (1) La Delfa Giuseppina (1) La Licata Francesco (2) La Rosa Dario (1) LAD (Laboratorio Arti Digitali) - Palermo (1) Lana Alessio (1) Lannutti Elio (1) Lannutti Wlio (1) Lanzetta Maria Carmela (1) Lanzi Gabriele (1) Laurenzi Laura (1) Lavezzi Francesco (1) Le Formiche Elettriche (19) Lella's Space (1) Lenin (1) Lerner Gad (1) Letta Enrico (3) Letta Gianni (1) Levi Montalcini Rita (1) Lezioni (3) Li Castri Roberto (1) Licandro Orazio (1) Lido Fondachello (1) Lillo Marco (13) Limiti Stefania (1) Littizzetto Luciana (8) Liucci Raffaele (1) Liuzzi Emiliano (3) Livini Ettore (1) Lo Bianco Giuseppe (2) Lo Bianco Lucia (1) Lodato Saverio (8) Lolli Claudio (1) Lombardo Raffaele (1) Longo Alessandra (1) Lorenzo dè Medici (1) Loy Guglielmo (1) Lucarelli Carlo (1) Lucci Enrico (1) Lungaretti Celso (1) Luporini Sandro (6) Lussana Carolina (1) Luttazi Daniele (3) M5S (1) Mackinson Thomas (3) Magris Claudio (1) Maltese Curzio (22) Manca Daniele (1) Manfredi Alessia (1) Manna Francesco (1) Mannheimer Renato (1) Mannoia Fiorella (2) Manzi Alberto (1) Maraini Dacia (2) Maratona di Palermo (5) Marcelli Fabio (1) Marchetti Ugo (1) Marchionne Sergio (3) Marcoaldi Franco (1) Marconi Mario (1) Marcorè Neri (1) Marino Ignazio (2) Marra Wanda (3) Marro Enrico (1) Martelli Claudio (4) Martini Carlo Maria (2) Marzano Michela (2) Mascali Antonella (2) Masi Mauro (1) Massarenti Armando (4) Mastella Clemente (1) Mastropaolo Alfio (1) Maurizi Stefania (1) Mauro Ezio (22) Mautino Beatrice (1) Max Serradifalco (1) Mazza Donatella (1) Mazzarella Roberto (1) Mazzella Luigi (1) Mazzola Barbara (2) Mazzucato Mariana (1) McCurry Steve (1) Meletti Giorgio (3) Meli Elena (1) Mello Federico (4) Melloni Mario (3) Meloni Giorgia (1) Menichini Stefano (1) Mentana Enrico (2) Merella Pasquale (1) Merico Chiara (1) Merkel Angela (1) Merlo Francesco (5) Messina Ignazio (1) Messina Sebastiano (3) Mesurati Marco (1) Milella Liana (2) Milla Cristiana (1) Mincuzzi Angelo (1) Mineo Corradino (2) Minnella Liana (1) Minnella Melo (1) Mogavero Domenico (2) Monastra Antonella (1) Montanelli Indro (7) Montefiori Stefano (2) Monti Mario (7) Moore Michael (1) Mora Miguel (2) Morelli Giulia (1) Moro Aldo (6) Mosca Giuditta (1) Munafò Mauro (1) Musolino Lucio (1) Mussolini Benito (4) Myanmar (1) Napoleoni Loretta (1) Napoli Angela (1) Napolitano Giorgio (10) Narratori e Umoristi (238) Nicoli Sara (6) Nietzsche Friedrich (2) Norwood Robin (1) Notarianni Aurora (1) Nuzzi Gianluigi (4) Obama Barak (4) Oian Daniele (1) Oliva Alfredo (1) Onorevoli e .... (282) Oppes Alessandro (1) Orlando Leoluca (4) Ottolina Paolo (1) P.G.T. (3) Pace Federico (2) Padellaro Antonio (29) Padre Georg Sporschill (1) Pagliai Giovanni (1) Pagnoncelli Nando (1) Palazzotto Gery (1) Palombi Marco (2) Panebianco Angelo (1) Pannella Marco (1) Pansa Giampaolo (3) Papa Roncalli (2) Paragone Gianluigi (1) Parise Goffredo (1) Parlagreco Salvatore (4) Pasolini Caterina (1) Pasolini Pierpaolo (1) Passaparola (84) Peccarisi Cesare (1) Pellegrini Edoardo (1) Pellegrino Gianluigi (1) Pellizzetti Pierfranco (7) Penelope Nunzia (1) Pericle (1) Pertini Sandro (1) Petizioni (1) Petraloro Vito (1) Petrella Louis (1) Petrini Diego (1) Petrolini Ettore (4) Piana degli Albanesi (1) Piccolo Francesco (5) Pignatone Giuseppe (1) Piketty Thomas (2) Pini Massimo (4) Pini Valeria (2) Pink Floyd (2) Pino Sunseri (1) Pinotti Ferruccio (1) Pipitone Giuseppe (2) Pisanu Giuseppe (1) Pitta Francesca (1) Pivano Fernanda (1) Poesia (37) Politi Marco (2) Polito Antonio (1) Pomi Simone (4) Pomicino Paolo Cirino (1) Pompei (1) Popolo Viola (1) Porro Nicola (1) Porrovecchio Rino (2) Portanova Mario (1) Prezzolini Giuseppe (1) Prodi Romano (2) Puppato Laura (1) Purgatori Andrea (1) Quagliarello Gaetano (1) Querzè Rita (1) Raiperunanotte (1) Rajastan (1) Rame Franca (1) Rampini Federico (13) Randazzo Alessia (1) Ranieri Daniela (1) Ranucci Sigfrido (1) Ravello (1) Recalcati Massimo (2) Recensioni (25) Referendum (2) Reguitti Elisabetta (2) Reina Davide (1) Renzi Matteo (12) Report (2) Reportage siciliano (1) Reski Petra (2) Retico Alessandra (1) Revelli Marco (1) Riboud Marc (1) Ricci Maurizio (1) Ricciardi Raffaele (1) Rijtano Rosita (1) Riondino David (4) Riva Gloria (1) Rizza Sandra (2) Rizzo Sergio (9) Roberti Franco (2) Roccuzzo Antonio (1) Rodari Gianni (3) Rodotà Maria Laura (1) Rodotà Stefano (6) Roiter Fulvio (1) Romagnoli Gabriele (1) Rosalio (1) Rosselli Elena (1) Rossi Enrico (1) Rossi Guido (1) Rossi Paolo (1) Rosso Umberto (1) Ruccia Gisella (1) Rusconi Gianni (1) Rutigliano Gianvito (2) Ruvolo Mariastella (1) Sacconi Maurizio (2) Saggistica (131) Said Shukri (1) sallusti Alessandro (1) Salvati Michele (1) Sander August (1) Sannino Conchita (1) Sansa Ferruccio (2) Sansonetti Stefano (1) Santamaria Marcello (1) Santarpia Valentina (1) Santoro Michele (6) Sargentini Monica Ricci (1) Sartori Giovanni (9) Sasso Cinzia (1) Sava Lia (1) Savagnone Giuseppe (1) Saviano Roberto (12) Scacciavillani Fabio (1) Scalfari Eugenio (33) Scalzi Andrea (1) Scanzi Andrea (8) Scarafia Sara (1) Scarpinato Roberto (9) Schillaci Angelo (1) Scianna Ferdinando (4) Sciascia Carlo Roberto (1) Scorza Guido (2) Scuola (2) Scurati Antonio (1) Serra Michele (14) Serra Michele R. (1) Serradifalco Massimiliano (1) Severgnini Beppe (12) Sicilcassa (2) Sideri Massimo (2) Siena (2) Signorelli Amalia (1) Siino Tony (1) Silena Lambertini (1) Simonelli Giorgio (2) Slide show (43) Smargiassi Michele (2) Socrate (1) Soffici Caterina (1) Sofri Adriano (1) Sollima Giovanni (1) Sommatino Francesca (2) Spicola Mila (3) Spinelli Barbara (6) Spinicci Paolo (1) Sport (1) Springsteen Bruce (2) Staino Sergio (1) Stasi Davide (1) Stella Gian Antonio (10) Stepchild adoption (1) Stille Alexander (2) Stone Oliver (1) Storie comuni (5) Superbonus (1) Sylos Labini Francesco (1) Szymborska Wislawa (1) Tafanus (1) Taormina Carlo (1) Tarquini Andrea (2) Tartaglia Roberto (1) Taverna Paola (1) Tecce Carlo (4) Telese Luca (7) Temi (4) Terzani Tiziano (4) Tinti Bruno (16) Tito Claudio (2) Tocci Walter (1) Tomasi di Lampedusa Giuseppe (1) Tomasoni Diego (2) Tonacci Fabio (1) Toniolo Maria Gigliola (1) Toniutti Tiziano (2) Torresani Giancarlo (1) Torsello Emilio Fabio (2) Tortora Francesco (3) Totò (2) Travaglio Marco (228) Tremonti Giulio (2) Trilussa (15) Troja Tony (1) Trump Donald (1) Truzzi Silvia (8) Tundo Andrea (1) Turco Susanna (1) Turrini Davide (1) Twain Mark (1) U2 (1) UIF - Unione Italiana Fotoamatori (4) Usi ed Abusi (8) Valkenet Paulina (1) Vandenberghe Dirk (1) Vannucci Alberto (1) Varie (38) Vauro Senesi (2) Vecchi Davide (9) Vecchio Concetto (3) Veltroni Walter (3) Vendola Niki (3) Venturini Marco (1) Verderami Francesco (1) Verdini Denis (3) Vergassola Dario (4) Viale Guido (1) Video (99) Villaggio Paolo (6) Violante Luciano (2) Viroli Maurizio (3) Visetti Giampaolo (1) Viviano Francesco (2) Volàno Giulio (1) Vulpi Daniele (1) Walters Simon (1) Wikipedia (20) Wilde Oscar (3) WWF (1) www.toticlemente.it (3) You Tube (77) Yourcenar Margherite (1) Zaccagnini Adriano (1) Zaccagnini Benigno (1) Zagrebelsky Gustavo (9) Zambardino Vittorio (1) Zanardo Lorella (1) Zanca Paola (1) Zucconi Vittorio (3) Zucman Gabriel (1) Zunino Corrado (1)

COOKIES e PRIVACY Attenzione!

Si avvisano i visitatori che questo sito utilizza dei cookies per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche anonime. E’ possibile trovare maggiori informazioni all’indirizzo della Privacy Policy di Automattic: http://automattic.com/privacy/ Continuando la navigazione in questo sito, si acconsente all’uso di tali cookies. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser.

Meteo

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Monte Pellegrino visto da casa natia di Acqua dei Corsari

Calcolo Devalutazione Monetaria